Home News Italiae et Ecclesia Pompei, prende il via il Grande Progetto per salvare il sito

Pompei, prende il via il Grande Progetto per salvare il sito

Pompei, prende il via il Grande Progetto per salvare il sitoIl Grande Progetto Pompei ha ufficialmente preso il via. Sono stati assegnati mediante bando circa 97 dei 105 milioni stanziati dall’Unione Europea per restaurare questo museo a cielo aperto e salvarlo dal degrado in cui versa da anni. Al microfono di Corinna Spirito, il Soprintendente ai Beni Archeologici di Pompei, Massimo Osanna spiega come apparirà il sito.

R. – È un intervento straordinario sul sito, innanzitutto di manutenzione straordinaria: una messa in sicurezza generale di tutta l’area archeologica che, per buona parte dei 44 ettari, soffriva di degrado diffuso e quindi aveva necessità di un intervento capillare complessivo. A fianco a questo, il grande progetto prevede restauri puntuali di singole domus, quelle con apparati decorativi, mosaici e affreschi di qualità, che si potranno quindi aprire al pubblico. Accanto a questo c’è un piano della sicurezza che è destinato a rafforzare il controllo tramite videosorveglianza, una nuova illuminazione e una nuova recinzione. Poi c’è un piano della conoscenza, che è un piano destinato a documentare tutto il sito, muro per muro, con schedatura di murature, stato del degrado, rilievo fotogrammetrico e laser-scanner, che confluirà in un archivio informatico, che è stato anche bandito e aggiudicato con un sistema informativo, che sarà appunto la base dei due anni successivi, per cominciare con una manutenzione ordinaria. Accanto a questo c’è poi un piano della fruizione e della comunicazione, destinato a creare nuovi itinerari e anche allestimenti in un museo diffuso all’interno dello scavo, usando anche tecniche virtuali, poi un piano, il progetto si chiama “Pompei per tutti”, con un percorso per disabili che renderà possibile attraversare tutta Pompei in sicurezza. Oltre a questo, un piano della comunicazione che prevede, oltre alla ristrutturazione del sito web, un progetto di grandi mostre, che saranno fatte tutte quest’anno, fra cui una “Pompei e l’Europa” che sarà al Museo Nazionale di Napoli e a Pompei, e tratterà della fortuna di Pompei e di come questa abbia influenzato la cultura europea dal 1748 fino agli anni ’40, cioè alla Seconda Guerra Mondiale, dove saranno esposti anche i quadri di Picasso, di De Chirico e quindi di grandissimi artisti.

D. – Quando potremo vedere questa nuova Pompei?

R. – La nuova Pompei si può già iniziare a vedere, perché grazie al piano della Capacity Building abbiamo avuto la possibilità, non solo di restaurare, ma anche di aprire, con 30 nuovi addetti alla vigilanza, 13 nuovi edifici. Quindi chi viene a Pompei oggi avrà la possibilità di vedere case sempre state chiuse o da lungo tempo chiuse. Già questo si vede e devo dire che abbiamo avuto vari riscontri da parte del pubblico del gradimento di questa nuova Pompei. E poi, invece, per i grandi lavori di restauro, ovviamente, bisognerà aspettare la fine del 2015, quando saranno completate tutte le messe in sicurezza e i restauri in programmazione.

Fonte. Radio Vaticana

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus ha reso difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,922FansLike
17,749FollowersFollow
9,726FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Vangelo 7 Giugno 2020

Leggi e medita sul Vangelo di oggi, 7 Giugno 2020. Lettura...

Vangelo del giorno - Domenica, 7 Giugno 2020 Oggi, Solennità della Santissima Trinità, medita sul Vangelo del giorno; lettura e commento a cura di Don...