Home News Terra Sancta et Oriens Pellegrinaggi in calo in Terra Santa È l'effetto dell'Isis

Pellegrinaggi in calo in Terra Santa È l’effetto dell’Isis

20110915_024pWilliam Shomali, vescovo ausiliare di Gerusalemme, spiega che le immagini cruente provenienti da Siria e Libia hanno avuto un grande impatto emotivo. Poi c’è “l’errata percezione che i santuari siano nel bel mezzo dei conflitti, cosa che non è vera. Gerusalemme, Betlemme e gli altri Luoghi Santi sono sicuri e geograficamente lontani dalla guerra”. Si calcola che il calo degli arrivi si attesti intorno al 10%

“Ogni evento negativo, come la guerra a Gaza dell’estate scorsa o più recentemente il massacro da parte dello Stato islamico dei 21 egiziani di fede cristiana in Libia, ha sempre un impatto sui pellegrini e sul flusso dei pellegrinaggi. È una reazione viscerale, inconscia, dettata dalla paura impossibile da controllare”. Da Gerusalemme a parlare è monsignor William Shomali, vescovo ausiliare di Gerusalemme e vicario patriarcale per la Palestina. Le immagini cruente, le ultime della serie, della morte del pilota giordano in Siria o dello sgozzamento dei 21 egiziani di fede cristiana in Libia, hanno avuto un grande impatto emotivo sull’opinione pubblica mondiale. “Si tratta di fatti che incutono timore – spiega il vescovo che è anche presidente della Commissione episcopale per i pellegrinaggi della Chiesa cattolica di Terra Santa – alimentato dall’errata percezione che i santuari siano nel bel mezzo dei conflitti, cosa che non è assolutamente vera. Gerusalemme, Betlemme e gli altri Luoghi Santi sono sicuri e geograficamente lontani dalla guerra”.

La tensione dell’area sta provocando un calo di pellegrini?

“Va detto subito che i pellegrini continuano ad arrivare ma il calo pare abbastanza evidente. Tuttavia ci sono anche elementi positivi. Nei prossimi mesi è atteso l’arrivo di circa 100mila pellegrini musulmani dalla Turchia. Grazie anche allo sforzo del loro Paese potranno visitare in particolare Gerusalemme, Hebron, dove si trova la tomba dei Patriarchi, e Betlemme. L’arrivo dei pellegrini, musulmani e cristiani, offre importanti opportunità di lavoro, che è ciò che serve a questa terra, ma è anche una risposta alla violenza”.

Si va verso Pasqua, periodo tradizionalmente ricco di pellegrinaggi. È possibile fare previsioni sugli arrivi? Si prevedono defezioni?
“Premesso che si parla di stime, tutte da verificare, credo che si possa prevedere una flessione dei pellegrinaggi di circa il 10%, anche meno. Sono molti quelli che hanno già prenotato e che non hanno intenzione di rinunciare al pellegrinaggio nei Luoghi di Gesù che, voglio ribadirlo, sono assolutamente sicuri e fuori dalla violenza che vediamo ogni giorno in tv e leggiamo sui giornali. I pellegrini possono venire qui in tutta tranquillità. Ma c’è una cosa che vorrei aggiungere…”.

Quale?
“Siamo davanti a un pericolo globale che riguarda tutti e non solo il Medio Oriente, Usa inclusi. Pensiamo a ciò che è accaduto a Bruxelles, a Parigi, a Copenaghen, la paura corre sulla frontiera europea con la Libia a un passo. Ma non dobbiamo farci bloccare dalla paura. Per questo faccio appello ai pellegrini: venite in Terra Santa, è sicura!”.

Ci sono anche problemi economici, data la congiuntura attuale, che potrebbero impedire a molti di venire in pellegrinaggio…

“Da parte nostra, come Chiesa locale, cerchiamo di dare a tutti opportunità per viaggiare in Terra Santa e mi riferisco soprattutto ai più giovani che hanno meno possibilità economiche. Per loro abbiamo pensato di costruire a Beit Jala, a meno di 2 km. da Betlemme, il centro ‘Papa Francesco’. Il 17 febbraio, il Patriarca latino di Gerusalemme, Fouad Twal, ha benedetto la prima pietra. Il progetto, che è stato sostenuto dalla Conferenza episcopale italiana, che ringraziamo ancora per la sua tradizionale vicinanza e solidarietà, prevede una superficie complessiva di 3.840 metri quadrati e, se s’includono gli spazi esterni dei giardini e parcheggi, copre 5 ettari”.

Qual è lo scopo di questo progetto?

“Realizzare un centro di accoglienza per i giovani locali e internazionali. Saranno disponibili ben 56 camere per giovani pellegrini a prezzi economici. La struttura rappresenterà un’importante fonte di occupazione per i cristiani di Beit Jala, di Betlemme e della zona circostante. I lavori dovrebbero essere completati entro il 2015 in modo che la casa possa aprire già all’inizio del 2016. Guardiamo ai giovani che sono il futuro della Chiesa e del Paese”.

A proposito di futuro, il Parlamento italiano dovrebbe votare a favore del riconoscimento dello Stato palestinese, al pari di altri Paesi europei. Il Patriarca Twal ha già esortato l’Italia a muoversi in questa direzione. Ora sembra arrivato il momento…
“Riconoscere lo Stato di Palestina incoraggia i palestinesi a credere nel dialogo che dovrà seguire a questo riconoscimento. Si tratta di un segno di pace. Auspico che il Parlamento italiano si adoperi in tal senso. Quando avremo due Stati, liberi, autonomi, con frontiere certe e sicure, allora sarà pace. Spero che il riconoscimento avvenga in tempi rapidi. Dare soluzione a questo ultradecennale conflitto significa disinnescare tante tensioni e crisi che da questo, direttamente e indirettamente, provengono. La guerra israelo-palestinese ha un impatto immenso sulle vicende del Medio Oriente”.

di Daniele Rocchi per l’Agenzia Sir

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità

I nostri social

9,915FansLike
17,749FollowersFollow
9,750FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Fabrizio Fiore

Fabrizio il giovane che ha ricevuto molte grazie da Santa Teresina...

Fabrizio Fiore e il suo legame con Santa Teresina Le grazie di Santa Teresa del Bambin Gesù arrivano ancora oggi... LA STORIA - Fabrizio Fiore, ospite...