Home News Sancta Sedes Papa Francesco: stop alle terribili violenze in Siria ed Iraq

Papa Francesco: stop alle terribili violenze in Siria ed Iraq

Pubblicità

La fine della violenza “terribile” in particolare Siria e Iraq, dove si assiste a conflitti che “nessuna motivazione può giustificare o permettere” e dove i nostri fratelli cristiani e non solo sono costretti a soffrire “quotidianamente”. È l’auspicio del Papa nell’incontro in Vaticano col Catholicos Mar Gewargis III, Patriarca della Chiesa Assira dell’Oriente. Francesco ha pure pregato per la piena comunione tra cattolici e assiri, esortando a rinnovare la “memoria comune” dell’attività evangelizzatrice. Il servizio di Giada Aquilino per Radio Vaticana:

Pubblicità

pope-francis

Il dono della pace per il Medio Oriente, con la fine di “tanto dolore” lì sperimentato, e il cammino verso la “piena comunione” tra cristiani che il Papa desidera “ardentemente” proseguire. Questa la preghiera di Francesco, incontrando il Catholicos Mar Gewargis III. Prima di un momento di raccoglimento nella Cappella Redemptoris Mater del Palazzo Apostolico, il Pontefice si è soffermato in colloquio privato con il Patriarca della Chiesa Assira dell’Oriente. Quindi il pensiero è andato specialmente alla Siria e all’Iraq. Siamo “costernati”, ha detto il Papa, per quanto sta accadendo in quelle terre:
“Lì si riversa su centinaia di migliaia di bambini innocenti, di donne e di uomini la violenza terribile di sanguinosi conflitti, che nessuna motivazione può giustificare o permettere. Lì i nostri fratelli e sorelle cristiani, nonché diverse minoranze religiose ed etniche sono purtroppo abituati a soffrire quotidianamente grandi prove”.
“Ogni giorno”, ha osservato Francesco, vediamo cristiani che “percorrono la via della croce” seguendo con “mitezza” le orme di Gesù, che con la sua croce “ci ha riconciliati”: sono dei “modelli” che ci esortano “in ogni circostanza a rimanere col Signore, ad abbracciare la sua croce, a confidare” in Lui, perché la presenza di Cristo ci invita “anche nelle avversità” a non stancarci di vivere il suo messaggio “di amore, di riconciliazione e di perdono”:
“Questo impariamo dai martiri e da quanti oggi ancora, anche a costo della vita, restano fedeli al Signore e con Lui vincono il male con il bene. Siamo grati a questi nostri fratelli, che ci sospingono a seguire la via di Gesù per sconfiggere l’inimicizia. Come il sangue di Cristo, sparso per amore, ha riconciliato e unito, facendo germogliare la Chiesa, così il sangue dei martiri è il seme dell’unità dei Cristiani. Esso ci chiama a spenderci con carità fraterna per la comunione”.
Lo sguardo del Papa è andato ai “saldi legami fraterni” che già sussistono tra la Chiesa Cattolica e la Chiesa assira dell’Oriente, rafforzati “ulteriormente” dalla visita del Patriarca, tanto “gradita e preziosa” al Pontefice. Molti “significativi” passi sono già stati compiuti, ha ricordato Francesco, menzionando il “traguardo storico” del 1994, con la firma a Roma della Dichiarazione cristologica comune tra Mar Dinkha IV e San Giovanni Paolo II: essa – ha spiegato – ci permette di confessare “la stessa fede nel mistero dell’Incarnazione” ed ha aperto la via “al nostro pellegrinaggio verso la piena comunione:
“In tale percorso confermo l’impegno della Chiesa Cattolica perché il nostro dialogo, già tanto fecondo, possa avanzare. Nell’avvenire esso potrà contribuire a ricomporre la piena armonia, a beneficio delle nostre comunità, che spesso già vivono a stretto contatto”.
L’auspicio è dunque stato che la Commissione congiunta per il dialogo teologico tra le due Chiese possa aiutare a “spianare la strada” verso il giorno “tanto atteso”, quello “della comunione ecclesiale pienamente ristabilita”, nel quale – ha indicato il Papa – “potremo celebrare il Sacrificio del Signore allo stesso altare”. Nel frattempo, ha constatato, c’è “l’opportunità di muovere passi spediti”, crescendo nella conoscenza reciproca e testimoniando insieme il Vangelo:
“La nostra vicinanza sia lievito di unità. Siamo chiamati a operare insieme nella carità dovunque possibile, così che l’amore indichi la via della comunione”.
Nel Battesimo, ha aggiunto Francesco, cattolici e assiri hanno riscoperto il fondamento della reale comunione, appartenendo “all’unico Corpo di Cristo” ed essendo “fratelli in Lui”:
“Con questa certezza procediamo, camminando insieme fiduciosamente, alimentando – nella preghiera e specialmente presso l’altare del Signore – la carità che ‘unisce in modo perfetto’. Essa ricompone le fratture e sana le lacerazioni. Non stanchiamoci di chiedere al Signore, medico divino, di guarire le ferite del passato con l’unzione benefica della sua misericordia”.

Pubblicità

epa1308503_articolo




L’invito finale è stato a pregare “insieme, gli uni per gli altri” e a “rinnovare la memoria comune” dell’attività evangelizzatrice, che trova le proprie radici nella “comunione della Chiesa primitiva”, da cui si originò quella diffusione del Vangelo che, “agli albori della fede”, raggiunse Roma e le terre della Mesopotamia, “culla di antichissime civiltà”, dando alla luce “fiorenti” comunità cristiane:
“I grandi evangelizzatori di allora, i santi e i martiri di ogni tempo, tutti concittadini della Gerusalemme del cielo, ci esortano e ci accompagnano ora ad aprire, insieme, sentieri fecondi di comunione e di testimonianza”.

.
+++ Il video servizio a cura del CENTRO TELEVISIVO VATICANO +++
.

.



Redazione Papaboys (Fonte it.radiovaticana.va)

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,917FansLike
17,749FollowersFollow
9,746FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

mamma natuzza madonna

La supplica che Mamma Natuzza recitava sempre alla Madonna. Preghiera della...

La supplica che Mamma Natuzza recitava sempre alla Madonna. Preghiera della sera 11 luglio 2020 . Le parole di Mamma Natuzza sulla Santa Vergine ed una...