Home News Italiae et Ecclesia Papa Francesco benedice la statua di santa Rita (alta 6 metri)

Papa Francesco benedice la statua di santa Rita (alta 6 metri)

Papa Francesco ha benedetto, sul sagrato di San Pietro, una statua di santa Rita da Cascia, altra 6 metri e del peso di 30 tonnellate, realizzata in Libano dallo scultore Nayef Alwan su commissione del devoto mecenate Sarkis Sarkis.

Papa Francesco benedice la statua di santa Rita (alta 6 metri)

La statua, che sarà collocata a Cascia il 18 ottobre all’incrocio del bivio per Roccaporena, paese natale della santa dei casi impossibili, resterà in piazza san Pietro sino a domani. La statua rappresenta la Santa con gli elementi che la caratterizzano: la spina, la rosa, la croce, la vite. Il materiale utilizzato è una pietra calcarea estratta a duemila metri d’altezza. Ai devoti di Santa Rita, accompagnati dal vescovo Renato Boccardo, arcivescovo di Spoleto-Norcia, papa Francesco ha rivolto un saluto pubblico, al momento dei saluti ai gruppi italiani.

Nel saluto ai fedeli di lingua italiana all’Udienza generale di oggi il Santo Padre ha detto:

Rivolgo un cordiale benvenuto ai pellegrini di lingua italiana. Sono lieto di accogliere i devoti di Santa Rita da Cascia, accompagnati dall’Arcivescovo di Spoleto-Norcia, Mons. Renato Boccardo. Nel benedire la grande statua della Santa, invito tutti, nel prossimo Giubileo della Misericordia, a rileggere la sua straordinaria esperienza umana e spirituale come segno della potenza della misericordia di Dio.
Saluto i fedeli di Amaseno, con il Vescovo di Frosinone-Veroli-Ferentino, Mons. Ambrogio Spreafico, in occasione dell’anno giubilare di San Lorenzo e le Missionarie del Sacerdozio Regale di Cristo, che ricordano i 70 anni di fondazione.

Saluto i bambini del Reparto oncologico dell’Ospedale Giovanni XXIII di Bergamo (che sono in Aula Paolo VI); i sacerdoti del Collegio Messicano e del Collegio San Paolo in Roma; i soci della Banca Mediolanum di Caltanissetta e i seminaristi del Pontificio Collegio Maria Mater Ecclesiae di Roma. A tutti auguro che la visita alla Città Eterna costituisca un’occasione per irrobustire la speranza e accrescere la carità.

Porgo un pensiero speciale ai giovani, agli ammalati, oggi numerosi e che ci seguono dall’Aula Paolo VI, e agli sposi novelli. Oggi celebriamo la memoria di San Girolamo. Cari giovani, la sua passione per la Sacra Scrittura vi faccia innamorare del Libro della Vita; cari ammalati, la sua austerità riempia di significato la vostra sofferenza; cari sposi novelli, il suo vigore spirituale fortifichi la fede nella vostra nuova casa.

A cura di Redazione Papaboys fonti Avvenire / Il Sismografo




Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità

I nostri social

9,906FansLike
18,955FollowersFollow
9,768FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

News recenti

Angelus con Papa Francesco, domenica 20 settembre 2020. LIVE TV dalle...

Appuntamento settimanale con l’Angelus da piazza San Pietro. Tornano in piazza San Pietro numerosi pellegrini per assistere alla preghiera mariana con il Pontefice. Angelus con...