Pubblicità
HomeNewsPax et JustitiaPapa Francesco ai vescovi del Kenya: denunciare ogni forma di violenza

Papa Francesco ai vescovi del Kenya: denunciare ogni forma di violenza

Papa Francesco ai vescovi del Kenya: denunciare ogni forma di violenzaDenunciare “ogni forma di violenza, in particolare quella commessa in nome di Dio” ed essere esempi di riconciliazione, giustizia e pace per tutto il Kenya. Questo il senso delle parole del Papa nel discorso consegnato ai vescovi del Kenya, in visita ad Limina. Il servizio di Giada Aquilino per la Radio Vaticana:

Impegno interreligioso per la pace
Lavorare “con i leader cristiani e non cristiani” per promuovere pace e giustizia in Kenya “attraverso il dialogo, la fraternità e l’amicizia”, in modo da offrire una “denuncia” unanime e coraggiosa “di ogni forma di violenza, in particolare quella commessa in nome di Dio”. Questo il mandato di Papa Francesco ai vescovi del Paese africano affinché la Chiesa locale rimanga “fedele alla propria missione” di essere strumento di riconciliazione, giustizia e pace.

La preghiera per le vittime dell’attacco a Garissa
Il Pontefice pensa ad un Paese sconvolto anche recentemente dalla violenza, con gli attacchi degli estremisti islamici di al Shabaab, e prega “per tutti coloro che sono stati uccisi da atti di terrore o di ostilità etniche o tribali” in Kenya e in altre aree del continente africano. La sua preghiera è in particolare per tutti gli uomini e le donne “uccisi al College universitario di Garissa, nel Venerdì Santo”: “possano le loro anime riposare in pace”, prosegue il Papa; i loro cari possano essere così “consolati”; e possano coloro che hanno commesso “tale brutalità” prenderne coscienza e “cercare misericordia”.

Bene comune, difesa dei poveri e lotta alla corruzione
Quindi, senza voler “interferire negli affari temporali”, l’auspicio del Papa è che la Chiesa in Kenya insista, soprattutto con coloro che “sono in posizioni di leadership o di potere” sui principi morali che promuovono “il bene comune e l’edificazione della società”. D’altra parte essa offre una “bella testimonianza” della “vita promessa da Cristo nel Vangelo”: la suo missione è dunque quella di “prendere una posizione profetica in difesa dei poveri e contro ogni corruzione e abuso di potere”, prima di tutto attraverso “l’esempio”.

Vescovi, guida per  seminaristi e Chiesa locale
Ai vescovi ricorda di non aver paura “di essere una voce profetica”, “di predicare con convinzione” diffondendo “la saggezza della Chiesa”. Li invita inoltre ad avere “cura paterna” per aiutare i giovani che rispondono alla chiamata del sacerdozio e che “vogliono dare tutto a Cristo attraverso il servizio alla Chiesa”: “i numerosi seminaristi” del Paese, prosegue, sono una “grande risorsa” e un “segno eloquente della bontà di Dio” per le diocesi del Kenya e per la Chiesa universale. Per “alimentare la crescita di tali vocazioni” – i cui germogli sono soprattutto “nel cuore della famiglia”, prim’ancora dei seminari – “è indispensabile” che la buona volontà dei giovani s’incontri con una formazione profonda, ricca e diversificata. I sacerdoti, poi, hanno bisogno di essere guidati “con chiarezza e forza, ma anche e specialmente con compassione e tenerezza”, sull’esempio di Gesù con gli Apostoli, affinché siano sempre “fedeli alle promesse fatte”. Il cuore del Papa è pure “vicino” ai religiosi e alle religiose del Kenya, soprattutto in questo Anno della Vita Consacrata. Apprezzamento per quanti impegnati negli istituti gestiti dalla Chiesa in tutto il Paese, portando “beneficio spirituale e materiale” a tante persone nel campo dell’educazione, della sanità, dell’assistenza sociale, dando “un contributo vitale per il benessere dell’intera Nazione”.

Famiglia e giovani
L’incoraggiamento di Francesco è anche per la “sollecitudine pastorale a favore della famiglia”, soprattutto in vista del prossimo Sinodo Ordinario ad essa dedicato e in particolare per quei nuclei “che stanno lottando” a causa di matrimoni falliti, infedeltà, violenze. La preghiera del Pontefice è anche per i giovani, affinché siano “capaci di assumere impegni” duraturi e permanenti nel matrimonio, come nel sacerdozio o nella vita religiosa. Infine uno sguardo al Giubileo della Misericordia, perché sia un “momento di grande perdono, guarigione, conversione e grazia” per tutta la Chiesa in Kenya e per tutti i fedeli in modo da essere quei “segni di riconciliazione, giustizia e pace” che Dio vuole per il Paese e per “tutta l’Africa”.

Papa Francesco ai vescovi del Kenya: denunciare ogni forma di violenza
Su queste maschere, con i colori della bandiera del Kenya, sono stati scritti i nomi delle vittime

A cura di Redazione Papaboys fonte: Radio Vaticana

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,867FansLike
20,918FollowersFollow
10,096FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Supplica a Santa Rita da Cascia

Ottieni grazie e benedizioni da Santa Rita da Cascia. Supplica alla...

Chiedi una grazia Santa Rita da Cascia ora "Santa Rita, dal Paradiso, intercedi per tutte le nostre intenzioni..." Il testo: Sotto il peso del dolore, a te,...