Pubblicità
HomeTestimoniumOggi, 4 Agosto, è la Madonna dell'Apparizione: miracolo e preghiera per chiedere...

Oggi, 4 Agosto, è la Madonna dell’Apparizione: miracolo e preghiera per chiedere una grazia

Madonna dell’Apparizione di Pellestrina, Venezia

Sull’Isola di Pellestrina, ogni anno, si celebrano gli eventi miracolosi legati alla vittoria di Venezia sui Turchi nel 1716.

La storia

Il 4 agosto 1716, festa di San Domenico, verso le sei del mattino un ragazzo di nome Natalino Scarpa Di Giovanni detto il Muto, di circa 14 anni e mezzo, mentre si recava alla chiesa parrocchiale di Ognissanti, passando davanti al tempietto dei Santi Vito e Modesto, che conservava anche un antico dipinto raffigurante la Madonna del Carmine, vide una donna sconosciuta, bassa di statura, piuttosto anziana, in piedi dal lato destro della chiesetta.

La “Signora” vestiva un abito azzurro, trapunto di stelle rosse, che le arrivava fino ai piedi e aveva il capo coperto da un velo bianco che le giungeva sotto le braccia; il volto era pallido, le gote bianche, l’aspetto schietto senza ornamenti di sorta, lo sguardo preoccupato.

La chiesetta era chiusa e la donna era lì accanto: faceva cenno con la mano che il ragazzo si avvicinasse perché doveva dirgli qualcosa:

Vien qua fio – gli disse – va’ dal Piovan e dighe che faccia celebrar delle messe per le anime del Purgatorio, se volemo aver vittoria, e portime la risposta; e tel digo a ti perchè ti xe degno“.

E con la mano destra, quasi a rassicurarlo e a confermarlo della realtà della visione, gli toccò il polso sinistro, trattenendolo con affetto per qualche istante.

La dettagliata descrizione, riferita direttamente dal ragazzo, dimostra quanto fosse rimasta impressa nel giovane quell’immagine:

assomigliava – ricorda ancora Natalino – alla mamma del mio maestro (il sacerdote Antonio de Ambrosi), specie nello sguardo; ma non era certamente lei, poiché di statura bassa e vestita diversamente“.

Madonna dell'Apparizione di Pellestrina, Venezia
Madonna dell’Apparizione di Pellestrina, Venezia

Era il periodo della guerra contro i Turchi, che proprio in quei giorni sembravano aver la meglio sulla flotta veneziana e sugli alleati in Ungheria.

Nel dicembre del 1714 il gran visir ottomano convocò il bailo di Costantinopoli Andrea Memmo per informarlo che, a causa di alcuni recenti incidenti nel Montenegro e dell’intercettazione di una nave turca nell’Adriatico, il suo signore aveva deciso di dichiarare la guerra. La Morea fu riconquistata nel giro di pochi mesi. Divenne ben presto chiaro che la posta in palio era, nelle intenzioni dei Turchi, molto più alta: l’attacco a Venezia stessa.

Il pericolo era grande. Il Senato ordinò che rimanessero sempre aperti tutti i santuari mariani della Repubblica ed esortava il popolo alla supplica. Infatti, i Turchi, si diressero verso la fortezza che era considerata la vera e propria porta dell’Adriatico: Corfù. Se i Turchi l’avessero conquistata, a Venezia non sarebbero rimaste che ben poche speranze. Corfù era allora una chiave decisiva della lunghissima guerra contro i Turchi. Il gran visir inviò, nei primi mesi del 1716, contro Corfù un esercito di trentamila uomini, senza dubbio superiore alle forze veneziane. A difesa dell’Isola Venezia poteva contare sull’abilità di uno dei più intelligenti capitani del tempo, Johann Matthias von der Schulenburg.

L’assedio durò per tutta la prima parte dell’estate 1716, fino a quando giunse ai Turchi la notizia della sconfitta di Petervaradino ad opera del leggendario Principe Eugenio di Savoia.

La battaglia di Petervaradino si svolse il 5 agosto del 1716, il giorno dopo che una Donna sconosciuta era apparsa ad un ragazzino di quattordici anni a Pellestrina ed aveva detto di far dire delle Messe per le anime dei morti, “se volemo aver vittoria”. La coincidenza è impressionante! E la fortezza di Petervaradino costituiva una vera e propria chiave di volta per la riconquista di Belgrado e il recupero all’area di influenza occidentale di questa parte dei Balcani. Attualmente Petrovaradino è un sobborgo della grande citta di Novi Sad in Serbia ed esiste ancora la fortezza che è stata oggetto della contesa vinta da Eugenio di Savoia.

La notizia della sconfitta di Petervaradino spinse il comandante turco dell’esercita di Corfù a rischiare il tutto per tutto. Infatti, nella notte del 18 agosto i Turchi sferrarono l’attacco decisivo. Schulenburg corse ai ripari mobilitando tutte le forze. Ma dopo sei ore la lotta era ancora incerta e nessuno riusciva ad avere il sopravvento. Allora Sculenburg ebbe il colpo di genio: decise una sortita di sorpresa e con 800 picchieri uscì da una piccola postierla ed attaccò alle spalle un’ala dell’esercito turco. I Turchi si videro presi alle spalle e, temendo di essere presi prigionieri, si diedero ad una fuga precipitosa.

La notte successiva un aiuto imprevisto venne letteralmente dal cielo per i Veneziani: un terribile temporale devastò il campo turco e molte navi, rotti gli ormeggi, andarono a fracassarsi le une sulle altre. All’alba i Turchi rimasti decisero di togliere il campo e di abbandonare quell’isola “dove regnavano, dissero, dèi ostili”.

Natalino tentò di liberarsi subito di quello strano e travolgente segreto, cercando di comunicarlo a don Angelo Busetto, il cappellano che camminava parecchi passi avanti in quella mattina di agosto, anche lui diretto alla chiesa parrocchiale; ma, raggiuntolo di corsa, non riuscì a parlargli. Qualcosa glielo impediva, come un soffio di vento che gli chiudeva la bocca, mentre avvertiva una sorta di intirizzimento con lievi punzecchiature sulla guancia e sulla mandibola – così narra direttamente Natalino, deponendo al Processo.

Giunto alla chiesa parrocchiale raccontò tutto al pievano don Paolo Zennaro, che rimase stupito della dettagliata narrazione e, dapprima esitante sul valore dell’evento, tanto da porre più domande al ragazzo e da fargli ripetere più volte il racconto, per rasserenare lo stesso giovane fece infine cenno di aver compreso e raccomandò a Natalino che riferisse pure a quella donna – chiunque ella fosse – che aveva assolto al suo compito.

Tornato a casa il ragazzo raccontò l’avvenimento a sua madre per prima, e poi ad altre donne che l’interrogavano e volevano sapere del prodigio. Natalino, infine, preferì non raccontare più niente a nessuno: s’era stancato – confessa egli stesso – di dover ripetere la stessa cosa a tante persone curiose. Si recò allora a scuola pensando che tutto sarebbe finalmente finito. Natalino, soddisfatto della missione compiuta, si accingeva ora a svolgere le sue mansioni nell’accompagnare il rito della distribuzione della Comunione agli infermi, pensando che lungo il tragitto, che l’avrebbe condotto nuovamente accanto alla chiesetta di S. Vito, avrebbe potuto confermare alla donna – se ancora era la – che aveva assolto al suo mandato. Arrivato nei pressi della chiesetta non vide la donna che gli aveva parlato poco prima ma, ancora una volta, sentì un soffio di vento sulla guancia e sull’orecchio.

Venne intanto a sapere che una donna, tale Maritta Furlana, aveva già cominciato a raccogliere offerte per assolvere all’invito celeste di far celebrare delle messe per le anime del Purgatorio, come aveva chiesto la misteriosa Signora. Un compagno di scuola propose a Natalino di andare insieme ad aiutare quella donna volonterosa. Riuscirono a raccogliere un bel gruzzolo, e, senza nemmeno contarli, portarono i soldi al Pievano: erano 17 lire e mezza, assicurò don Paolo nella sua testimonianza.

L’Immagine della Madonna muove gli occhi

Nel frattempo due donne – una portava il nome di Laura – avvicinatesi alla porta ancora chiusa del tempietto, sul cui sagrato era avvenuta la visione, esclamarono che attraverso la toppa della serratura avevano intravisto l’antica immagine della Madonna del Carmine muovere gli occhi.

Natalino, che era lì accanto, non riuscì a vedere il prodigio asserito da quelle donne, ma con lui c’erano molte persone che avevano sentito del fenomeno, e in molti si avvicinarono all’uscio per tentare di vedere.

Il giovane Natalino incontrò tra la gente anche il santolo Bara Fisolo, che sosteneva decisamente non si dovesse prestare fede a quelle chiacchiere sul movimento degli occhi; ma anche costui volle togliersi la curiosità. Avvicinatosi alla porta, guardando attraverso la toppa, dovette invece ammettere, proprio lui, il più scettico, che qualcosa di straordinario si era verificato. “Adesso credo – esclamò – perché ho visto!”. Quest’altro particolare prodigio introduce un elemento del tutto nuovo nella storia dell’Apparizione della Vergine a Pellestrina. Entra in scena infatti il “quadro della Madonna”.

Per tutto il giorno – in quell’assolato 4 agosto – fu un via vai di curiosi e di pellegrini che venivano a vedere il luogo della straordinaria manifestazione celeste, il luogo dell’apparizione e l’immagine della Madonna custodita nella chiesetta. che intanto era stata aperta alla gran folla dei fedeli. Proprio sul movimento, sull’apertura e chiusura degli occhi, si dovettero registrare parecchie testimonianze. In particolare se ne conservano altre di quel giorno stesso.

LEGGI ANCHE: Padre Amorth: La Madonna a Medjugorje ha detto che sono poche le anime che vanno direttamente in Paradiso

Passavano infatti dalla laguna verso le 16.00 alcuni pubblici ufficiali che stavano compiendo in barca un sopralluogo ai forti di San Pietro in Volta e di Malamocco, e poi al Castello di Chioggia e a quello di Brondolo. Erano a bordo l’ufficiale di milizia Antonio Pretti, sovrintendente di Artiglieria del Provveditorato ai Lidi, Bartolomeo Erizzo, con il Sig. Biron, Maggiore dei bombardieri e il cameriere del Pretti, Giacomo Ferro. Come lo stesso Pretti ebbe a deporre l’anno seguente presso la Curia Vescovile di Brescia (città dove allora abitava) su richiesta della Curia di Chioggia, i tre, giunti all’altezza della chiesa di S. Vito, videro una gran folla e si domandarono il motivo di tanto trambusto. Chiesta spiegazione ad alcuni barcaioli e pescatori, il Pretti brontolò contro quella che egli riteneva creduloneria del popolino. Ma fece comunque fermare e attraccare la barca. Il sovrintendente entrò, e, spinto dal raccoglimento che ispirava quel luogo, si mise a pregare. Iniziò poi anche lui a vedere quell’immagine della Madonna dipinta su tavola ad occhi aperti con in braccio il Bambino, ora chiudeva l’occhio destro e così faceva con l’occhio sinistro, che si chiudeva però soltanto a metà. Anche gli altri che erano entrati con lui erano testimoni del fatto straordinario. Tutto questo, nei minimi particolari, il Pretti dichiarò nell’interrogatorio canonico del 16 febbraio 1717.

E narrò anche come quell’avvenimento straordinario cambiò in meglio la sua vita.

Ma anche molte altre persone del luogo avevano potuto ammirare il prodigio. Donna Rosada, Floria Busetto e Maddalena Nera, ma anche molti uomini che precedentemente si erano dichiarati increduli: il bottegaio Vianello Pietro, il pescatore Domenico Scarpa, Domenico Vianello. Dalla laguna erano giunti anche altri: un certo Giacomo Renier di Chioggia, Vincenzo Boscolo detto Tetozzo.

Nella serata, verso le 23, il Parroco don Paolo Zennaro si recò presso la chiesetta. All’arrivo del Pievano, la gente che ancora affollava la chiesetta sostando in preghiera, cominciò ad uscire, ma più di qualcuno non poté fare a meno di rivolgersi a don Paolo per narrare i fatti straordinari ai quali aveva assistito.

Fu una giornata davvero memorabile per l’Isola: Pellestrina da allora ricorderà sempre quel 4 agosto con grande solennità, come una data decisiva per la propria fede e la propria storia.

(Fonte www.mariadinazareth.it)

Preghiera alla Madonna

O Maria, Madre mia, umile figlia del Padre, del Figlio Madre Immacolata, amata sposa dello Spirito Santo, ti amo e ti offro tutta la mia vita. Maria, piena di bontà e misericordia, mi volgo a te in queste ore di amarezza per implorare il tuo aiuto, Madre ammirevole, Madre della divina grazia, vero conforto nel pianto, l’avvocato più dolce dei peccatori, costante presenza di Dio, abbi pietà di me e di tutti quelli che amo.

Cuore Immacolato di Maria, Tabernacolo e Tempio della Santissima Trinità, sede del vostro potere, Sede della Sapienza, oceano di bontà, ottienici dallo Spirito Santo che il nostro cuore sia il tuo nido dove riposare per sempre.

Portami quello che mi serve così tanto, quello che con tutto il fervore della mia anima chiedo, per L’amore di Gesù e per il tuo, se è per la gloria della Santissima Trinità e il bene della mia anima. Vengo a te, vengo chiedere la tua potente intercessione, in questo difficile bisogno, per ottenere la soluzione a questo problema impossibile che mi provoca tanta disperazione e lo trovo irraggiungibile con le mie forze :

(fare la richiesta con immensa fiducia)

Per me è quasi impossibile da raggiungere una soluzione a questo problema, spero che tu mi permetterai la grazia di vedere risolta questa difficoltà e la fine di ogni preoccupazione o dolore che mi causa questa situazione angosciante.

Vergine Santa, nobile Regina degli Angeli, Sposa dello Spirito Santo, ricordati che sei mia madre! Tu, che intercedi presso tuo Figlio, ascoltami e dammi la grazia che umilmente ti chiedo con tanta urgenza. Dolce Maria, Madre amata, liberami dai nemici della mia anima e dai mali temporanei che minacciano la mia vita, a te tutta la mia gratitudine e devozione.

Maria madre mia , Santa Maria, prega per tutti noi il suo santissimo Figlio, nostro Signore Gesù Cristo. Amen.

Puoi invocare anche la Madonna della Salute

Per iscriverti gratuitamente al canale YouTube della redazionehttps://bit.ly/2XxvSRx ricordati di mettere il tuo ‘like’ al video, condividerlo con gli amici ed attivare le notifiche per essere aggiornato in tempo reale sulle prossime pubblicazioni.
Non dimenticare di iscriverti al canale (è gratuito) ed attivare le notifiche

 

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,867FansLike
20,918FollowersFollow
10,021FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Gesù, io ti aspetto nel mio cuore! Preghiere per l’Avvento da recitare oggi, venerdì 4 dicembre 2020

Gesù io ti aspetto! (Una preghiera bellissima e poco conosciuta di...

Gesù io ti aspetto! Una preghiera di Giovanni XXIII Preghiere da recitare nel periodo d’Avvento o anche oggi Affrettati o Gesù, eccoti il mio cuore; l’anima...