HomeNewsRes Publica et SocietasNuova strage di migranti nel deserto della Libia. In 20, morti di...

Nuova strage di migranti nel deserto della Libia. In 20, morti di sete nella fuga dalle torture

E’ la quarta strage in pochissimi giorni, dopo quelle a Melilla, Texas e nel Mar Mediterraneo. Le persone decedute venivano dal Ciad e stavano attraversando il deserto su un camion

Venti persone sono state trovate morte “di sete” nel deserto libico, vicino al confine con il Ciad, dopo che il loro veicolo è andato in panne nel caldo infernale. Lo hanno riferito il servizio di “soccorso ed emergenza” della città di Kufra, nell’estremo sud-est del Paese.

“Il veicolo, proveniente dal Ciad, è stato trovato a 310 km a sud di Kufra e a 120 km dal confine ciadiano-libico”, si legge in una nota pubblicata assieme a un video che mostra corpi in stato di decomposizione sulla sabbia vicino al mezzo.

“Pensiamo che il gruppo sia morto nel deserto 14 giorni fa poiché l’ultima chiamata da un telefono mobile localizzato nella zona è del 13 giugno”, ha spiegato il responsabile del servizio di soccorso di Kufra, Ibrahim Belhasan, all’agenzia Reuters.

Due dei migranti morti erano libici, altri si pensa siano cittadini del Ciad che attraversavo la Libia, forse per tentare il salto verso l’Europa.

strage di migranti nel deserto della Libia
strage di migranti nel deserto della Libia

Il deserto a sud della Libia, Paese nel caos dalla caduta del regime di Muammar Gheddafi nel 2011, è diventato negli ultimi anni un punto focale per il contrabbando di merci e l’immigrazione clandestina.

Migliaia di migranti attraversano ogni anno i porosi confini della Libia dal Sudan, Niger e Ciad, per venire a lavorare in questo Paese o per tentare la traversata del Mediterraneo verso l’Europa. I casi di migranti dispersi o trovati morti in mezzo al deserto sono purtroppo frequenti..

Fonte: Avvenire on Line 

 

 

 

 

 

Sostieni Papaboys 3.0

Informazioni personali

Dettagli di fatturazione

Termini

Totale Donazione: €100.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Iscriviti alla newsletter gratuita