“Nessuna minaccia per Papa Francesco”. Le parole del Comandante della Gendarmeria Vaticana Giani

Esclusivo-la-nuova-enciclica-del-Papa_h_partb“Non vedo in questo momento nessuna minaccia specifica contro il Santo Padre”. È quanto ha dichiarato, intervistato dal quotidiano argentino `La Nacion´, Domenico Giani, comandante della Gendarmeria del Vaticano e responsabile della sicurezza di Papa Francesco. Alla domanda riguardo all’allarme riguardo a possibili minacce provenienti dalla mafia lanciato in una recente intervista dal procuratore aggiunto di Reggio Calabria, Nicola Gratteri, Giani ha detto di non vedere minacce specifiche, ma «al contrario vedo un grandissimo affetto per il Papa non solo da parte dei cattolici, ma in generale». «Il Papa vuole avvicinarsi a tutti, alle persone di altre religioni, ai non credenti, per questo, sinceramente, non vedo minacce», ha concluso.

L’allarme era stato lanciato alcuni giorni fa dal procuratore aggiunto di Reggio Calabria, Nicola Gratteri con queste parole: “Questo Papa è sulla strada giusta. Ha da subito lanciato segnali importanti: indossa il crocifisso in ferro, rema contro il lusso. È coerente, credibile. E punta a fare pulizia totale”. Ma questa pulizia preoccupa la mafia? “Quella finanziaria sì, eccome. Chi finora si è nutrito del potere e della ricchezza che derivano direttamente dalla Chiesa, è nervoso, agitato. Papa Bergoglio sta smontando centri di potere economico in Vaticano. Se i boss potessero fargli uno sgambetto non esiterebbero”. Il Papa è a rischio? “Non so se la criminalità organizzata sia nella condizione di fare qualcosa, ma di certo ci sta riflettendo. Può essere pericoloso”.

Arriva la smentita di Giani. Il Papa, ed anche noi, possiamo stare tranquilli. Stiamo vicini al Santo Padre con la preghiera!

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome