Natale: oggi parlano i bambini!

‘Il presepe? Lo facciamo tutti gli anni”, dice Vania Zanichelli. Con Roberta Arduini è maestra della sezione cinque anni nella scuola comunale dell’infanzia “Allende” di Bibbiano. “Lo scopo è quello di aiutare i bambini a cogliere il significato del Natale, oltre la figura di Babbo Natale e i regali”, continua Vania. “Così anche quest’anno abbiamo cominciata verso metà novembre a parlare coi bambini del Natale, a partire da quello che ne sanno loro: la nascita di Gesù, chi è Gesù, che cosa è venuto a fare in questo mondo…”. È un’attività che coinvolge tutta la scuola, anche i bambini delle due sezioni precedenti, quelle dei tre e dei quattro anni.

Presepe 2

“E i genitori dei bambini non credenti, o di altra fede religiosa?”, chiedo. “Non abbiamo mai avuto problemi”, risponde la maestra. “Per altro”, aggiunge, “il fatto religioso, come attenzione generale, non è limitato al Natale: ci si torna su a Pasqua, con tutto quello che ne consegue”. “Quanto ai genitori stranieri, il papà e la mamma di due gemellini indiani ci hanno detto: «A noi sta bene: Dio è uno solo in tutto il mondo»”.‘Alla riflessione sul Natale”, prosegue la maestra Vania, “dedichiamo più di un mese: i bambini disegnano, costruiscono, raccontano… Ecco, soprattutto parlano, e noi abbiamo raccolto i loro pensieri sul Natale. Non sono frasi uscite di getto, ma sono il frutto di un lavoro fatto insieme: letture, canti, immagini… Loro colgono, parlano, riflettono… Poi ne parlano anche a casa e riportano il senso di quello che a casa sono riusciti a cogliere. Per loro è un’occasione unica, che non si ripeterà facilmente neppure nella scuola elementare: manterranno a lungo il ricordo di quello che hanno fatto nella scuola dell’infanzia, come un patrimonio che porterà frutti nel tempo”.

“E che cosa è venuto fuori da questa loro riflessione sul Natale?”, chiedo incuriosito. “È uscito quello che rappresenta il loro modo di sentire il mondo che li circonda: non solo la figura di Gesù Bambino, ma il senso del dolore, della sofferenza, addirittura del male. E il desiderio di pace, di amore, di felicità, che essi legano con naturalezza al Natale e a Gesù che viene”.

Questo, allora, quello che hanno detto. Lo riportiamo nell’ordine uscito da loro. È una sequenza interessante, perché le loro parole partono dal Natale e passano subito al dolore e al male.

‘ “Alla vigilia di Natale prepariamo il presepe…”;

‘ “Alla vigilia di Natale nasce Gesù Bambino…”;

‘ “Gesù Bambino sta in cielo!”;

‘ “Gesù sta in cielo e a Natale nasce… Nasce anche quest’anno!”;

‘ “No! Nasce tutti i giorni di Natale… Si vuole ricordare che cosa ha fatto!”;

‘ “Si ricorda quando è stato piccolo… Gesù è una persona importante perché ci vuole bene…”;

‘ “E poi ci vuole proteggere dal male… Il male è una cosa quando si ferisce qualcuno e muore…”;

‘ “Se una tigre ti graffia, dopo ti fa male…”;

‘ “… O se muori!”;

‘ “Quando c’è il male si sente dolore…”;

‘ “Senti il dolore al cuore…”;

‘ “Ti viene voglia di stare a casa dalla scuola…”;

‘ “Ti viene voglia di piangere…”;

‘ “A me viene voglia di dirlo alla maestra e metterlo in castigo”;

‘ “Il cuore è la parte più importante del nostro corpo”.

Poi tornano a Gesù e ad alcuni aspetti della sua figura e della sua vita:

‘ “Gesù è un principe… Quando diventa più grande lo sapeva anche lui che moriva… me lo ha detto la mamma!”;

‘ “È nato in una stalla!”;

‘ “La mamma e il papà di Gesù scappano perché Erode lo vuole uccidere!”;

‘ “Perché voleva rimanere solo lui re… Non voleva che Gesù gli rubasse il trono… voleva ucciderlo!”;

‘ “Gesù, Maria e Giuseppe sono scappati via nel deserto…”;

‘ “L’angelo ha detto al papà di Gesù: devi scappare!”;

‘ “Nel deserto sono rimasti lì un bel po’ e a Pasqua è venuto Erode che ha ucciso Gesù…”;

‘ “Sono stati i cattivi che lo hanno messo in croce!”;

‘ “Gesù era speciale perché diceva che non bisogna ammazzare gli uomini!”;

‘ “Ha portato il bene in tutto il mondo… Il bene è una cosa tipo: Dio è buono!”;

‘ “Gesù è il Figlio di Dio… La nonna mi racconta che Gesù è nato a Natale e poi sono venuti a trovarlo i Re Magi, i pastori e le pecore…”.

La riflessione su Gesù porta con sé, nelle parole dei bambini, il tema della pace e della guerra:

‘ “La mia mamma mi ha detto che il Natale è una festa di pace!”;

‘ “La pace è per esempio: io voglio fare amicizia con un amico e facciamo la pace…”;

‘ “È quando uno litiga e dopo si rifà la pace…”;

‘ “La pace la fanno anche i genitori perché così diventano di nuovo amici…”;

‘ “Anche i grandi, perché anche loro certe volte litigano!”;

‘ “Quando litigano i grandi fanno anche la guerra!”;

‘ “A Israele, che è un posto lontano da noi, lì fanno la guerra… Mio nonno ci è andato e me lo ha raccontato!”;

‘ “La guerra finisce facendo la pace…”;

‘ “La pace è quando uno con la mano si fa la pace…”;

‘ ” Quando uno ridà indietro una cosa che ti ha preso…”;

‘ “È chiedere scusa…”;

‘ “La rabbia è una cosa che ti viene dentro di te come una furia… L’unico modo è fare la pace!”.

presepe-disegno-della-nativita

Rimango senza parole, in mano il foglio di queste espressioni. “Ma hanno detto proprio tutto questo? E lo hanno detto così?”. “Parola per parola, tutto registrato”, risponde ancora Vania sorridendo. Si vede che è fiera del lavoro fatto con la collega Roberta.

“Poi, è venuto il presepe, quasi come frutto di queste riflessioni”. Hanno partecipato tutti, i bambini dei cinque anni, con le due maestre e l’atelierista. La novità, quasi una ciliegina sulla torta, è la lavagna luminosa che proietta, sul muro dietro al presepe, un paesaggio mediorientale con le case bianche e le colline deserte e rocciose, quasi una prosecuzione del presepe stesso.

Lo guardo ammirato. Poi passano i bambini. Hanno appena finito il pranzo e si recano al riposo, in sezione. Ma alcuni di loro si fermano e si mettono seduti in cerchio intorno al presepe, in silenzio. È solo un momento, poi riprendono il cammino, in fila indiana, la mano sulla spalla del compagno davanti.

Saluto Vania con riconoscenza. Anche questo, soprattutto questo, è Natale.

Redazione Papaboys (Fonte www.webdiocesi.chiesacattolica.it)

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €15.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome