Home News Res Publica et Societas Napoli non è la città vista in tv in questi giorni! Intervento...

Napoli non è la città vista in tv in questi giorni! Intervento dei Papaboys

20140906_77895_a4LETTERA APERTA – (Lettera aperta del vice presidente Papaboys al vice direttore di Libero Senaldi) – Caro dottor Pietro Senaldi, premetto che non sono un lettore assiduo del quotidiano di cui lei è vice direttore (Libero), ma il titolo del suo articolo di ieri mi ha colpito e l’ho letto (lo riproponiamo in fondo alla pagina ndr). Dell’intero testo condivido solo una frase:  “Davide è vittima della sua città”. Tutto il continuo del suo articolo lo trovo “razzista” e fa tanta rabbia. Ma tanto sparare su Napoli è facile ed è divertente agli occhi di tutta Italia. A Napoli non è normale andare in tre in motorino, alle 2.30 del mattino. Non è normale viaggiare sulla sella di un latitante e a fianco di un pregiudicato.

Vivo a Napoli da dieci anni e non l’ho mai fatto! E come me nemmeno le persone che conosco. Non è una prassi forzare un posto di blocco, e nemmeno i napoletani la vedono come una prova di coraggio e virilità.

Il suo articolo continua, riporto testualmente, “Napoli una città che vive al di fuori della legge, i cui abitanti, anche quelli che non sono criminali, tengono abitualmente comportamenti che in altre parti d’Italia non sono tollerati. Peggio, spesso non sono subiti con fastidio ma accettati con compiacenza come un tratto caratteristico della città, un qualcosa di pittoresco da fare con orgoglio”.

Di questo passaggio non ne riesco ad immaginare il significato. Noi siamo orgogliosi della storia di Napoli, degli uomini illustri, Totò, De Filippo, Troisi, don Giuseppe Diana, san Giuseppe Moscati. Siamo orgogliosi dei 3 Presidenti della Repubblica, Giovanni Leone, Enrico De Nicola, Giorgio Napolitano. Siamo orgogliosi della musica e del teatro Napoletano… i nomi da elencare sono ancora tanti. Napoli ha scritto la storia d’’Italia e di questo siamo orgogliosi, non certo del malaffare e della Camorra che c’è a Napoli, e non lo nascondiamo, ma gli abitanti,quelli onesti, che sono la maggioranza, la combattono ogni giorni e non ne sono compiaciuti, come lei scrive.

Il suo articolo chiude con questa frase: “Davide è vittima anche della Napoli che lo piange e lo descrive come il bravo ragazzo che, probabilmente, non era”.

Non tocca a noi giudicare questo ragazzo, noi di fronte alla morte di un diciassettenne restiamo in silenzio, in preghiera, e ci interroghiamo su cosa potevamo fare e non abbiamo fatto per quel ragazzo e per tutti gli altri ragazzi di Napoli e non solo.

La invito a venire a Napoli, però nella valigia non metta i tanti pregiudizi.  Venga a conoscere Napoli in prima persona e non per sentito dire, forse scoprirà qualcosa di diverso che nel suo prossimo articolo potrà inserire. Benvenga un articolo che condanni i cori da stadio contro lo Stato e le Forze dell’ordine alla quale abbiamo assistito oggi durante la manifestazione organizzata per ricordare il piccolo Davide, o peggio ancora la sfilata sugli scooter senza casco. A noi, onesti cittadini, anzi usando le sue parole “noi non criminali”, quella Napoli non appartiene, e da napoletani la condanniamo… non ne andiamo orgogliosi. di Massimo Manzolillo (Vice presidente Associazione Nazionale Papaboys)

Ecco l’articolo integrale pubblicato sul quotidiano Libero.it a firma di Pietro Senaldi

Prima che del carabiniere di pochi anni più vecchio che ha sparato uccidendolo, Davide Bifolcoil 17enne ammazzato a Napoli mentre fuggiva dalle forze dell’ordine, è vittima della sua città. Dove è normale andare in tre in motorino, come andava Davide alle 2.30 del mattino, è nelle cose girare senza casco e viaggiare sulla sella di un latitante e a fianco di un pregiudicato. Dove forzare un posto di blocco viene ritenuto prassi se non una prova di coraggio e virilità. Napoli è una città che vive al di fuori della legge, i cui abitanti, anche quelli che non sono criminali, tengono abitualmente comportamenti che in altre parti d’Italia non sono tollerati. Peggio, spesso non sono subiti con fastidio ma accettati con compiacenza come un tratto caratteristico della città, un qualcosa di pittoresco da fare con orgoglio. L’indagine chiarirà se il carabiniere è un assassino, di certo Davide è vittima anche della Napoli che lo piange e lo descrive come il bravo ragazzo che, probabilmente, non era.

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus ha reso difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,924FansLike
17,749FollowersFollow
9,726FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Madonna dell'Aiuto

Oggi 5 Giugno 2020 è la Madonnina dell’Aiuto. Storia e Supplica

Oggi è la Madonna dell'Aiuto. Preghiera e Supplica Oggi ricordiamo la Madonna dell'Aiuto (detta comunemente "La Madonnina dell'Aiuto"); il santuario si trova a Bobbio in...