Mons. D’Ercole nominato Vescovo di Ascoli Piceno: ‘un viaggio che continua’

Il Santo Padre, Papa Francesco, ha nominato Sua Ecc.za Mons. Giovanni D’Ercole vescovo di Ascoli Piceno. Mons. D’Ercole, religioso della Congregazione dei Figli della Provvidenza (don Orione) – teologo moralista, giornalista ed esperto in pastorale – è stato per più di quattro anni vescovo ausiliare dell’Arcidiocesi di L’Aquila, città terribilmente provata dal catastrofico terremoto del 6 aprile 2009. E’ conosciuto dal grande pubblico per la famosa e seguita trasmissione TV “sulla via di Damasco”, e per le numerose conferenze sulla Parola di Dio e la vita della Chiesa. Questa mattina in contemporanea all’annuncio da parte della Santa Sede, Mons. D’Ercole ha scritto un affettuoso messaggio agli aquilani, nel quale esprime il suo ringraziamento al Papa e alla diocesi dell’Aquila: “Ha sorpreso anche me la nomina a vescovo di Ascoli Piceno. Avevo sentito tante ipotesi, ma alla fine, come capita spesso, Iddio disegna la sua storia non condizionato dai progetti e dalle previsioni umane. Ringrazio papa Francesco per la fiducia che ha voluto accordarmi dopo le tante difficoltà incontrate nel percorso aquilano. In questo momento di gioia, e anche di giusta trepidazione per il compito che mi attende, il pensiero va all’Arcivescovo Giuseppe Petrocchi con il quale ho condiviso come fratello questi mesi di sua permanenza aquilana. Gli sono stato vicino e ho sperimentato la sua amicizia sincera e schietta. Un ringraziamento rivolgo anche all’Arcivescovo Giuseppe Molinari con il quale ho trascorso anni di impegno pastorale ma anche di fatica dovuta alle tristi conseguenze del sisma del 6 aprile 2009.

Un saluto ai sacerdoti, che ho cercato di amare come fratello e padre nella fede. Saluto i seminaristi, i diaconi permanenti, i religiosi e le religiose con un ricordo speciale per le comunità contemplative. Un abbraccio sincero ai bambini e ai giovani, alle famiglie, ai disabili e ai volontari, agli ammalati, ai carcerati, ai lavoratori e ai tanti in cerca di occupazione,  ai fedeli di altre confessioni cristiane e di altre religioni, e a tutti gli uomini e le donne  che ho incontrato fuori dei contesti tipicamente ecclesiali, e con i quali mi sono sforzato di tessere relazioni di rispetto e simpatia. Non posso non menzionare anche i rappresentanti delle istituzioni civili e militari, i responsabili di ogni istituzione con cui ho intrattenuto rapporti di stima e di sincera collaborazione, con i giornalisti e gli operatori della comunicazione nelle loro diverse testate. Di tutti e ciascuno conservo viva memoria; a tutti e ciascuno  assicuro la mia preghiera.

Si chiude l’esperienza aquilana, ma non termina l’amicizia che è stata stretta in questi anni. Ci si incontra per caso, ma non è mai solamente un caso. Sono certo che quanto è nato di positivo in questi quattro anni e mezzo fermenterà  nel bene e chiedo a tutti di scusarmi se non sempre sono riuscito a rispondere alle richieste e se non sono  stato all’altezza delle speranze che forse si nutriva con la mia venuta. Confesso tuttavia con semplicità di aver cercato di fare il possibile con tutto l’impegno della mia intelligenza e del mio cuore. Da parte mia posso affermare che anche le esperienze umanamente più incomprensibili, come quella del processo che mi ha visto indagato e sottoposto a giudizio per un reato di fatto inesistente – come la stessa procura generale della corte d’appello ha riconosciuto – costituiscono un arricchimento umano e spirituale. Ritengo tutto una grazia di Dio che aiuta a maturare umanamente e spiritualmente. Vado via abbracciando tutti con la speranza che il ponte ideale tra le due  diocesi di l’Aquila e Ascoli Piceno, grazie anche al fatto che è di Ascoli l’Arcivescovo Petrocchi,  favorisca l’incontro e la nostra reciproca collaborazione”. Noi dei Papaboys accogliamo con gioia la notizia della nomina di Mons. D’Ercole, con il quale ci legano sentimenti di grande amicizia. Possa il Signore sostenere il cammino del nuovo vescovo di Ascoli Piceno con abbondanti grazie e benedizioni dal cielo”. Auguri Eccellenza! a cura della Redazione Papaboys

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome