Home Trending Now Leggi e medita il Vangelo di Venerdì 25 Settembre 2020. Lettura e...

Leggi e medita il Vangelo di Venerdì 25 Settembre 2020. Lettura e Commento

Vangelo del giorno – Venerdì, 25 Settembre 2020

Lettura e commento al Vangelo di Venerdì 25 Settembre 2020 – Lc 9,18-22: “Tu sei il Cristo di Dio. Il Figlio dell’uomo deve soffrire molto.”

+ Dal Vangelo secondo Luca

Un giorno Gesù si trovava in un luogo solitario a pregare.

I discepoli erano con lui ed egli pose loro questa domanda: «Le folle, chi dicono che io sia?».

Essi risposero: «Giovanni il Battista; altri dicono Elìa; altri uno degli antichi profeti che è risorto».

Allora domandò loro: «Ma voi, chi dite che io sia?».

Pietro rispose: «Il Cristo di Dio».

Egli ordinò loro severamente di non riferirlo ad alcuno.

«Il Figlio dell’uomo – disse – deve soffrire molto, essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e risorgere il terzo giorno».

Parola del Signore

LEGGI ANCHE: Oggi è la Vergine del Santo Rosario (Apparizioni e Messaggi)

Vangelo di oggi, 25 Settembre 2020
Vangelo di oggi, 25 Settembre 2020

Commento a cura di Paolo Curtaz

Luca riporta l’episodio di Cesarea di Filippo, l’attuale Banias, all’estremo Nord di Israele, alle sorgenti del Giordano, ricalcando racconti di Marco e di Matteo, semplificandolo all’estremo. Ma c’è un dettaglio che riporta all’inizio e che ci aiuta a riflettere: la domanda che il Signore rivolge ai suoi discepoli, “la gente chi dice che io sia?”, e “ma voi chi dite che io sia?”, avviene in un contesto di preghiera.

Gesù si trova in un luogo solitario a pregare, ormai è da alcuni anni che dedica il suo tempo all’annuncio del Regno, in compagnia di un gruppo di discepoli che si è scelto. I discepoli lo hanno seguito, affascinati dall’autorevolezza delle sue parole ed ora si interrogano su chi sia veramente il Nazareno.

Più di un rabbino, certo, più di un predicatore e di un guaritore.

Forse anche più di un profeta. Ma Gesù vuole aiutarli a fare il salto, a guardarsi dentro per osare, per professare la loro fede. E per farlo hanno bisogno anch’essi di solitudine e di preghiera.

Possiamo giungere a riconoscere in Gesù il Messia solo se scopriamo la nostra interiorità, solo se dimoriamo nella preghiera. In quel contesto tutto ci appare più chiaro e luminoso. (Fonte lachiesa.it)

Redazione Papaboys

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,853FansLike
19,524FollowersFollow
9,791FollowersFollow
2,330SubscribersSubscribe

News recenti

Il sacrestano decapitato e la povera mamma agonizzante «Dite ai miei...

Ha avuto la forza di uscire dalla chiesa e, barcollando, di raggiungere un bar su rue d’Italie invocando aiuto. Ma il sangue che le...