Home Trending Now Leggi e medita il Vangelo di Martedì 11 Agosto 2020. Lettura e...

Leggi e medita il Vangelo di Martedì 11 Agosto 2020. Lettura e Commento

Vangelo del giorno – Martedì, 11 Agosto 2020

Lettura e commento al Vangelo di Martedì 11 Agosto 2020 – Mt 18,1-5.10.12-14: “Guardate di non disprezzare uno solo di questi piccoli.”

+ Dal Vangelo secondo Matteo

In quel momento i discepoli si avvicinarono a Gesù dicendo: «Chi dunque è più grande nel regno dei cieli?».

Allora chiamò a sé un bambino, lo pose in mezzo a loro e disse:

«In verità io vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli. Perciò chiunque si farà piccolo come questo bambino, costui è il più grande nel regno dei cieli. E chi accoglierà un solo bambino come questo nel mio nome, accoglie me.

Guardate di non disprezzare uno solo di questi piccoli, perché io vi dico che i loro angeli nei cieli vedono sempre la faccia del Padre mio che è nei cieli.

Che cosa vi pare? Se un uomo ha cento pecore e una di loro si smarrisce, non lascerà le novantanove sui monti e andrà a cercare quella che si è smarrita? In verità io vi dico: se riesce a trovarla, si rallegrerà per quella più che per le novantanove che non si erano smarrite. Così è volontà del Padre vostro che è nei cieli, che neanche uno di questi piccoli si perda».

Parola del Signore

LEGGI ANCHE: Recita la preghiera a Santa Chiara, oggi giorno di sua festa

Vangelo 11 Agosto 2020
Vangelo 11 Agosto 2020 (hozana.org)

Commento a cura di Paolo Curtaz

Farsi piccoli come un bambino. È ciò che chiede il Signore ai propri discepoli, a noi. Farsi piccoli in un mondo in cui tutti sgomitano e urlano, in cui ci si scazzotta per un titolo, per un riconoscimento, per un briciolo di visibilità. A volte, purtroppo, come ben segnalato da papa Francesco, anche nella Chiesa.

Farsi piccoli. Non significa giocare a fare i falsi umili, o, peggio, a dare la stura alla nostra vena autolesionista e depressa. Ma ragionare col cuore di un bambino che lascia emergere la propria parte pura e limpida, quella che si affida, che attende, che crede.

Farsi piccoli richiede uno sforzo, non ci viene naturale, affatto. Richiede partecipazione e convinzione, ponendo la presenza di Dio in cima ai nostri pensieri, dopo le nostre legittime ambizioni.

Farsi piccoli: ci basta sapere di essere preziosi agli occhi di Dio, di essere unici nel suo sguardo, amati come quella pecora imbranata che si perde nei pascoli della vita. E riconoscere nell’abbraccio forte del pastore che ci è venuto a cercare l’abbraccio di Dio.

Farsi piccoli per farsi portare in spalla, per essere presi in braccio. Davvero vogliamo qualcosa di diverso?

Fonte lachiesa.it

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità

I nostri social

9,904FansLike
19,012FollowersFollow
9,770FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

News recenti

La rubrica dedicata a Giovanni Paolo, 23 Settembre 2020

Giovanni Paolo II: il papa Santo. Chiedigli una grazia oggi, 23...

Pensieri e preghiera a Karol Wojtyla da vivere oggi La rubrica dedicata a Giovanni Paolo II - Mercoledì, 23 Settembre 2020 Le frasi da leggere oggi: “Ha...