Lasciate che i bambini vengano a me

Emil Nolde - Christ and the ChildrenRIFLESSIONE SUL VANGELO DI QUESTO SABATO – Sappiamo che il Signore chiama al suo servizio fin dal grembo della madre. Alcuni sono stati prima chiamati e poi concepiti. Altri, come Samuele, furono prima chiesti al Signore e poi offerti a Lui, perché prestassero servizio nella sua tenda santa.

C’era un uomo di Ramatàim, un Sufita delle montagne di Èfraim, chiamato Elkanà, figlio di Ierocàm, figlio di Eliu, figlio di Tocu, figlio di Suf, l’Efraimita. Aveva due mogli, l’una chiamata Anna, l’altra Peninnà. Peninnà aveva figli, mentre Anna non ne aveva. Quest’uomo saliva ogni anno dalla sua città per prostrarsi e sacrificare al Signore degli eserciti a Silo, dove erano i due figli di Eli, Ofni e Fineès, sacerdoti del Signore. Venne il giorno in cui Elkanà offrì il sacrificio. Ora egli soleva dare alla moglie Peninnà e a tutti i figli e le figlie di lei le loro parti. Ad Anna invece dava una parte speciale, poiché egli amava Anna, sebbene il Signore ne avesse reso sterile il grembo. La sua rivale per giunta l’affliggeva con durezza a causa della sua umiliazione, perché il Signore aveva reso sterile il suo grembo. Così avveniva ogni anno: mentre saliva alla casa del Signore, quella la mortificava; allora Anna si metteva a piangere e non voleva mangiare. Elkanà, suo marito, le diceva: «Anna, perché piangi? Perché non mangi? Perché è triste il tuo cuore? Non sono forse io per te meglio di dieci figli?».

Anna si alzò, dopo aver mangiato e bevuto a Silo; in quel momento il sacerdote Eli stava seduto sul suo seggio davanti a uno stipite del tempio del Signore. Ella aveva l’animo amareggiato e si mise a pregare il Signore, piangendo dirottamente. Poi fece questo voto: «Signore degli eserciti, se vorrai considerare la miseria della tua schiava e ricordarti di me, se non dimenticherai la tua schiava e darai alla tua schiava un figlio maschio, io lo offrirò al Signore per tutti i giorni della sua vita e il rasoio non passerà sul suo capo». Il mattino dopo si alzarono e dopo essersi prostrati davanti al Signore, tornarono a casa a Rama. Elkanà si unì a sua moglie e il Signore si ricordò di lei. Così al finir dell’anno Anna concepì e partorì un figlio e lo chiamò Samuele, «perché – diceva – al Signore l’ho richiesto». Quando poi Elkanà andò con tutta la famiglia a offrire il sacrificio di ogni anno al Signore e a soddisfare il suo voto, Anna non andò, perché disse al marito: «Non verrò, finché il bambino non sia svezzato e io possa condurlo a vedere il volto del Signore; poi resterà là per sempre». Le rispose Elkanà, suo marito: «Fa’ pure quanto ti sembra meglio: rimani finché tu l’abbia svezzato. Adempia il Signore la sua parola!». La donna rimase e allattò il figlio, finché l’ebbe svezzato. Dopo averlo svezzato, lo portò con sé, con un giovenco di tre anni, un’efa di farina e un otre di vino, e lo introdusse nel tempio del Signore a Silo: era ancora un fanciullo. Immolato il giovenco, presentarono il fanciullo a Eli e lei disse: «Perdona, mio signore. Per la tua vita, mio signore, io sono quella donna che era stata qui presso di te a pregare il Signore. Per questo fanciullo ho pregato e il Signore mi ha concesso la grazia che gli ho richiesto. Anch’io lascio che il Signore lo richieda: per tutti i giorni della sua vita egli è richiesto per il Signore». E si prostrarono là davanti al Signore (Sal 1,1-28).

La Scrittura Antica ci rivela che molti sono stati i bambini dal concepimento e dalla nascita misteriosa. L’ultimo in ordine di tempo, ma non per fin da subito per farne degli strumenti adatti per la missione di salvezza. Gesù capovolge l’agire del Padre suo. Egli oggi dice ai suoi discepoli che lui percorre il cammino inverso: prende gli adulti ma per farne dei bambini, altrimenti mai potrà edificare il suo regno sulla nostra terra.

Il bambino è colui che tutto riceve, tutto accoglie. È colui la cui vita non è nelle sue mani. In tutto è dipendente dagli altri. Gesù vuole che i suoi discepoli dipendano in tutto da Lui, dalla sua grazia, verità, carità, giustizia, Parola, santità, volontà. Il bambino è un sacco vuoto tutto da riempire. Loro devono divenire sacchi vuoti per essere ricolmati di Gesù e di Spirito Santo. Se un adulto non si svuota di tutta la superbia che è in lui, mai potrà essere ricolmato di Gesù e di Spirito Santo e mai potrà essere regno di Dio.

Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, fateci sacchi vuoti.

Movimento Apostolico Rito Romano

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome