La certezza di Giovanni Paolo II: Maria é la Madre dell’intera umanità!

San Giovanni Paolo II: Maria é la Madre dell’intera umanità.

 

Giovanni Paolo II, è stato identificato sin dall’inizio come “il Pontefice di Maria”. Ha contribuito nel suo lungo pontificato ad approfondire le tematiche mariane attraverso insegnamenti magisteriali contenuti in encicliche, lettere apostoliche e udienze generali del mercoledì.

L’allora cardinale Joseph Ratzinger aveva detto: “il Papa dimostrava la centralità della Madre del Redentore, nella quale si incontrano tutti i grandi temi della fede, una Maria umana al servizio di Cristo capace di attraversare anche la “notte della fede”.

In questa catechesi dell’Udienza del 15 ottobre 1997, San Giovanni Paolo II affronta, un tema centrale della Fede: “IL CULTO DELLA BEATA VERGINE”

 

San Giovanni Paolo II: Maria é la Madre

 

1. “Quando venne la pienezza del tempo, Dio mandò il suo Figlio, nato da donna…” (Gal 4,4). Il culto mariano si fonda sulla mirabile decisione divina di legare per sempre, come ricorda l’apostolo Paolo, l’identità umana del Figlio di Dio ad una donna, Maria di Nazaret.

Il mistero della maternità divina e della cooperazione di Maria all’opera redentrice suscita nei credenti di ogni tempo un atteggiamento di lode sia verso il Salvatore sia verso Colei che lo ha generato nel tempo, cooperando così alla redenzione. Un ulteriore motivo di riconoscente amore per la Beata Vergine è offerto dalla sua maternità universale.

Scegliendola come Madre dell’intera umanità, il Padre celeste ha voluto rivelare la dimensione per così dire materna della sua divina tenerezza e della sua sollecitudine per gli uomini di tutte le epoche.

Sul Calvario, Gesù con le parole: “Ecco il tuo figlio”, “Ecco la tua madre” (Gv 19,26-27), donava già anticipatamente Maria a tutti coloro che avrebbero ricevuto la buona novella della salvezza e poneva così le premesse del loro filiale affetto per Lei.

Seguendo Giovanni, i cristiani avrebbero prolungato con il culto l’amore di Cristo per sua madre, accogliendola nella propria vita.

 

2. I testi evangelici attestano la presenza del culto mariano sin dai primordi della Chiesa. I primi due capitoli del Vangelo di san Luca sembrano raccogliere l’attenzione particolare per la Madre di Gesù dei giudeo-cristiani che manifestavano il loro apprezzamento per Lei e ne custodivano gelosamente le memorie.

Nei racconti dell’infanzia, inoltre, possiamo cogliere le espressioni iniziali e le motivazioni del culto mariano, sintetizzate nelle esclamazioni di Elisabetta: “Benedetta tu fra le donne… Beata colei che ha creduto nell’adempimento delle parole del Signore!” (Lc 1,42.45).

Tracce di una venerazione già diffusa nella prima comunità cristiana sono presenti nel cantico del Magnificat: “Tutte le generazioni mi chiameranno beata” (Lc 1,48). Ponendo sulla bocca di Maria tale espressione, i cristiani le riconoscevano una grandezza unica, che sarebbe stata proclamata sino alla fine del mondo.

Inoltre, le testimonianze evangeliche (cfr Lc 1,34-35; Mt 1,23 e Gv 1,13), le prime formule di fede e un passo di sant’Ignazio d’Antiochia (cfr Smirn. 1,2: SC 10,155) attestano la particolare ammirazione delle prime comunità per la verginità di Maria, strettamente legata al mistero dell’Incarnazione.

Il Vangelo di Giovanni, segnalando la presenza di Maria all’inizio e alla fine della vita pubblica del Figlio, lascia supporre tra i primi cristiani una coscienza viva del ruolo svolto da Maria nell’opera della Redenzione in piena dipendenza di amore da Cristo.

San Giovanni Paolo II: Maria é la Madre
3. Il Concilio Vaticano II, nel sottolineare il carattere particolare del culto mariano, afferma: “Maria, esaltata per la grazia di Dio, dopo suo Figlio, al di sopra di tutti gli angeli e gli uomini, perché è la madre santissima di Dio, che ha preso parte ai misteri di Cristo, viene dalla Chiesa giustamente onorata con culto speciale” (LG, 66). Alludendo, poi, alla preghiera mariana del terzo secolo “Sub tuum praesidium” – “Sotto la tua protezione” -, aggiunge che tale peculiarità emerge sin dall’inizio: “In verità dai tempi più antichi la beata Vergine è venerata col titolo di Madre di Dio, sotto il cui presidio i fedeli pregandola si rifugiano in tutti i loro pericoli e le loro necessità” (ibid.).

 

4. Quest’affermazione trova conferma nell’iconografia e nella dottrina dei Padri della Chiesa, sin dal secondo secolo. A Roma, nelle catacombe di Priscilla, è possibile ammirare la prima rappresentazione della Madonna col Bambino, mentre nello stesso tempo san Giustino e sant’Ireneo parlano di Maria come della nuova Eva che con la fede e l’obbedienza ripara l’incredulità e la disobbedienza della prima donna.

Secondo il Vescovo di Lione, non bastava che Adamo fosse riscattato in Cristo, ma “era giusto e necessario che Eva fosse restaurata in Maria” (Dem., 33). Egli sottolinea in tal modo l’importanza della donna nell’opera di salvezza e pone un fondamento a quella inseparabilità del culto mariano da quello tributato a Gesù che percorrerà i secoli cristiani.

 

5. Il culto mariano si espresse inizialmente nell’invocazione di Maria come “Theotokos”, titolo che ebbe autorevole conferma, dopo la crisi nestoriana, dal Concilio di Efeso svoltosi nell’anno 431.

La stessa reazione popolare alla posizione ambigua ed oscillante di Nestorio, che giunse a negare la divina maternità di Maria, e la successiva gioiosa accoglienza delle decisioni del Sinodo Efesino, confermano il radicamento del culto della Vergine tra i cristiani.

Tuttavia “soprattutto a partire dal Concilio di Efeso, il culto del popolo di Dio verso Maria crebbe mirabilmente in venerazione e in amore, in invocazione e in imitazione…” (LG, 66).

San Giovanni Paolo II: Maria é la Madre

Esso si espresse specialmente nelle feste liturgiche, tra le quali, dagli inizi del V secolo, assunse particolare rilievo “il giorno di Maria Theotokos”, celebrato il 15 agosto a Gerusalemme e divenuto successivamente la festa della Dormizione o dell’Assunzione.

Sotto l’influsso del “Protovangelo di Giacomo” furono, inoltre, istituite le feste della Natività, della Concezione e della Presentazione, che contribuirono notevolmente a mettere in luce alcuni importanti aspetti del mistero di Maria.

 

6. Possiamo ben dire che il culto mariano si è sviluppato fino ai nostri giorni in mirabile continuità, alternando periodi fiorenti a periodi critici i quali, tuttavia, hanno avuto spesso il merito di promuoverne ancor più il rinnovamento.

Dopo il Concilio Vaticano II, il culto mariano appare destinato a svilupparsi in armonia con l’approfondimento del mistero della Chiesa e in dialogo con le culture contemporaneeper radicarsi sempre più nella fede e nella vita del popolo di Dio pellegrino sulla terra.

Udienza del Mercoledì 15 ottobre 1997

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome