Home News Res Publica et Societas La Camera approva la mozione sulla libertà religiosa

La Camera approva la mozione sulla libertà religiosa

Pubblicità

camSì dell’Aula della Camera alla mozione di maggioranza sulle iniziative per la tutela della libertà religiosa, con particolare riferimento ai cristiani e alle minoranze perseguitate. Il governo risulta impegnato “ad attivarsi con determinazione per la tutela della libertà religiosa, come uno dei diritti inviolabili dell’uomo, fondamento di tutte le altre libertà, denunciando ogni forma di cristianofobia nei Paesi in cui i cristiani sono perseguitati”. In base al documento approvato, il governo risulta impegnato, tra l’altro: “Ad attivarsi con determinazione per la tutela della libertà religiosa, come uno dei diritti inviolabili dell’uomo, fondamento di tutte le altre libertà, denunciando ogni forma di cristianofobia nei Paesi in cui i cristiani sono perseguitati; a promuovere misure di prevenzione dell’intolleranza, attraverso la messa al bando di ogni forma di incoraggiamento del fanatismo e dell’odio religioso, sia in ambito educativo e culturale, sia attraverso i mezzi di comunicazione di massa”. Il governo vuole dedicarsi “a promuovere, specie in occasione del semestre italiano di Presidenza del Consiglio dell’Unione europea, l’istituzione di una giornata europea dei martiri cristiani per ricordare i tanti cristiani del nostro tempo uccisi in odio alla fede; a promuovere un’iniziativa in sede di Unione europea e in sede di Unione per il Mediterraneo, con l’obiettivo di compiere passi formali nei confronti di quei Paesi nei quali le minoranze religiose vengono minacciate o perseguitate sino ad impedire l’esercizio del diritto fondamentale della libertà di culto”.

Pubblicità

Oltre a dover “promuovere in sede Ue e di Unione per il Mediterraneo un’iniziativa finalizzata all’adozione di un Libro bianco sulla libertà religiosa nel mondo”, l’Italia dovrà “rafforzare le politiche per la cooperazione internazionale, specialmente nei Paesi in cui le minoranze cristiane sono pesantemente discriminate”. Infine per il governo c’è l’impegno a “promuovere in sede Onu una conferenza internazionale sulla libertà religiosa, che consenta di avere un monitoraggio permanente delle persecuzioni religiose e per impegnare i diversi Stati ad intervenire tempestivamente nel contrasto e nella prevenzione dell’intolleranza e del fanatismo religiosi. L’approvazione a larga maggioranza della nostra mozione sulla tutela della libertà religiosa è un ottimo punto di partenza per l’inizio del semestre europeo a guida italiana. Se il buongiorno si vede dal mattino, è da questo mattino che noi vogliamo vedere il nostro governo impegnato in un nuovo modo di intendere anche la politica estera del nostro Paese nella salvaguardia di un diritto inviolabile dell’uomo come quello di vivere la propria fede in libertà”. Lo afferma Paola Binetti, prima firmataria del documento approvato nell’Aula della Camera.

L’eco dell’approvazione della legge sulla libertà religiosa possiamo trovarlo nelle parole dell’Onorevole Roccella, la quale ha specificato durante il suo intervento: “C’è una nuova persecuzione in atto, specifica contro i cristiani, ed è una questione che deve riguardare le democrazie. I dati sono incontrovertibili e ci danno una stima prudenziale di circa 100 mila martiri in un anno, martiri cristiani. Inoltre, i dati forniti dalle diverse autorevoli fonti si scostano pochissimo fra loro, e ci dicono che la differenza può solo essere se un cristiano muore ogni 5 minuti oppure ogni 4. Si tratta di numeri spaventosi che non possono essere ignorati. La nuova persecuzione dei cristiani è un fenomeno che va affrontato con strumenti specifici: è necessario che le democrazie se ne facciano carico, dando la priorità a questa emergenza a livello internazionale, coinvolgendo l’Onu e l’Unione Europea finora troppo distratte o tiepide”. Ci auguriamo che i propositi espressi dalla mozione possano trovare corrispondenza nella realtà quotidiana. Oggi più che mai i cristiani sono perseguitati e come ha ricordato recentemente Papa Francesco, ci sono più martiri nel nostro tempo che agli inizi del cristianesimo. La libertà religiosa non riguarda soltanto il culto o la professione di fede, investe nel suo insieme la vita sociale di ogni individuo. La garanzia della libertà è un diritto primario per l’uomo. Senza di essa si vive in schiavitù. Attendiamo i prossimi sviluppi per imparare a vivere in un mondo più giusto e solidale. di Emanuela Graziosi

Pubblicità

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,919FansLike
17,749FollowersFollow
9,749FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Medjugorje

Ogni giorno una Lode a Maria: 15 Luglio 2020. Regina della...

Ogni giorno una Lode a Maria: 15 Luglio 2020. Regina della Pace, prega per me Aiutaci, dolce Vergine Maria, aiutaci a dire: ci sia pace...