Pubblicità
HomeNewsCaritas et VeritasLa bilocazione: un grande dono di Dio a Padre Pio (Parte 2)

La bilocazione: un grande dono di Dio a Padre Pio (Parte 2)

Una signora, moglie di un armatore ligure, era ospite della figlia a Bologna. Sofferente per un tumore maligno ad un braccio, la signora d’accordo con la figlia aveva deciso di farsi operare. Il chirurgo, interpellato, aveva risposto di avere pazienza e di attendere qualche giorno, quindi sarebbe stata fissata la data per l’intervento chirurgico.

Nell’attesa il marito della figlia inviò un telegramma a Padre Pio chiedendo preghiere per la suocera. All’ora in cui il telegramma giunse nelle mani di Padre Pio, la signora, che era sola nel soggiorno della casa della figlia, vide aprire la porta ed entrare un frate cappuccino. “Sono Padre Pio da Pietrelcina” le disse. Dopo averle domandato cosa le aveva detto il chirurgo, e averla esortata ad avere fiducia nella Madonna, il Padre le fece un segno di croce nel braccio, quindi, salutandola, uscì. La signora chiamò la cameriera, la figlia e il genero. Domandò perché avevano fatto entrare Padre Pio senza annunciarlo, ma si sentì rispondere che loro non lo avevano veduto e che, comunque, non avevano aperto la porta a nessuno. Il giorno successivo il chirurgo visitò la signora per prepararla all’operazione, ma non trovò traccia del tumore.

Il vescovo che il 10 agosto 1910, nella cattedrale di Benevento aveva ordinato sacerdote Padre Pio, venne preparato alla morte da Padre Pio che, in bilocazione, era andato a fargli visita.

Padre Pio in bilocazione celebrò una Messa nella Cappella di un monastero di suore in Cecoslovacchia, nel 1951. Dopo la celebrazione della Messa le suore andarono in sacrestia per offrire al Padre una tazzina di caffè e ringraziarlo per la Messa e l’inaspettata visita, ma nella sacrestia non c’era nessuno. Le suore poterono così constatare che Padre Pio si era recato da loro in bilocazione.






Padre Pio, in bilocazione, servì la Messa al primate d’Ungheria, in carcere, a Budapest, nel 1956. Qualcuno, venuto a conoscenza dell’episodio chiese: “Padre Pio, voi gli avete servito la Messa e gli avete parlato, ma allora, se siete stato in carcere, l’avete veduto” – “Certo, se gli ho parlato l’avrò anche veduto…” rispose Padre Pio.

Madre Speranza, fondatrice delle Ancelle dell’Amore Misericordioso, raccontò di aver visto Padre Pio, per un anno intero, tutti i giorni a Roma. Sappiamo benissimo che il Padre non è mai stato a Roma, se non una volta per accompagnare la sorella che aveva deciso di entrare in monastero di clausura nel 1917. Era in bilocazione.




Fonte www.padrepio.catholicwebservices.com

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,867FansLike
20,918FollowersFollow
9,967FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Valeria Fabrizi e la fede nelle sue difficoltà

La ‘suora’ Valeria Fabrizi: prima dell’operazione al tumore ho stretto forte...

Valeria Fabrizi e la fede nelle sue difficoltà Non suolo suora nella fiction "Che Dio ci aiuti" ma anche credente... «Ho affrontato la prova più...