Home News Finis Mundi India, storia di Prema e Reema: dal sogno di una nuova vita...

India, storia di Prema e Reema: dal sogno di una nuova vita all’incubo della prostituzione

India, storia di Prema e Reema: dal sogno di una nuova vita all'incubo della prostituzioneUna testimonianza dell’Asian Movement of Women Religious Against Human Trafficking (Amrat), che rappresenta l’impegno congiunto degli ordini religiosi femminili in Asia meridionale. L’India conta quasi 15 milioni di schiavi: nel 2013 i nuovi casi sono stati 4.566. Le prime vittime sono bambini e ragazze.

Mumbai (AsiaNews) – “Sensibilizzare l’Asia e tutto il mondo globalizzato sul problema del traffico di esseri umani, per impedire che le nostre ragazze diventino prede di questo modo di vivere”. È questo l’obiettivo che anima l’Asian Movement of Women Religious Against Human Trafficking (Amrat). L’associazione rappresenta l’impegno congiunto di tutti gli ordini religiosi femminili dei Paesi dell’Asia meridionale (Bangladesh, India, Nepal, Pakistan, Sri Lanka) nella lotta alla tratta di esseri umani. Su 30 milioni di “nuovi schiavi” stimati in tutto il mondo, l’India da sola ne conta quasi la metà. Secondo gli ultimi dati ufficiali del governo, nel 2013 ci sono stati un totale di 4.566 nuove vittime accertate del traffico: i numeri reali sono molti di più. Lo Stato peggiore è il Rajashtan (1.190), seguito da Delhi (864), Tamil Nadu (762) e Maharashtra (630). Nello stesso arco di tempo, i casi denunciati sono stati 1.657, la maggior parte dei quali (944) ha coinvolto bambini e ragazze, rapiti (o comprati) per essere venduti al mercato della prostituzione, impiegati nel lavoro forzato o mutilati per l’accattonaggio. In questi giorni la Chiesa indiana e asiatica osserva una novena dedicata a santa Bakhita (30 gennaio-7 febbraio), in vista della prima Giornata internazionale di preghiera e riflessione contro la tratta di persone (8 febbraio). “Le nostre preghiere – spiega ad AsiaNews la segretaria generale dell’Amrat, suor Rita Mascarenhas Fma – sono rivolte anche alla conversione dei cuori dei trafficanti, che perpetrano e traggono profitto da questo male, e dei consumatori che lo alimentano. Preghiamo anche affinché i leader di governo, i politici e tutti i servitori dello Stato affrontino il sistema che rende possibile la tratta di esseri umani”. Di seguito la religiosa, delle Salesiane di Don Bosco, racconta ad AsiaNews la storia di due vittime, salvate con l’aiuto del movimento cristiano.

Di ritorno da Delhi, suor Emilda arriva a Ranchi con due giovani ragazze che hanno superato la 12ma classe. Una si chiama Prema e l’altra Reema, sono parenti alla lontana. Entrambe, insieme ad altre due ragazze, erano state portate a Delhi dalla loro amica Namitha con l’illusione di lavorare in un ufficio.

Namitha viaggia abitualmente avanti e indietro da Delhi con abiti affascinanti e adesca ragazze con la promessa di falsi posti di lavoro vantaggiosi e con stipendi  allettanti. Dato il suo stile di vita, le ragazze sono attratte dall’elegante vita di città. Il 23 luglio vengono condotte in un appartamento di Delhi, che Namitha descrive loro come una agenzia di collocamento. Una volta qui però vengono rinchiuse, e i loro effetti personali rubati insieme ai documenti originali. Tuttavia Prema riesce a nascondersi addosso il suo cellulare spento.

Dai trafficanti Namitha guadagna 5mila rupie per ogni ragazza, come ricompensa per l’adescamento. Prema e Reema raccontano che erano quasi in 400, tra ragazze e donne, nel luogo dove erano state portate. Era un grande appartamento, con un bar e molte stanze. Le ragazze provenivano da diversi Stati, in particolare Jharkhand, Chhattisgarh, Orissa e West Bengal.

Le giovani si trovano in condizioni davvero agghiaccianti. Il commercio illegale della vendita di ragazze e donne va avanti giorno e notte e gli uomini che frequentano quel luogo le maltrattano se queste rifiutano di obbedire loro. Le ragazze si nutrono con bevande e cibi drogati. Subiscono abusi sessuali.

Data la situazione, Prema e Reema si rifiutano di mangiare ma continuano a pregare. Il secondo giorno Reema è venduta a un cliente di Ahmedabad. Dovrebbe partire il giorno dopo, ma poiché si rifiuta minacciano di picchiarla in una stanza chiusa. Provano anche a corteggiarla promettendole di portarla a fare shopping. Prema insiste di voler accompagnare Reema ed entrambe progettano di scappare grazie al pretesto delle spese, portandosi dietro il cellulare. Prema riesce a chiamare al telefono sua madre e un compaesano, che la esortano a correre in una strada affollata e a gridare in cerca di aiuto. Quindi entrambe iniziano a correre in modo confuso per strada, chiedendo aiuto.

In quel momento un autista di risciò si ferma per soccorrerle. L’uomo, dopo aver ascoltato la terribile vicenda, lascia le ragazze con 600 rupie alla stazione ferroviaria di Anand Vihar a Delhi. Con tale somma le due organizzano la fuga comprando due biglietti per Ranchi e si apprestano ad aspettare il treno in stazione.

Ma mentre aspettano alla stazione ferroviaria vedono suor Emilda, una suora appartenente alla Society of the Sisters of Bethany (anglicana), che aspettava il treno per Ranchi. Dal vestito riconoscono la sua appartenenza religiosa, perché una delle ragazze ha studiato a una Bethany School. Le ragazze si avvicinano e le raccontano tutto quello che hanno passato. Suor Emilda è in compagnia della figlia del loro autista, che sta portando all’ammissione al collegio di Ranchi. La suora viene colpita dalla loro sofferenza e promette di aiutarle portandole con sé a Ranchi. Procura loro cibo, vestiti e rifugio presso la casa delle consorelle a Ranchi e mette le due ragazze a proprio agio. Per la prima volta dopo una settimana le giovani si sentono al sicuro e libere dalla paura. Suor Emilda dispone tutto per la loro protezione e riesce a riportarle alle loro case.

In questo caso particolare, il trafficante è una ragazza di nome Namitha. Ha studiato fino al biennio universitario. Ora è la seconda moglie di Saif (nome di fantasia), un uomo musulmano. Lui è il principale collegamento e la persona chiave del traffico di affari dal Jharkhand. Ora Namitha, essendo di etnia Santal, si reca in diversi villaggi tribali e seduce sia le ragazze istruite che senza istruzione. A queste vengono mostrate grandi prospettive di buoni lavori, una vita confortevole e così via. Lei le prepara mentalmente. Quando sono pronte, lei le porta al luogo di transito temporaneo nei quartieri generali del distretto. Vengono tenute lì per un po’ di tempo, sono curate e trattate bene. Gli vengono mostrate elevate prospettive. Poi Saif e Namitha le trasportano insieme a Delhi dove hanno il principale centro di transito, nel quale radunano le ragazze e le tengono fino a quando vengono vendute ai compratori.

È davvero angosciante sapere che ci sono centinaia di simili centri di transito invisibili a Delhi, dove vengono distrutte delle vite innocenti e le loro famiglie.

Fonte. AsiaNews

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,933FansLike
19,967FollowersFollow
9,826FollowersFollow
2,330SubscribersSubscribe

News recenti

Preghiera alla Madonna di Loreto

Ogni giorno una Lode a Maria, 2 dicembre 2020. Madonna di...

Affidiamo la nostra nazione alla Mamma Celeste, per benedirla e proteggerla, e con essa, tutti noi suoi figli, con le nostre famiglie. (Recitata ogni giorno...