In fiamme la Cavallerizza Reale di Torino, brucia il patrimonio Unesco

In fiamme la Cavallerizza Reale di Torino, brucia il patrimonio Unesco

torino cavallerizza incendio
huffingtonpost.it

 

Questa mattina c’è stato un incendio alla Cavallerizza Reale, storico complesso architettonico nel centro di Torino dichiarato patrimonio dell’Unesco. Le cause sono ancora sconosciute. Sul posto quattro squadre dei vigili del fuoco. Nel 2014 le fiamme distrussero i magazzini del Circolo dei Beni Demaniali. In quel caso si trattò di un incendio doloso, appiccato con cinque bottiglie di liquido infiammabile.

Le fiamme hanno coinvolto le ex stalle della Cavallerizza, chiamate ‘Le Pagliere’, dove ci sono i magazzini e dove viene accatasto materiale di risulta. L’area è occupata da tempo da esponenti dei centri sociali. “Il fuoco è divampato verso le 7.20. A quell’ora c’era già gente nei laboratori. C’erano anche persone che hanno passato lì la notte“, racconta uno degli occupanti.

Le parole della sindaca Chiara Appendino:L’incendio poteva generare molti più danni. Dobbiamo ringraziare l’impegno dei vigili del fuoco se Auditorium Rai e Archivio non stati intaccati dalle fiamme. È stato ridotto l’impatto e l’incendio è stato domato“. 

Fa male vedere un edificio storico tra le fiamme – aggiunge – Ora è presto per fare altre valutazioni. Ci saranno accertamenti sulle cause. È evidente che la Cavallerizza così non può stare“.

La Cavallerizza Reale è da tempo abbandonata e alcuni suoi spazi sono stati occupati.Per il suo rilancio, come Città ci eravamo dati l’obiettivo di chiudere il 31 ottobre lo studio per dare una vocazione a tutte le aree del complesso e manterremo i tempi – sottolinea la sindaca Appendino -. Dal punto di visto politico, si procede su questo percorso. Il tema oggi non è l’occupazione. Ho chiesto all’assessore all’Urbanistica, Antonino Iaria, di lavorare su questo dossier, che è prioritario. Stiamo lavorando anche per evitare episodi come quello di questa mattina“.

Fonte ansa.it – Copertina da tv fanpage

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome