Pubblicità
HomeNewsFamilia et MensIl senzatetto pianista ritrova il figlio grazie alla rete

Il senzatetto pianista ritrova il figlio grazie alla rete

DonaldLa storia di Donald Gould, il senzatetto che stupisce i passanti di Sarasota (Florida, Stati Uniti) suonando uno dei pianoforti messi a disposizione dal Comune, si è arricchita di un nuovo capitolo. La vicenda è stata raccontata da Aleteia qualche giorno fa, contribuendo a far conoscere la storia di quest’uomo che a suo dire è un senzatetto da sei o sette anni. Gould ha riferito a Inside Edition (10 luglio), che lo aiutato a “ripulirsi” portandolo a comprare vestiti nuovi e a tagliarsi la lunga barba che si era fatto crescere, che c’era una cosa importante che mancava nella sua vita: il figlio con cui aveva perso i contatti 15 anni fa, quando la sua vita aveva iniziato una spirale discendente. “Ora forse mio figlio si metterà in contatto con me”, ha detto Donald. Inside Edition ha rintracciato il ragazzo. Si chiama Donny, ha 18 anni e si è appena diplomato. Quando aveva cinque anni è stato adottato da Terri e Darryl. “È stato amore a prima vista”, ha confidato Terri. “Non appena l’abbiamo visto lo abbiamo amato. Sapevamo che questa era la sua casa”. Donny è cresciuto in Michigan. Sapeva di essere stato adottato, ma non aveva idea che il padre biologico volesse mettersi in contatto con lui. “Il pensiero non mi ha mai sfiorato”, ha confessato. La settimana scorsa i suoi genitori hanno ricevuto una telefonata da un amico che aveva visto il padre biologico di Danny su Inside Edition. In quel primo video, Donald aveva ancora un aspetto molto trasandato. “Abbiamo guardato il video, e poi abbiamo chiamato Donny. Lo abbiamo fatto sedere tra noi due e gli abbiamo fatto vedere il video”, ha detto Darryl. Lui e la moglie gli hanno spiegato che quel senzatetto che suonava così bene il pianoforte era il suo padre biologico. Quando Donny ha visto la nuova storia di Inside Edition, con Donald consistentemente “ripulito”, i suoi genitori hanno deciso. “Abbiamo visto che si era risistemato e che sarebbe andato in riabilitazione, e abbiamo pensato che potevamo metterci in contatto con lui”. Donny ha detto di amare i genitori biologici quanto qualsiasi figlio ama i propri genitori, ma ha pensato che mettersi in contatto con Donald potesse aiutarlo a riprendere in mano la sua vita.

“Voglio solo aiutarlo a rimettersi in sesto”, ha detto. I due hanno quindi conversato via chat, Donny da casa in Michigan e Donald da una stanza di hotel di Sarasota. “È stato fantastico”, ha confessato Donald. “Non sembrava risentito, il che è splendido”. I genitori di Donny aspettano di vedere che passi avanti farà Donald prima di organizzare un incontro faccia a faccia, e sperano davvero che l’uomo dia un svolta alla sua vita.

Redazione Papaboys (Fonte www.aleteia.org)

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,867FansLike
20,918FollowersFollow
9,967FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Valeria Fabrizi e la fede nelle sue difficoltà

La ‘suora’ Valeria Fabrizi: prima dell’operazione al tumore ho stretto forte...

Valeria Fabrizi e la fede nelle sue difficoltà Non suolo suora nella fiction "Che Dio ci aiuti" ma anche credente... «Ho affrontato la prova più...