Il Santo di oggi 9 Ottobre 2019 San Dionigi e compagni, Martiri

Oggi 9 Ottobre la Chiesa ricorda San Dionigi e compagni, Martiri

San Dionigi e compagni

Etimologia: Dionigi = consacrato a Dioniso (è il dio Bacco)

Emblema: Bastone pastorale, Palma

Santi Dionigi, vescovo, e compagni, martiri: si tramanda che san Dionigi sia giunto in Francia inviato dal Romano Pontefice e, divenuto primo vescovo di Parigi, morì martire nelle vicinanze di questa città insieme al sacerdote Rustico e al diacono Eleuterio.

La vita

Dionigi di Parigi, in francese saint Denis (Italia, III secolo – Montmartre, III secolo), è stato un vescovo romano, venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

È il primo vescovo della città di Lutezia, l’odierna Parigi, nell’allora Gallia romana. La Chiesa cattolica lo venera come santo, martire e patrono di Parigi e della Senna-Saint-Denis. Morì martire verso il 250. Sul luogo dove fu sepolto furono erette la basilica e poi l’Abbazia di Saint Denis. Questo è tutto ciò che si sa di lui prima del IX secolo.

Dionigi fa parte dei grandi santi di Gallia insieme a san Privato, san Saturnino, san Marziale, san Martino di Tours, san Graziano, san Ferreolo di Vienne e san Giuliano.

La sua agiografia, tramandata in abbazia, parla anche dei suoi compagni Eleuterio, presbitero, e Rustico, diacono. Racconta inoltre, che il santo stesso avrebbe portato la propria testa, dopo la decapitazione avvenuta nell’Île de la Cité, da Montmartre (che vuol dire appunto “Monte del martirio”) a Saint Denis, per una via che fu poi detta Rue des Martyrs, consegnandola infine ad una nobile romana, Catulla, la cui famiglia era proprietaria di quel territorio.

Il culto

Il nome di san Dionigi compare verso il 520 nella Vita di Santa Genoveffa (Geneviève), che testimonia la devozione della santa verso il vescovo martire.

Genoveffa ottenne dal clero parigino che fosse eretta una chiesa sulla sua tomba al vicus Catulliacus, otto chilometri a nord della Senna. Precisamente nel luogo dell’attuale basilica di Saint Denis, in rue Catullienne. Questo perchè voleva onorare quello che considerava il suo padre spirituale. 

San Dionigi e compagni

Mezzo secolo più tardi, il martirologio geronimiano menziona la deposizione di san Dionigi e dei suoi compagni al 9 ottobre e attesta la diffusione del suo culto fino a Bordeaux.

Negli stessi anni, lo storico Gregorio di Tours, suo compagno di viaggio, racconta che verso il 245 papa Fabiano aveva inviato Dionigi in Gallia con altri sei missionari, tra cui Graziano di Tours, per portarvi il Vangelo, e che egli si era fermato a Lutezia, dove era stato ben presto condannato a morte.

Si pensa che il martirio  sia avvenuto sotto la persecuzione di Decio nel 250 o di Aureliano nel 270 o di Diocleziano nel 285. Nel VII secolo, presso la basilica dove riposava fu fondata un’abbazia, che acquistò grande prestigio grazie alla generosità dei re Franchi, da Dagoberto in poi. La devozione dei re franchi per il santo patrono si espresse anche nel grido di guerra e di vittoria Montjoie Saint-Denis. Fonte Wikipedia

Redazione Papaboys

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome