Home Testimonium Il Santo di oggi 28 Maggio 2020 Beata Maria Serafina del Sacro...

Il Santo di oggi 28 Maggio 2020 Beata Maria Serafina del Sacro Cuore, Fondatrice

Pubblicità

Oggi si ricorda la Beata Maria Serafina del Sacro Cuore

Beata Maria Serafina del Sacro Cuore - 28 Maggio 2020
Beata Maria Serafina del Sacro Cuore – 28 Maggio 2020

Pubblicità

Oggi 28 Maggio 2020 la Chiesa ricorda la Beata Maria Serafina del Sacro Cuore, Fondatrice delle Suore degli Angeli. Redazione Papaboys 3.0

LEGGI: Lettura e commento al Vangelo di oggi 28 Maggio

La sua vita è la prova provata che, quando anche una “telefonata celeste” indirizzasse chiaramente una persona verso una ben definita vocazione, la concretizzazione di questa è affidata al discernimento ed alla faticosa ricerca personale, da cui nessuno è esentato, tantomeno i santi.

La vita

Pubblicità

Clotilde Micheli nasce l’11 settembre 1849 a Imèr (Trentino) e dalla famiglia avrebbe tutto ciò che serve a far sbocciare una vocazione religiosa. Un papà soprannominato “giusto”; una mamma che si divide tra casa e chiesa e che attira, come pensano i suoi vicini, le benedizioni del cielo sul paese. Aveva una sorella che sembra avere il filo diretto con il paradiso e che riceve in visione precise indicazioni sulla futura vita religiosa di Clotilde.

Le visioni, appunto, di cui oggi non si parla volentieri: ne beneficiano prima la sorella e poi la stessa Clotilde, ma non sono, come a prima vista sembrerebbe, un particolare privilegio, casomai un tormento. Perchè se, proprio grazie alle visioni, è ben chiaro il progetto di Dio su di lei, queste accentuano anche le sue fatiche per attuarlo. In particolare, le sembra evidente che Dio non la vuole suora tra le tante già esistenti.

Bensì fondatrice di una nuova congregazione che abbia lo specifico scopo di adorare la Santissima Trinità, con speciale devozione alla Madonna ed agli Angeli, quali modelli di preghiera e di servizio. Ma dato che il diventare fondatrice non è precisamente come bere un bicchier d’acqua, ecco le prime difficoltà, che sembrano a dir poco insormontabili. Gli ostacoli maggiori non li riscontra in famiglia, che anzi la sollecita a rispondere alla sua vocazione, piuttosto in lei ed in chi dovrebbe consigliarla e sostenerla.

Monsignor Agostini, futuro patriarca di Venezia, la incoraggia a proseguire sulla strada intrapresa. Lei si spaventa ed ha paura di non essere all’altezza della situazione. Si trasferisce a Padova, dov’è sostenuta da un altro consigliere spirituale illuminato, che però muore troppo presto. Con un sotterfugio qualcuno cerca di farla sposare e lei scappa in Germania, dove si sono trasferiti i genitori, e per otto anni si mette al servizio dei malati come infermiera piena di dolcezza e carità, ma neanche questa è la sua strada.

Per farla breve, tra una spinta ed un tentennamento, Clotilde a 38 anni ancora non ha capito dove il Signore la sta attirando. Decide così di andargli incontro, iniziando un pellegrinaggio a piedi che ha come meta Roma e come tappe intermedie i principali santuari mariani.

Le Suore degli Angeli

Nella città di Roma entra nell’Istituto delle Immacolatine prendendo il nome di suor Annunziata, ma vi rimane poco più di due anni. Il tempo cioè per accorgersi che non è quello il posto per lei. L’irrequieta Clotilde prosegue così il suo viaggio verso Caserta, nei cui dintorni, finalmente, riesce a raccogliere le prime cinque ragazze che a giugno 1891 prendono il velo insieme a lei.

Nascono così le Suore degli Angeli, adoratrici della Trinità, proprio come fin da ragazza aveva sognato. Lei prende il nome di Suor Maria Serafina del sacro Cuore ed appena un anno dopo alle sue prime suore viene affidato un orfanotrofio.

L’assistenza all’infanzia ed alla gioventù abbandonata diventa così il carisma specifico, coniugato alla preghiera adorante che Madre Serafina sente come loro impegno primario.

Figliole mie, imparate a sorridere sempre; affronterà la malattia, attraverserà l’incomprensione di alcune consorelle e farà fronte alle calunnie che minano ed indeboliscono sempre più il suo fisico.

Beata Maria Serafina del Sacro Cuore - 28 Maggio 2020
Beata Maria Serafina del Sacro Cuore – 28 Maggio 2020

La morte

Probabilmente le tocca anche una lunga notte dello spirito, se ad una consorella confida: “So che amo il Signore, ma non lo sento“.

Così, consumata dalle sofferenze fisiche e morali, muore il 24 marzo 1911, mentre le sue figlie continuano “come gli Angeli ad adorare la Trinità e sono sulla terra come essi sono nei cieli”.

Viene proclamata venerabile nel 2009 ed è stata beatificata il 28 maggio 2011.

(Fonte santiebeati.it – Autore: Gianpiero Pettiti)

Redazione Papaboys

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,917FansLike
17,749FollowersFollow
9,748FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Santa Veronica, pia donna 12 Luglio

Il Santo del giorno 12 Luglio 2020 Santa Veronica, la donna...

Oggi la Chiesa ricorda Santa Veronica, pia donna Veronica è, secondo la tradizione cristiana, la "pia donna" che, vedendo la passione di Gesù che trasportava...