Il Santo di oggi – 23 Agosto – San Zaccheo

Il Martirologio Romano riporta solo due santi di nome Zaccheo, uno vescovo di Gerusalemme con festa al 23 agosto e l’altro martire di Cesarea di Palestina insieme a s. Alfio con festa al 17 novembre. S. Zaccheo vescovo, è riportato da Eusebio (265-340) vescovo di Cesarea e storico delle origini della Chiesa, che nella sua “Historia Ecclesiastica” enumera i nomi dei primi quattro vescovi di Gerusalemme e cioè s. Giacomo il Minore apostolo, s. Simeone, Giusto e s. Zaccheo.

93257B[1]Quindi s. Zaccheo fu il quarto vescovo di Gerusalemme e vissuto nel II secolo.
Purtroppo di lui non si sa altro; l’agiografo Adone († 875) fu il primo ad inserirlo nel suo ‘Martirologio’, dal quale passò in quello di Usuardo († 877) e da questi nel ‘Martirologio Romano’, compilato dal card. Cesare Baronio nel XVI secolo.

Ma c’è un terzo s. Zaccheo detto il Pubblicano, figura evangelica che per la verità è ricordato più in Oriente che dai Latini, il 20 agosto e in altre date; la Chiesa Copta il 20 aprile; i Bizantini la 32ª domenica dopo Pentecoste; nel Martirologio di Rabban Sliba è ricordato il 27 agosto come vescovo di Cesarea; non è menzionato nel Martirologio Romano.
In Francia una tradizione leggendaria, lo fa giungere dalla Palestina a Roc Amadour come sposo della Veronica e venerato sotto il nome di Amadoro il 20 agosto.
Zaccheo era il ricco capo dei pubblicani, cioè dei gabellieri che avevano l’incarico di esattori delle tasse a Gerico e nonostante fosse ebreo, per questa sua attività al servizio dei Romani, era disprezzato dai connazionali.
Quando Gesù passò per Gerico, Zaccheo che era basso di statura, per poterlo vedere salì su un albero di sicomoro.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA



Il Maestro lo vide, lo invitò a scendere e gli chiese di ospitarlo nella sua casa, nonostante il mormorio di disapprovazione dei presenti.
Da quell’incontro nella casa di Zaccheo il Pubblicano, Gesù ottenne da lui la promessa che avrebbe distribuita la metà dei propri beni ai poveri e se avesse frodato qualcuno, avrebbe restituito il quadruplo di quanto estorto.
Al di fuori di questo racconto evangelico, non si sa altro; tutto il resto è leggenda, come la qualifica di vescovo di Cesarea di Palestina, il suo sbarco in Francia, il matrimonio con la Veronica, l’identificazione con l’eremita Amadoro, ecc.


Autore: Antonio Borrelli

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome