Home Testimonium Il Santo di oggi 21 Ottobre: Beato Giuseppe Puglisi, Martire. Vita e...

Il Santo di oggi 21 Ottobre: Beato Giuseppe Puglisi, Martire. Vita e Preghiera

Oggi la Chiesa ricorda la figura di don Pino Puglisi

Giuseppe Puglisi è stato un presbitero, educatore e martire italiano che fu ucciso dalla mafia il giorno del suo 56° compleanno per essersi schierato contro tale struttura di peccato, a difesa dell’uomo e della sua dignità.

LEGGI ANCHE: Frasi e martirio del sacerdote che ha combattuto la mafia

La vita

Giuseppe Puglisi nasce il 15 Settembre 1937 a Palermo, nella borgata di Brancaccio; era il terzo dei quattro figli di un calzolaio, Carmelo, e di una sarta, Giuseppa Fana. Veniva chiamato affettuosamente “3P” (trepi).

Entrò nel seminario diocesano di Palermo nel 1953, e venne ordinato sacerdote dal cardinale Ernesto Ruffini il 2 luglio 1960 nella Chiesa della Madonna dei Rimedi.

Nel 1961 venne nominato vicario cooperatore presso la parrocchia del Santissimo Salvatore nella borgata di Settecannoli, limitrofa a Brancaccio, e dal 27 novembre 1964 rettore della chiesa di San Giovanni dei Lebbrosi, a Romagnolo.

Dal 1962 fu anche confessore delle suore basiliane Figlie di Santa Macrina, nell’omonimo istituto.

Nel 1963 è nominato cappellano presso l’Istituto per orfani “Roosevelt”, all’Addaura, e vicario presso la parrocchia Maria Santissima Assunta a Valdesi.

Nel 1969 divenne vicerettore del seminario minore della diocesi. Nel settembre dello stesso anno partecipò a una missione nel paese di Montevago, colpito dal terremoto.

Sin dai primi anni del suo ministero seguì in particolar modo i giovani e si interessò delle problematiche sociali dei quartieri più emarginati della città.

Seguì con attenzione i lavori del Concilio Vaticano II, e ne diffuse subito i documenti tra i fedeli, con speciale riguardo al rinnovamento della liturgia, al ruolo dei laici, ai valori dell’ecumenismo e delle chiese locali. Il suo desiderio fu sempre quello di incarnare l’annunzio di Gesù Cristo nel territorio, assumendone quindi tutti i problemi e facendoli propri insieme alla comunità cristiana.

Il 1 ottobre 1970 venne nominato parroco di Godrano, un piccolo paese in provincia di Palermo – segnato da una sanguinosa faida – dove rimase fino al 31 luglio 1978, riuscendo a riconciliare le famiglie dilaniate dalla violenza con la forza del perdono.

In quel periodo si unì agli sforzi di Lia Cerrito e di altri volontari del Movimento Crociata del Vangelo, fondato dal frate minore siciliano Placido Rivilli.

In quegli anni seguì pure le battaglie sociali di un’altra zona degradata della periferia orientale della città, lo Scaricatore, in collaborazione con il centro della zona dei Decollati gestito dalle Assistenti Sociali Missionarie, tra esse Agostina Ajello.

Il 9 agosto 1978 fu nominato pro-rettore del Seminario minore di Palermo e il 24 novembre dell’anno seguente fu scelto dall’arcivescovo Salvatore Pappalardo come direttore del Centro Diocesano Vocazioni. Il 24 ottobre 1980 venne nominato vice delegato regionale del Centro vocazioni, e dal 5 febbraio 1986 fu direttore del Centro Regionale Vocazioni.

Agli studenti e ai giovani del Centro Diocesano Vocazioni si dedicò con passione per lunghi anni realizzando, attraverso una serie di campi scuola, un percorso formativo esemplare dal punto di vista pedagogico e cristiano.

Don Giuseppe Puglisi è stato docente di matematica e poi di religione presso varie scuole; inoltre , a Palermo e in Sicilia fu tra gli animatori di numerosi movimenti ecclesiali, come:

  • Presenza del Vangelo
  • Azione cattolica
  • FUCI
  • Équipes Notre Dame
  • Camminare insieme

Dal maggio del 1990 svolse il suo ministero sacerdotale anche presso la Casa Madonna dell’Accoglienza dell’Opera pia Cardinale Ruffini, a Boccadifalco, in favore di giovani donne e ragazze-madri in difficoltà.

Nel quartiere Brancaccio

Il 29 settembre 1990 venne nominato parroco della Parrocchia di San Gaetano di Brancaccio, e dall’ottobre del 1992 assunse anche l’incarico di direttore spirituale del corso propedeutico presso il seminario palermitano.

Il 29 gennaio 1993 inaugurò a Brancaccio il Centro di Accoglienza “Padre Nostro”, che diventò il punto di riferimento per i giovani e le famiglie del quartiere. La sua attenzione si rivolse al recupero degli adolescenti già reclutati dalla criminalità mafiosa, riaffermando nel quartiere una cultura della legalità illuminata dalla fede.

In tale periodo venne aiutato anche da un gruppo di suore, tra cui suor Carolina Iavazzo, e dal viceparroco, don Gregorio Porcaro.

Collaborò con i laici della zona dell’Associazione Intercondominiale per rivendicare i diritti civili della borgata, denunciando collusioni e malaffari e subendo minacce e intimidazioni.

Beato Giuseppe Puglisi, 21 Ottobre
Beato Giuseppe Puglisi, 21 Ottobre

La morte e il culto

Il 15 settembre 1993, giorno del suo 56 compleanno, intorno alle 22.45, venne ucciso dalla mafia con un colpo di pistola alla nuca nel piazzale Anita Garibaldi, mentre rientrava a casa.

I funerali si svolsero il 17 settembre. La salma fu tumulata presso il cimitero di Sant’Orsola, nella cappella di Sant’Euno, di proprietà dell’omonima confraternita laicale. Sulla sua tomba, sono scolpite le parole del Vangelo di Giovanni 15,13:

«Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici.»

La sua attività pastorale, secondo le ricostruzioni emerse dalle inchieste giudiziarie, costituì il movente dell’omicidio, i cui esecutori e mandanti mafiosi furono arrestati e condannati con sentenze definitive.

Per questo motivo già subito dopo il delitto numerose voci si levarono per chiedere il riconoscimento del martirio.

A partire dal 1994, il 15 settembre, anniversario della sua morte, segna l’apertura dell’anno pastorale della diocesi di Palermo.

Il 15 settembre 1999, il cardinale Salvatore De Giorgi ha insediato il Tribunale ecclesiastico diocesano per il riconoscimento del martirio, che ha iniziato ad ascoltare i testimoni.

L’indagine è stata conclusa a livello diocesano nel maggio 2001, e la pratica è stata inviata presso la Congregazione per le Cause dei Santi.

Un “Archivio Puglisi” di scritti editi ed inediti, registrazioni, testimonianze e articoli si è costituito presso il Centro diocesano vocazioni, in via Matteo Bonello a Palermo.

La sua vita e la sua morte sono state testimonianze della sua fedeltà all’unico Signore, e hanno disvelato la malvagità e l’assoluta incompatibilità della mafia con il messaggio evangelico.

Il 28 giugno 2012, papa Benedetto XVI, durante un’udienza con il cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, ha autorizzato la promulgazione del decreto di beatificazione per il martirio in odium fidei.

Viene proclamato beato a Palermo, il 25 maggio 2013.

Il corpo di don Pino Puglisi è stato traslato nel 2012 dal cimitero monumentale di Sant’Orsola alla Cattedrale dell’Assunzione di Maria Vergine.

Curiosità

La memoria liturgica ricorre il 21 ottobre perché in questo giorno nel 1937 padre Puglisi ricevette il battesimo, ma è ricordato ogni anno il 21 marzo nella Giornata della Memoria e dell’Impegno di Libera, la rete di associazioni contro le mafie, che in questa data legge il lungo elenco dei nomi delle vittime di mafia e fenomeni mafiosi.

È possibile che padre Pino fosse devoto alla Madonna del Perpetuo Soccorso. A dimostrazione di tale fatto ci sono le molte immagini di tale Madonna nella casa a Brancaccio di don Puglisi, aperta a tutti come un museo ecclesiastico.

Al presbitero sono stati dedicati anche numerosi libri e un film. (Fonteit.cathopedia.org)

Preghiera don Pino Puglisi

Beato martire Giuseppe,

sei stato, per grazia di Dio,

operaio infaticabile nella sua vigna,

testimone audace del Vangelo,

fratello e amico dei giovani,

difensore dei poveri e degli oppressi.

 

Intercedi per la Chiesa,

perché in essa il Signore susciti

generosi ministri del Vangelo,

uomini e donne capaci di impegnarsi

per la vera libertà, la pace e il bene di tutti.

 

Fa che anche noi possiamo avere

il tuo impavido coraggio nel rifiutare il male

e ogni compromesso con i poteri tenebrosi

e criminali degli uomini,

per rimanere fedeli a Cristo

e così entrare nella gioia del suo Regno. Amen.

 

Redazione Papaboys

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,829FansLike
19,845FollowersFollow
9,806FollowersFollow
2,330SubscribersSubscribe

News recenti

Ogni giorno una Lode a Maria, 24 novembre 2020. Supplica alla...

O Celeste Tesoriera di tutte le grazie, Madre di Dio e Madre mia Maria, poiché sei la Figlia Primogenita dell'Eterno Padre e tieni in...