Il Santo di oggi 21 Giugno 2019 San Jose Isabel Flores Varela, Martire

Nel territorio di Zapotlanejo in Messico, san Giuseppe Isabel Flores, sacerdote e martire al tempo della grande persecuzione.

San Jose Isabel Flores Varela

Emblema: Palma

Persecuzione cristiana in Messico

Dopo la dittatura di Porfirio Diaz (1876-1911) si ebbe un periodo di rivoluzioni e di guerre civili. In quest’arco di anni, le condizioni della Chiesa nel Messico furono estremamente difficili. Specialmente dopo l’entrata in vigore, il 5 febbraio 1917, della nuova Costituzione anticlericale e antireligiosa. Il clero cattolico fu oggetto di minacce, soprusi e vessazioni da parte dei governi massonici, che si spinsero fino alla più bruta violenza e all’assassinio. In fondo si perseguitarono i preti solo perché sacerdoti.

Il #Santo di oggi – 21 Giugno ❤️❤️❤️ San Luigi Gonzaga (Principe e religioso)

In un continuo succedersi di presidenti chiamati a guidare il Paese, alcuni uccisi, in preda a costanti conflitti interni, si giunse alla nomina di Plutarco Elias Calles nel 1924. Questi lavorò per il risanamento economico, il rafforzamento del movimento operaio, favorì la distribuzione della terra ai contadini, ma inasprì anche la lotta contro la Chiesa, che in varie occasioni e situazioni si tramutò in una vera e propria persecuzione. I sacerdoti ed i laici cattolici vennero a scontrarsi con il più acerrimo ateismo.

San Giovanni Paolo II canonizzò i martiri cristiani

Papa Giovanni Paolo II il 22 novembre 1992, beatificò nella Basilica di S. Pietro, 25 di questi perseguitati, che da sacerdoti, parroci o laici, donarono con il martirio la loro vita per la difesa della Fede e per l’affermazione della presenza della Chiesa Cattolica in Messico.

Il 21 maggio del 2000 lo stesso pontefice li ha canonizzati tutti i 25 in Piazza San Pietro, indicando alla Chiesa Universale l’esempio della loro santità, operata in vita e coronata dal martirio finale.

Si riportano i 25 nomi, per ognuno esiste una scheda biografica:

Parroco Cristóbal Magallanes Jara – parroco Román Adame Rosales – parroco Rodrigo Aguilar Alemán – parroco Julio Alvarez Mendoza – parroco Luis Batis Sainz – sacerdote Agustín Caloca Cortés – parroco Mateo Correa Magallanes – sacerdote Atilano Cruz Alvarado – sacerdote Miguel de la Mora de la Mora – sacerdote Pedro Esqueda Ramírez – sacerdote Margarito Flores García – sacerdote José Isabel Flores Varela – sacerdote Pedro de Jesús Maldonado Lucero – sacerdote David Galván Bermudez – ragazzo Salvador Lara Puente – sacerdote Jesús Méndez Montoya – laico Manuel Morales – parroco Justino Orona Madrigal – sacerdote Sabás Reyes Salazar – parroco José María Robles Hurtado – ragazzo David Roldan Lara – sacerdote Toribio Romo Gonzáles – sacerdote Jenaro Sánchez Delgadillo – parroco David Uribe Velasco – viceparroco Tranquilino Ubiarco Robles. (La loro celebrazione collettiva è al 21 maggio).

La vita di San José Isabel Flores Varela

Il sacerdote José Isabel Flores Varela, nacque a Santa Maria de la Paz, Zacatecas (archidiocesi di Guadalajara), il 28 novembre 1866. Fu cappellano di Matatlán, Jalisco, per 26 anni dove diffuse la carità del suo ministero in quella cappellania. Mostrandosi a tutti un padre affettuoso, confortandoli con il suo zelo e la sua povertà, il suo spirito di sacrificio, la sua pietà e la sua sapienza.
Fu vigliaccamente tradito da un suo vecchio compagno, che aveva tante volte aiutato. Denunciato al capo di Zapotlanejo il piccolo paese dove esercitava il suo ministero sacerdotale, 
Il 18 giugno 1927 fu incarcerato mentre si recava in una fattoria per celebrare la Messa e messo in un luogo sporco e maltrattato. Finché il 21 giugno 1927 fu preso di notte e condotto nel cimitero di Zapotlanejo per l’esecuzione.

San Jose Isabel Flores Varela

Martire

La cosa non fu facile, cercarono di impiccarlo ma non vi riuscirono. Il capo degli aguzzini allora ordinò di sparargli, ma un soldato riconobbe in padre José Isabel Flores Varela, il sacerdote che l’aveva battezzato pertanto si rifiutò, il capo infuriato uccise il soldato.

Misteriosamente le altre armi non spararono contro il sacerdote inceppandosi; allora uno degli assassini tirato fuori un coltello, tagliò la gola all’eroico martire. Fonte santiebeati.it

San Jose Isabel Flores Varela Martire prega per noi!

Autore: Antonio Borrelli

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome