Il Santo di oggi 19 Marzo 2019 Beato Marcello Callo, Laico e martire

A Mauthausen in Austria, beato Marcello Callo, martire, che, giovane originario di Rennes in Francia, durante la guerra confortava con spirito cristiano nella fede i compagni di prigionia sfiniti dai lavori forzati e per questo fu ucciso nel campo di sterminio.

Beato Marcello Callo

Etimologia: Marcello, diminutivo di Marco = nato in marzo, sacro a Marte, dal latino

Emblema: Palma

Per condannarlo una sola accusa: è “troppo cattolico”. Per questo, dal campo di lavoro lo destinano al famigerato campo di sterminio di Mathausen. Qui il 19 marzo 1945 muore, distrutto dalle angherie, dai maltrattamenti, dal lavoro massacrante e dall’angoscia di non avere più notizie dei suoi familiari. Marcello Callo, luminosa e splendida figura di giovane laico impegnato, che a buon diritto rientra nel numero dei martiri del nazismo e che ha ricevut, primo Scout al mondo, l’aureola di beato nel 1987.

LEGGI ANCHE: 19 Marzo – Oggi è la festa di San Giuseppe!

La vita

Nasce a Rennes (Francia) nel 1921, in una famiglia dove Cristo è di casa, secondo di una nidiata di nove fratelli. A 13 anni è già apprendista in una tipografia, ma spiritualmente ha già fatto un lungo cammino: come chierichetto, prima; come boy scout, fino al 1935; da quella data in poi nella JOC, il movimento di Azione Cattolica tra la gioventù operaia. E’ soprattutto lo scoutismo a segnare in modo indelebile la sua formazione cristiana e se lo lascia è soltanto per obbedienza all’assistente ecclesiastico, che lo vuole impegnato in mezzo ai giovani lavoratori. Soprannominato per disprezzo “Gesù Cristo” dai compagni di lavoro, che lo boicottano e per un bel pezzo non gli rivolgono la parola, riesce ad imporsi alla loro stima per la serietà e l’applicazione con cui lavora e per essersi speso nel difendere la dignità lavorativa di qualche collega.

Approfitta di questo varco che è riuscito a crearsi in quel clima anticlericale per aiutare chi può, comporre i dissidi tra gli operai, difendere il loro posto di lavoro, incitarli al bene.

Alla mamma che gli chiede se non sente l’inclinazione al sacerdozio come il suo fratello maggiore, candidamente risponde: “Io non mi sento chiamato al sacerdozio; ritengo di fare maggiormente del bene restando nel mondo“.

E lo testimonia, anche, conoscendo una brava ragazza e fidanzandosi ufficialmente. Con l’armistizio del 1940 e l’occupazione nazista della Francia, Marcello viene precettato: lo attende il servizio di lavoro obbligatorio in Germania. Mentre c’è chi fugge a questa quasi deportazione e sceglie la Resistenza, Marcello decide invece di partire:Parto come missionario, per aiutare gli altri a resistere”.

Marcello parte in missione

Il 19 marzo 1943 quando saluta la famiglia, lascia la fidanzata e prende il treno che lo porta in Germania. Con sé ha soltanto, di veramente prezioso, la croce della Promessa Scout e il suo distintivo di giovane operaio cattolico. In terra tedesca si da subito da fare: trovare una chiesa in cui far celebrare messe in francese per i suoi connazionali, animare le liturgie, commentare le letture, ma anche dirigere un coro, organizzare una squadra di calcio, mettere insieme un gruppo teatrale, coordinare le visite ai malati e distribuire le medicine.

Un’attività così intensa non può passare inosservata e i nazisti lo arrestano insieme ad altri undici amici, il 19 aprile 1944, con l’accusa di essere “troppo cattolico”.

Beato Marcello Callo

Nel campo di sterminio

Il 7 ottobre li spediscono nel campo di sterminio. Marcello viene destinato a quello tristemente famoso di Mathausen. Trattati con brutalità, denutriti, costretti ad un lavoro sfibrante reso impossibile dal freddo e dall’umidità, i prigionieri del lager vengono colpiti da cancrene, diarree, ulcere, tubercolosi e cominciano a morire come mosche. Anche Marcello, che pure avrebbe potuto evitare tutto ciò se solo si fosse dimostrato non “troppo cattolico”. “Cristo è un amico che non ti lascia nemmeno un istante e che ti sa sostenere, con Lui si sopporta tutto…”, aveva scritto e Gesù diventa davvero un amico prezioso nella desolazione del lager. Tanto che Marcello non perde la bussola. Non viene meno alla sua Promessa, non perde la fede.

La testimonianza della sua fede

Quando il 19 marzo 1945 lo tirano fuori dalla latrina in cui è caduto e lo portano in infermeria, gli trovano stampato in fronte un sorriso che impressiona chi lo soccorre. Ad assisterlo, nei momenti estremi, un solo prigioniero, non credente, che dopo la guerra finisce per convertirsi.  

Al processo di beatificazione di Marcello dichiarerà testualmente:

Se io, non credente, che ho visto morire migliaia di prigionieri, sono stato colpito dallo sguardo di Marcello, è perché in lui c’era qualcosa di straordinario. Per me fu una rivelazione: il suo sguardo esprimeva una convinzione profonda che portava verso la felicità. Era un atto di fede e di speranza verso una vita migliore. Non ho mai visto in nessuna parte, accanto ad ogni moribondo (e ne ho visti migliaia), uno sguardo come il suo. Per la prima volta nel viso di un deportato vedevo un’impronta che non era unicamente quella della disperazione“.

Autore: Gianpiero Pettiti

Fonte santiebeati.it

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome