Home Testimonium Il Santo di oggi 14 Dicembre 2019 Sant'Agnello da Napoli, Abate

Il Santo di oggi 14 Dicembre 2019 Sant’Agnello da Napoli, Abate

Pubblicità

Oggi la Chiesa ricorda sant’Agnello, abate del monastero di San Gaudioso

Sant'Agnello, Abate
Sant’Agnello, Abate

A Napoli, sant’Agnello, abate del monastero di San Gaudioso. Scrittori recenti parlano dei suoi interventi miracolosi per liberare Napoli e Sorrento, strette d’assedio dai Saraceni.

Etimologia: Agnello = messaggero, dal greco

Pubblicità

Emblema: Bastone pastorale

Martirologio Romano: A Napoli, sant’Agnello, abate del monastero di San Gaudioso.

Pubblicità

LEGGI: Oggi 14 Dicembre si ricorda la figura di San Giovanni della Croce

La vita

Le prime notizie di un certo rilievo relative al santo di oggi ci pervengono nel X secolo grazie a Pietro suddiacono della Chiesa napoletana, che era stato liberato da una grave infermità per intercessione di Agnello. Compose un libellus miraculorum, in cui, oltre alla sua, racconta altre ventidue guarigioni miracolose operate dal santo. 

Agnello sarebbe nato nel 535 da una famiglia ricca napoletana (la madre si chiamava Giovanna ed il padre Federico) di origini siracusane, forse imparentata con quella di santa Lucia.

Condusse gli anni della giovinezza in eremitaggio in una grotta presso una cappella dedicata alla Madonna. Successivamente nell’antica chiesa di Santa Maria Intercede, poi divenuta Sant’Agnello Maggiore. Alla morte dei genitori, di cui ereditò i cospicui beni, il santo si dedicò alle opere di carità, usando il denaro ereditato per la fondazione di un ospedale per i poveri sofferenti.

Iniziò ad acquistare sempre maggior popolarità tra i suoi concittadini, tanto che durante l’invasione longobarda nel 581, i napoletani si rivolsero a lui per chiedere che la città fosse risparmiata ed egli apparve a difesa della città, portando nella mano destra il vessillo della Croce.

Sant'Agnello
Sant’Agnello, Abate

Si allontanò dalla città per sfuggire a quella grande popolarità. Recandosi dapprima a Monte Sant’Angelo e poi a Guarcino (in provincia di Frosinone) dove restò per sette anni e dove oggi vi è un santuario a lui dedicato.

Tornato a Napoli divenne agostiniano e poi sacerdote presso il monastero di San Gaudioso, del quale divenne ben presto abate. Morì all’età di 61 anni.

Numerosi, come già detto, furono i miracoli da lui compiuti.

Redazione Papaboys

Fonte it.wikipedia.org

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,917FansLike
17,749FollowersFollow
9,748FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Le parole della Vergine: era il 13 Luglio 1917. La terza...

13 Luglio 1917 - La terza delle sei apparizioni della Madonna alla Cova da Iria Il 13 luglio alla Cova da Iria, verso mezzogiorno, sono...