Pubblicità
HomeTestimoniumIl Santo di oggi, 10 Giugno 2021: San Massimo d'Aveia, Martire

Il Santo di oggi, 10 Giugno 2021: San Massimo d’Aveia, Martire

Oggi la Chiesa ricorda San Massimo d’Aveia, Martire

Oggi 10 Giugno 2021 la Chiesa ricorda San Massimo d’Aveia, giovane martire cristiano. Viene venerato particolarmente a L’Aquila e in Abruzzo.

La vita

San Massimo nasce intorno all’anno 228 d.C. ad Aveia, antica cittadina della conca aquilana, da una famiglia cristiana che lo fece studiare e lo avvicinò al Cristianesimo.

Perchè cristiano fu imprigionato durante le persecuzioni di Decio e condotto dinanzi al prefetto di Aveia, Massimo non rinnegò mai Gesù Cristo e la sua fede in lui, neanche sotto tortura. La tradizione vuole che il prefetto gli avesse persino promesso la figlia, ma non abiurò e alla fine fu gettato dalla rupe più alta della città.

Ci sono due versioni della leggenda di San Massimo, in merito alla doppia venerazione in Abruzzo a L’Aquila e Penne.

La prima aquilana vuole che intorno al 306 d.C. san Massimo, dopo essere stato imprigionato e torturato per la sua fede, avendo anche rifiutato di sposarsi con la figlia del console di Aveia, in cambio del perdono, fosse fatto precipitare dal torrione di Aveia. Poi il corpo fu venerato in un sacello di Aveia fino al VI secolo.

Dopo la distruzione di Aveia da parte dei Longobardi nel VI secolo, le reliquie di san Massimo furono portate a Forcona (L’Aquila), dove venne eretta una cattedrale in suo nome, ancora oggi esistente, accanto la chiesa di San Raniero (via Marsicana), che fu sede della diocesi di Amiterno sino al 1257, quando la diocesi fu spostata nella neonata città de L’Aquila, fondata nel 1254. Il 10 giugno 956 l’imperatore tedesco Ottone I e il papa Giovanni XII si recarono a venerarle. Pertanto il 10 giugno è il giorno in cui si celebra la sua festa a L’Aquila.

Nel 1256 le reliquie furono spostate a L’Aquila, appena fondata da Federico II, e tumulate nella cattedrale dedicata a lui e a San Giorgio.

San Massimo d'Aveia, Martire
San Massimo d’Aveia, Martire

Altre leggenda, secondo alcuni studi, vuole che San Massimo, dopo le torture in prigione, fu ucciso affogato nel fiume Aterno con un masso legato al collo. Fu trovato presso l’isolotto della Pescara, cioè il sito dove fu eretta l’abbazia di San Clemente a Casauria e fu traslato nella cappella di San Comizio, nei pressi del fiume, nel territorio di Castiglione a Casauria. Successivamente per evitare che le reliquie fossero profanate, il corpo fu collocato nella Cattedrale di Penne (PE). È compatrono della città, che lo volle effigiato nel suo stendardo ufficiale insieme a sant’Equizio, Celestino e Bernardino da Siena.

Uno scavo nel 2019 presso la cripra della Cattedrale dell’Aquila, in occasione dei restauri per il terremoto, ha riportato alla luce un sarcofago con resti di tre vescovi. Un corpo risale all’epoca del tardo impero romano, e si è ipotizzato che possa essere quello di San Massimo. Il secondo corpo è stato attribuito al vescovo Anton Ludovico Antinori.

A cura della Redazione Papaboys

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,867FansLike
20,918FollowersFollow
9,931FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

5 cose sulla Divina Misericordia

La potenza della Divina Misericordia spiegata in 5 punti da Santa...

5 frasi di Santa Faustina sulla Divina Misericordia La Chiesa ha il diritto e il dovere di rivolgersi alla misericordia di Dio ECCO 5 COSE CHE...