Home Testimonium Il Santo del giorno 23 Settembre: Santi Zaccaria ed Elisabetta, genitori di...

Il Santo del giorno 23 Settembre: Santi Zaccaria ed Elisabetta, genitori di San Giovanni Battista

Oggi la Chiesa ricorda i santi Zaccaria ed Elisabetta

Commemorazione dei santi Zaccaria ed Elisabetta, genitori di san Giovanni Battista, Precursore del Signore. Elisabetta, accogliendo in casa sua Maria, sua parente, piena di Spirito Santo, salutò la Madre del Signore benedetta tra le donne. Zaccaria, sacerdote, pieno di spirito profetico, alla nascita del figlio, lodò Dio redentore e predisse il prossimo avvento di Cristo, che verrà dall’alto come sole che sorge.

LEGGI ANCHE: Oggi è la festa di Padre Pio, conosci la sua storia?

La storia

Oggi si celebra la memoria dei santi Elisabetta e Zaccaria. Una coppia di genitori Santi, la prima di cui la Scrittura ci parla dopo Maria e Giuseppe.

Il Vangelo di Luca inizia proprio con il racconto di questi due sposi che erano giusti davanti a Dio, fedeli e osservanti della legge, pur con la spina nel cuore di non essere riusciti a concepire un figlio, in un tempo in cui la sterilità era anche causa di emarginazione.

Al tempo di Erode, re della Giudea, c’era un sacerdote chiamato Zaccaria, della classe di Abìa, e aveva in moglie una discendente di Aronne chiamata Elisabetta. Erano giusti davanti a Dio, osservavano irreprensibili tutte le leggi e le prescrizioni del Signore. Ma non avevano figli, perché Elisabetta era sterile e tutti e due erano avanti negli anni” (Lc 1, 5-7). 

Mai perdere la speranza

La storia di Zaccaria ed Elisabetta insegna che non bisogna mai perdere la speranza perché “nulla è impossibile a Dio”. Zaccaria è un sacerdote dell’ottava classe, quella di Abìa, una delle 24 stabilite da David per regolare i turni di servizio settimanale nel tempio. Sposa Elisabetta, anche lei discendente da una famiglia sacerdotale, e si stabiliscono ad Ain Karen.

Il loro matrimonio non viene benedetto dalla nascita di un figlio, oltre tutto in un’epoca in cui essere sterile era motivo di emarginazione; tuttavia la loro unione è solida, si amano e la loro vita è retta.

Un giorno, mentre si trova al tempio, Zaccaria riceve la visita dell’arcangelo Gabriele che gli preannuncia la gravidanza di sua moglie. Zaccaria, però, nonostante sia un uomo pio, chiede una prova, così lui lo rende muto fino all’ottavo giorno dopo la nascita del figlio, quando il bambino dovrà essere circonciso: la sua lingua si scioglie per confermare che questi si chiamerà Giovanni.

Santi Zaccaria ed Elisabetta, genitori di San Giovanni Battista
Santi Zaccaria ed Elisabetta, genitori di San Giovanni Battista

Una coppia toccata dalla Grazia

Quando l’amore è vero, questo cresce e nel tempo dà frutto: il seme, cioè, diventa un grande albero. È per questo che l’evangelista Luca apre la sua narrazione parlando di questa coppia toccata dalla grazia procreatrice di Dio, per mostrare come Egli operi meraviglie nelle vite di quanti confidano in Lui e sanno attendere e aspettare i tempi del Suo intervento.

Questi due grandi Santi ci insegnano pure che un cuore che ama veramente sperimenta la potenza del Signore, non in base ai propri progetti, ma secondo la volontà di Lui che è sempre sovrana e alla quale ci si deve abbandonare con fede incondizionata.

Portare in grembo la storia della salvezza

Il ruolo di Elisabetta, dunque, contro ogni previsione, è quello di essere la madre di colui che sarà destinato a preparare la via a Gesù: Giovanni il Battista.

Elisabetta sente dentro di sé questa grazia come sente la vita crescerle nel grembo, quella vita che le sussulta dentro alla visita inaspettata della cugina Maria che in grembo porta il Salvatore.

È l’incontro tra due donne che portano in grembo la storia della salvezza. 

Sant’Elisabetta fu così la prima donna a salutare in Maria la Madre del Redentore non ancora nato. Si può dire che sia la prima credente nella storia del Cristianesimo. Maria le risponderà con il meraviglioso cantico di ringraziamento, non a lei, ma alla potenza di Dio, il Magnificat.

Benedictus

Quando Zaccaria, con la nascita del figlio Giovanni, riprende a parlare, usa le parole per pronunciare lodi a Dio: è il Benedictus, anche noto come Cantico di Zaccaria, in cui il Santo ringrazia Dio per quanto avvenuto: “Benedetto sia il Signore, Dio d’Israele, perché ha visitato e redento il suo popolo; ha suscitato per noi un potente Salvatore, nella casa di David suo servo, come aveva annunziato per bocca dei suoi Santi e dei suoi profeti, fin dall’inizio dei tempi…”.

Dopo queste parole, di Zaccaria ed Elisabetta non si dice altro nei Vangeli, ma non c’è bisogno di dire altro per chi ha capito che il vero senso della vita è vivere di misericordia.

Preghiera

O Dio che hai donato tanta pazienza ad Elisabetta e Zaccaria fa che anche noi possiamo essere capaci di attendere con gioia quanto la vita ha in serbo per noi.

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,853FansLike
19,387FollowersFollow
9,778FollowersFollow
2,330SubscribersSubscribe

News recenti

Beato Giuseppe Puglisi, 21 Ottobre

Il Santo di oggi 21 Ottobre: Beato Giuseppe Puglisi, Martire. Vita...

Oggi la Chiesa ricorda la figura di don Pino Puglisi Giuseppe Puglisi è stato un presbitero, educatore e martire italiano che fu ucciso dalla mafia...