Il ruolo dei laici nella Chiesa e nel mondo

laici16.tnCITTA’ DEL VATICANO – Un manuale sul ruolo dei fedeli laici nella Chiesa e nel mondo, scritto dal cardinale Francis Arinze. S’intitola Il ruolo distintivo del laico, ed è in libreria da oggi per i tipi dell’Editrice Vaticana.

12 capitoli nei quali l’autore si concentra su ciò che è distintivo nell’apostolato dei fedeli laici, che “formano il 99,9% della Chiesa”. Si inizia con alcune riflessioni sulla chiamata all’apostolato di ogni battezzato, la natura dell’apostolato dei laici e le varie forme in cui questo può essere espresso. Ma il messaggio centrale dell’opera risiede nella risposta all’interrogativo “Cosa c’è di tanto particolare nell’apostolato dei laici che lo distingue dall’apostolato del clero e dei religiosi?”.

Il cardinale Arinze ripercorre così quanto la Chiesa ha teorizzato sui laici in una serie di documenti, a partire dal Concilio Vaticano II, con la Costituzione pastorale Gaudium et spes, la Costituzione dogmatica Lumen gentium e il Decreto sull’apostolato dei laiciApostolicam actuositatem. Seguono l’Esortazione apostolica Evangelii nuntiandi di Paolo VI, la Christifideles laici di Giovanni Paolo II e diversi interventi di Benedetto XVI.

L’autore declina poi quali sono le ragioni più urgenti per l’azione dei laici, dall’esclusione di Dio dalla vita della società alla difesa del matrimonio e della famiglia, dall’evangelizzazione della politica all’immagine del Vangelo presente nei mass media. “Come stanno contribuendo i laici al tessuto sociale in modo che la vita in società sia il più vicino possibile all’ideale del Vangelo? – si domanda il porporato –. Fanno qualcosa i laici quando si accorgono che i mass media presentano le posizioni cattoliche sul matrimonio, la difesa del nascituro e l’importanza della religione nella formazione come antiquate e conservatrici?”.

Il cardinale si sofferma quindi sui risultati raggiunti da alcune iniziative attuate in diversi Paesi, fornendo argomenti per superare le esitazioni riguardo all’impegno attivo dei laici, che spesso hanno origine dall’errore di “identificare la Chiesa con il clero e considerare la missione della Chiesa coincidente con l’apostolato del clero”.

L’autore osserva in proposito che nella Chiesa “ci sono diversi ruoli e ministeri” e tutti sono “necessari e complementari”, poiché sopra ogni cosa rimane una certezza: “La missione specifica del fedele laico è di portare lo spirito di Cristo nelle varie sfere dell’ordine secolare”.

Luca Caruso

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome