I profughi ed i migranti sono un “problema europeo”, non nazionale. Se ne parla a Strasburgo. Letta e Barroso a Lampedusa

Guardia Costiera impegnata nelle ricerche dei naufraghi di Lampedusa
Guardia Costiera impegnata nelle ricerche dei naufraghi di Lampedusa

STRASBURGO – “Dobbiamo aspettarci nuovi massicci afflussi in Europa di profughi siriani”, mentre “i Paesi vicini, dal Libano alla Giordania”, sono allo stremo per quanto riguarda l’accoglienza dei rifugiati. “Anche Turchia, Grecia e Bulgaria stanno facendo molto per ospitare siriani in fuga”. Michel Barnier fa il punto della situazione, a nome della Commissione europea, sul fronte mediorientale; poi arriva al Mediterraneo. “Non meno grave, pur con numeri diversi, è la situazione degli sbarchi a Lampedusa”, mentre cresce la pressione su Italia, Malta e Cipro con arrivi di “persone in fuga” dall’Africa. Barnier, – riferisce l’Agenzia Sir – all’indomani del Consiglio dei ministri Ue di Lussemburgo, torna a ripetere che “occorre rafforzare Frontex, mostrare solidarietà nell’accogliere gli immigrati” che giungono sulle coste meridionali dell’Europa, nonché “trovare un approccio coerente dell’Unione europea verso le migrazioni”. Barnier ringrazia “la popolazione di Lampedusa per la solidarietà e il senso di ospitalità” che sta mostrando, ma “non possiamo lasciare soli gli Stati” di approdo di profughi e migranti.

Il commissario francese ribadisce il “principio di non respingimento” per chi cerca asilo. “Queste non sono questioni nazionali – aggiunge – ma europee, e servono più mezzi e più finanziamenti”: esattamente ciò che nel bilancio Ue continua a mancare per il “no” dei governi degli Stati membri. Che qualcosa stia cambiando lo dimostra anche la visita di oggi a Lampedusa del presidente della Commissione Barroso (che sta cercando fondi per annunciare un aiuto europeo all’isola) e del responsabile agli Affari Interni Cecilia Malmstrom accompagnati da Letta e Alfano. E Letta, insieme al ministro Enzo Moavero, sta lavorando per far inserire all’ordine del giorno del summit europeo del 24 ottobre l’immigrazione con l’obiettivo di ottenere una dichiarazione dei leader per l’inizio di un percorso che porti a una «politica organica» dell’Unione sull’immigrazione, la cui realizzazione sarà al centro delle presidenze Ue di Grecia e Italia del prossimo anno.

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni, con il cuore, senza interessi economici o politici, semplicemente perché il cuore ci chiama a farlo. E ci mettiamo passione, costanza, ed anche quel pizzico di professionalità che deve contraddistinguere i cristiani. Ecco perché siamo “missionari di parabole antiche e sempre nuove: chiamati ad esserci, ed a stare anche vicini ad ognuno di voi”.

Un numero sempre maggiore di persone legge Papaboys.org senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente. Soprattutto quando si parla di cristianesimo.

Purtroppo il tipo di informazione che cerchiamo di offrire richiede molto tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire tutti i giorni i costi quotidiani di Papaboys.org ed abbiamo deciso di chiedere proprio a te che leggi di essere per noi, proprio Provvidenza.

Puoi aiutarci a continuare questa missione sempre meglio e con maggiore spessore ed incisività? L’unica cosa che non possiamo garantirti è aumentare il cuore che ci mettiamo per fare questo lavoro, perché fino ad oggi ce lo abbiamo messo davvero tutto! Ma con un po’ di sostegno in più, possiamo essere davvero più incisivi, per te, e per tutti coloro che ci seguono (quasi 2.000.000 di lettori ogni mese!)

Inviaci il tuo contributo, quello che vuoi, e che puoi. E che Dio ti benedica!

Grazie
Daniele Venturi
Direttore Papaboys.org

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €15.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome