I miracoli di Giovanni Paolo. Sono oltre 250 le guarigioni inspiegabili!

I grandi miracoli di San Giovanni Paolo II.

Un bambino improvvisamente guarito da un tumore al rene, una donna che apre gli occhi dopo essere stata dichiarata morta … Questi due episodi fanno parte delle oltre 250 guarigioni “inspiegabili” attribuite a Giovanni Paolo II e attentamente esaminate prima di proclamarlo santo. San Giovanni Paolo II si celebra il 22 ottobre. Sì, i miracoli attribuiti a Giovanni Paolo II sono stati di gran lunga più numerosi dei due miracoli richiesti per la canonizzazione nel 2014.

Questa fiducia si deve al cardinale Ruini, già Vicario del Papa per la diocesi di Roma e promotore ufficiale della sua causa. Anche se non si può parlare correttamente di “miracoli” per tutti questi fenomeni, le grazie ottenute dalla sua intercessione abbondano, innegabilmente. Sapere che ce n’erano durante la sua vita ha solo accelerato la sua causa.

I due miracoli sono stati conservati per la sua canonizzazione

Il primo miracolo per la beatificazione di Giovanni Paolo II è la guarigione di Suor Marie Simon-Pierre Normand, francese, affetta dalla stessa malattia di lui, il Parkinson. Diagnosticato nel 2001, è stata improvvisamente guarita da quel male, due mesi dopo la morte di Giovanni Paolo II, dopo una catena di preghiera per la sua congregazione, le Piccole Sorelle di maternità cattolica chiedendo la sua intercessione.

Il secondo miracolo scelto per la canonizzazione di Giovanni Paolo II è quello di Floribeth Mora Diaz, nativa di Costa Rica, inspiegabilmente guarita da un aneurisma cerebrale, ore dopo la sua beatificazione da papa Benedetto XVI, in data 1 ° maggio 2011, ha seguito con fervore con il marito. I medici non le avevano lasciato alcuna speranza, e lei stava aspettando la sua morte certa, implorando il suo amato Papa di intercedere per lei.

Il mattino dopo udì una voce che diceva: “Alzati, non aver paura”, disse. Dice di aver visto una mano uscire dalla foto di Giovanni Paolo II su una rivista, che lo ha invitato a lasciare il suo letto. Cure curative dopo la sua morte … Oltre ai due casi di guarigione, molti altri casi di presunti “miracoli” ottenuti attraverso la sua intercessione figuravano in modo prominente nei documenti presentati allo studio che esaminavano la causa di San Giovanni Paolo II.

giovanni_paolo_ii

Le guarigioni più significative sono quelle di David, un polacco di nove anni o Eve, un’ americana.

David

Nel 2006, il piccolo David aveva solo 9 anni quando fu ricoverato in ospedale a Danzica (Polonia) per un tumore al rene che non gli lasciava alcuna speranza di guarigione. Un’operazione da ultimo, che i medici non volevano nemmeno sentire, non ha avuto successo. I suoi genitori, nel frattempo, continuano a invocare l’aiuto di Giovanni Paolo II. E hanno una bella giornata l’idea “pazza” di portare il loro figlio sulla tomba nella Grotta dei Papi, all’interno della Basilica di San Pietro a Roma. È il 29 agosto 2006. Tutti e tre pregano con fervore e poi tornano all’aria aperta. All’improvviso, David, sdraiato su una barella, chiede di fermarsi: “Lasciami andare, voglio camminare! “.I genitori hanno appena il tempo di tornare dal loro stupore mentre il piccolo David salta già dalla barella e inizia a camminare verso il centro della piazza. Impossibile! Anche il piccolo polacco, che non ha altro che pelle sulle ossa, chiede cibo. Alla vista del loro bambino che salta, i genitori crollano in lacrime. La loro preghiera è stata ascoltata!

Eve

Eve è un americana in pensione. Nel settembre 2007, è stata ricoverata in ospedale per una grave crisi respiratoria. La diagnosi peggiora: embolia polmonare. I medici  prevedono solo poche ore di vita. Per Eva e suo marito, il mondo crolla. Ma Marian, suo marito, corre alla cappella per pregare per Giovanni Paolo II che egli venera. Il coraggio di chiedere a lui per la cura di sua moglie, lo implora di dargli almeno la forza per sopravvivere al dolore della perdita di colui con il quale ha condiviso più di trent’anni di amore. Tornato nella stanza, scopre che la linea del cuore è piatta. Marian esce in lacrime, non ha la forza di assistere alle operazioni che le infermiere devono fare sul corpo senza vita di sua moglie.

Ma improvvisamente, un medico lo ferma e grida: “Tua moglie è viva! Ha aperto gli occhi e ha chiesto di vederti: non puoi andartene! “. Quando entra nella stanza, sua moglie è seduta sul letto e sorride. Il giorno dopo, i dottori, stupefatti, gli fanno una batteria di esami e non vedono traccia di embolia o cisti ovarica. Il suo cuore? Come se nulla fosse accaduto! Alcuni medici parlano di un “episodio sconcertante”, altri osano pronunciare la parola “miracolo”, ma tutti concordano: “È un caso di resurrezione trovato dalle macchine! “( Alcuni medici parlano di un “episodio sconcertante”, altri osano pronunciare la parola “miracolo”, ma tutti concordano: “È un caso di resurrezione trovato dalle macchine! ”

PUOI LEGGERE ANCHE

Una intera famiglia ha vissuto un miracolo straordinario sulla tomba di Giovanni Paolo II.

papa-giovanni-paolo

 

Guarigioni durante la sua vita

E anche se solo quelli che si sono succeduti dopo la morte possono essere mantenuti per una beatificazione e una canonizzazione, come non menzionare tutte le cure attribuite a Giovanni Paolo II durante la sua vita, come quella di Francesco, un piccolo italiano di pochi mesi , o little Heron nel 1990, in Messico?

Francesco

Francesco è un piccolo italiano che soffre dalla sua nascita da una grave carenza immunologica, e quindi permanentemente soggetto a gravi infezioni.  Cresce tra ricadute e degenze ospedaliere e un’estrema debolezza che i medici non riescono a controllare. La famiglia di Francesco, nel 2002, ha l’opportunità di partecipare a una messa privata celebrata da Giovanni Paolo II. Nulla è detto al Papa sulla malattia del bambino. Tutto passa per lo sguardo, lunghe e profonde occhiate tra Giovanni Paolo II e il bambino che riceve una dolce carezza da lui. Da quel momento, il piccolo Francesco provò uno strano calore e una sensazione di benessere mai conosciuta fino ad ora. Niente più sensazioni di stanchezza e debolezza! I suoi medici dovettero ammettere di essere stato completamente guarito.

José Héron

Durante il suo ultimo viaggio in Messico nel maggio 1990, Papa Giovanni Paolo II ha incontrato il percorso del giovane José Heron Beadillo, che ha sofferto di una leucemia accecante dall’età di quattro anni. Giovanni Paolo II lo bacia e lo benedice e gli chiede di liberare la colomba che tiene tra le mani. Questo incontro ha sconvolto il destino di questo bambino, che ora ha 25 anni ed è in ottima forma.

PUOI LEGGERE ANCHE

Un nuovo miracolo di Giovanni Paolo II, ed un esorcismo fatto dal Papa, raccontati dal suo assistente

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome