Home News Italiae et Ecclesia I detenuti di Poggioreale: il Papa si farà nostro portavoce

I detenuti di Poggioreale: il Papa si farà nostro portavoce

I detenuti di Poggioreale: il Papa si farà nostro portavoceTra i momenti cruciali della vista del Papa sabato a Napoli, il pranzo con i detenuti di Poggioreale. Ad attendere Francesco ci saranno anche i reclusi dell’altro istituto partenopeo, Secondigliano. In entrambe le strutture si contano circa 3mila detenuti. Fondamentale l’aiuto dei volontari: tra questi c’è Anna Maria Esposito, presidente dell’associazione “Carcere Vivo”. Federico Piana l’ha intervistata per la Radio Vaticana:

R. – Da quello che abbiamo saputo sarà un pasto molto frugale, semplice, perché il tempo è breve e perché l’intenzione del Santo Padre è quello di salutare singolarmente ogni detenuto: non so bene in questo momento se prima o dopo il pasto, prima di andare via.

D. – Cosa si aspettano i detenuti e i volontari del carcere di Poggioreale e di Secondigliano da questa visita del Santo Padre?

R. – Che la loro voce – di persone comunque “costrette” a vivere senza la propria libertà e “costrette” anche a vivere in situazioni molto difficili – possa essere portata fuori dal Papa.

D. – Che situazione vivono le carceri di Poggioreale e di Secondigliano? Sappiamo che le carceri italiane sono sovraffollate: ma quali sono i problemi che ci sono e che affrontate voi operatori di volontariato che siete lì ogni giorno e cercate di fare tanto per queste persone ristrette?

R. – Sono 28 anni che io faccio volontariato nel carcere di Poggioreale e una ventina d’anni che sono anche a Secondigliano. Dal mio punto di vista, oltre al sovraffollamento, anche se da 7-8 mesi è diminuito perché parecchi sono stati spostati in altre carceri della Campania o dell’Italia, uno dei problemi è l’inattività che questi ragazzi devono subire durante la loro carcerazione. Le attività che si possono svolgere “dentro” sono poche; il lavoro è pochissimo. Stanno veramente 24 ore chiusi in cella. L’inattività, noi lo sappiamo, è il padre dei vizi … E loro vorrebbero essere impegnati! Per quanto le direzioni di entrambi i carceri cercano di organizzare corsi su corsi, sia a livello volontario sia anche a pagamento, cioè la scuola, ma sono sempre pochi rispetto al numero enorme di persone che si trovano ristrette nelle carceri.

D. – Quali frutti vi aspettate che porti questa visita del Papa?

R. – Una speranza maggiore. Giovanni Paolo II venne a Poggioreale. Anni dopo, io incontrai nel carcere di Secondigliano una persona e parlando della visita di Papa Giovanni Paolo II lui mi disse: “Il Papa passò davanti alla mia cella e mi strinse la mano. Io in quel momento sentii una scarica dentro di me, uno svuotarmi di me stesso e trovai una serenità dentro di me … non le dico che cosa ho provato!”. E mi diceva: “Io sono sicuro che quando uscirò da qui non rientrerò più”, perché evidentemente quella stretta di mano aveva infuso in lui tanta e tanta di quella forza, di quella speranza per cui lui con sicurezza diceva: “Io non rientrerò più in carcere!”.

A cura di Redazione Papaboys fonte: Radio Vaticana

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

306,002FansLike
20,894FollowersFollow
9,829FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Terremoto di magnitudo 8.1 al largo della Nuova Zelanda

Terremoto di magnitudo 8.1 al largo della Nuova Zelanda: centinaia di...

Un sisma di magnitudo 8.1 è stato registrato al largo della Nuova Zelanda, in una località remota a 960 chilometri da Tonga e a una profondità di dieci chilometri. Centinaia di persone sono...