Gli Usa dicono sì alle nozze gay. Obama: Una vittoria per l’America. I vescovi: tragico errore

Gli Usa dicono sì alle nozze gay. Obama: Una vittoria per l’America. I vescovi: tragico erroreIl presidente americano Barack Obama: «Una vittoria per l’America»; invece, il presidente dei vescovi del paese afferma: «Colpisce il bene comune e i più vulnerabili tra di noi, principalmente i bambini»

Joseph E. Kurtz, arcivescovo di Louisville (Kentucky) e presidente della Conferenza Episcopale degli Stati Uniti (USCCB), ha affermato in un comunicato che la sentenza della Corte Suprema sulle nozze gay è un «tragico errore», che «colpisce il bene comune e i più vulnerabili, principalmente i bambini». Nonostante la decisione della maggioranza nella Corte, ha aggiunto, «la natura della persona umana e del matrimonio resta invariata e invariabile», perché «l’unico significato del matrimonio come unione tra uomo e donna è iscritto nei nostri stessi corpi». «La protezione di questo significato è una dimensione critica di quella “ecologia integrale” alla cui promozione ci ha chiamato Papa Francesco».

L’arcivescovo di Louisville ha ribadito che la verità del matrimonio «ci è stata insegnata da Gesù Cristo, con immenso amore», ed è «la unione a vita di un uomo e una donna. Come vescovi cattolici, seguiamo il nostro Signore e continuiamo a insegnare e ad agire secondo questa verità». Per ciò, i vescovi statunitensi incoraggiano i cattolici a difendere il matrimonio «con fede, speranza e amore: fede nella invariabile verità sul matrimonio, radicata nell’invariabile natura della persona umana; speranza che queste verità ancora una volta prevalgano nella nostra società, no solo per la loro logica, ma per la loro grande bellezza e per il loro servizio al bene comune; e amore verso tutti i nostri vicini, anche quelli che ci odiano o che vorrebbero punirci per la nostra fede e le nostre convinzioni morali».

Gli Usa dicono sì alle nozze gay. Obama: Una vittoria per l’America. I vescovi: tragico errore

La decisione della Corte suprema degli Stati Uniti sulle nozze gay, una «vittoria per l’America», conferma che «tutti i cittadini americani sono ugualmente protetti dalla legge, a prescindere da chi amano». Lo ha detto il presidente americano Barack Obama, in un discorso a commento della decisione della Suprema Corte di riconoscere alle coppie omosessuali il diritto di sposarsi, valido in tutto il Paese. Con questa decisione, ha aggiunto il presidente americano, sarà posta fine all’incertezza delle persone dello stesso sesso che si sono sposate in uno Stato che riconosce l’unione ma non sapevano se il matrimonio avrebbe garantito loro gli stessi diritti nel caso in cui traslocassero in un altro Stato.

A cura di Redazione Papaboys fonti: Radio vaticana e Vatican Insider

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome