Pubblicità
HomeNewsTerra Sancta et OriensGli uomini si agitano, ma Dio li conduce

Gli uomini si agitano, ma Dio li conduce

Gli uomini intraprendono mille imprese, ma solo quelle che entrano nel disegno progettato da Dio valgono. Più che per il presente o per il passato, i fatti umani della storia hanno senso se si aprono a un futuro. Quale futuro? Quello voluto da Dio, indicato nella Bibbia e insegnato dalla Chiesa: il regno eterno di Dio, in cui Dio sarà tutto in tutti per Amore e colmerà il cuore dell’uomo.

Invocazione potente a DIO PADRE
Invocazione potente a DIO PADRE

La storia d’Israele è la storia sacra per eccellenza e fa tipo per tutti gli altri popoli e per tutta l’umanità: in essa vediamo come Dio si pone davanti a un popolo e lo chiama a un futuro sacro: chiama Abramo dalla terra pagana di Ur, chiama le dodici tribù di Giacobbe dall’Egitto alla Terra Promessa; con la speranza animata dai profeti, prepara alla Pienezza dei Tempi, ai Beni Messianici; il Messia annuncia: « Il regno di Dio è vicino, convertitevi »; la Chiesa fonda ed estende dalla terra il regno di Dio, cominciando a realizzare fin d’ora la promessa escatologica cioè finale, quando Cristo, centro e chiave della storia umana, raccoglierà i suoi, li presenterà al Padre e Dio sarà tutto in tutti e comincerà anche per l’uomo il settimo giorno eterno della pace, della gloria, della beatitudine nell’Amore.

MEDITAZIONE BIBLICA – Questa, o carissimi, è già la seconda lettera che vi scrivo, e tanto con la prima quanto con questa, non mi propongo altro che eccitare, con i miei avvertimenti, la vostra retta intelligenza, affinché vi ricordiate di quanto i santi profeti già annunciarono e del comandamento del Signore e Salvatore insegnatovi dai vostri apostoli, questo sapendo in primo luogo, che negli ultimi giorni verranno degli uomini beffardi, schernitori, che vivono secondo le loro passioni e diranno. « Dov’è la promessa della sua venuta, poiché da quando i padri sono morti, tutto è rimasto come era fin dal principio della creazione ». (…) Ma una cosa, o carissimi, dovete ignorare: un giorno davanti al Signore è come mille anni e mille anni come un solo giorno. Il Signore non tarda nel compiere la sua promessa, come taluni si credono accusandolo di essere lento, ma è paziente verso di voi, perché non vuole che alcuno perisca, ma che tutti giungano al ravvedimento. ( … )

Noi attendiamo, secondo la sua promessa, « cieli nuovi e terra nuova », in cui abiterà la giustizia. Per questo, o carissimi, nella attesa di tutte queste cose, procurate di essere da lui trovati senza macchia e senza colpa in pace. (2 Pietr. 3, 1-14)

CONCLUSIONE – Si deve prevedere il fine e la fine di ogni cosa, di ogni nostra azione. Chi non conosce il fine e la fine della sua vita, della storia umana, deve farne diligente ricerca, subito e a lungo, se fosse necessario. Dovrebe almeno inventarli, perché senza tale conoscenza, senza la Fede e la Speranza cristiana, la visione del mondo e della propria vita resta inquietante, angosciosa, non solo per la morte inevitabile, ma per la vita stessa, che non avrebbe senso. Il cristiano supera l’angoscia e l’inquietudine perché ha chiaro nella mente e nel cuore le intenzioni finali di Dio creatore, redentore e amore; e con l’azione, quanto più possibile impegnata, coopera a tessere in questo mondo la trama del disegno divino, che riesce a intuire dai segni dei tempi.

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,867FansLike
20,918FollowersFollow
10,028FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Maker Faire Rome

Torna Maker Faire Rome: un’edizione davvero speciale. Tutto quello che c’è...

Torna Maker Faire Rome: un'edizione speciale Dall’8 al 10 ottobre 2021 torna in presenza “Maker Faire Rome – The European edition” negli spazi del Gazometro...