Giuseppe ha 71 anni: ‘Il Signore mi chiama oggi’. E’ diventato sacerdote!

Non è mai troppo tardi per avverare i propri sogni, anche se il desiderio è quello di diventare prete a 71 anni. E’ la storia di Don Giuseppe Mangano, padre di uno chef e nonno di tre nipoti, che alla pensione ha preferito celebrare la messa ogni domenica. Nato a Corato, nel Barese, e trapiantato a Bologna da mezzo secolo, Giuseppe è vedovo dal 2008. Da cinque anni è diacono permanente e presto sarà nominato presbitero.

Don Giuseppe Mangano

La vocazione

Il percorso sacerdotale di nonno Giuseppe è iniziato cinque anni fa. Rimasto vedovo nel 2008, dopo un matrimonio felice, ha deciso di dare inizio alla sua carriera da prelato. Nel 2013 è diventato diacono permanente (questo ministero, aperto anche agli uomini sposati, è il primo gradino dell’ordine sacro). Una vocazione, quella del futuro sacerdote, nota anche alla moglie che, in punto di morte, ha auspicato questo futuro per il marito: “Oggi sarebbe felice – dice Giuseppe – sapeva che ci tenevo”.

I dubbi della Chiesa

La strada di Giuseppe verso il Signore non è stata priva di difficoltà: il precedente cardinale, Carlo Caffara, aveva qualche dubbio in merito alla sua vocazione.

Cambia tutto con l’arcivescovo Marco Zuppi: “Una volta ascoltata la mia storia mi ha abbracciato”. Sarà proprio lui, molto presto, a nominarlo presbitero.

Don .. Nonno adesso dovrà solo aspettare di celebrare la Santa messa in presenza della sua famiglia: suo figlio e i suoi tre nipotini.

I ragazzi – Francesca di 15 anni e i due gemellini di dieci, Vasco e Giuseppe – vivono, insieme al padre, negli Stati Uniti: saranno in Italia solo fra qualche mese. “Non sarà una celebrazione eucaristica come le altre, sono emozionato al solo pensiero”, sostiene Giuseppe.

Redazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome