Dall’Europa pericoli per la libertà di chi difende la famiglia

torta_gay (1)Anche se nessuno ne parla, l’Unione Europea sta iniziando a discutere la cosiddetta “Equal-Treatment Directive”, una direttiva comunitaria che, se approvata, avrà valore vincolante per gli Stati membri e sarà quasi impossibile da riformare.

La proposta è stata originariamente elaborata con l’intento lodevole per proteggere le persone con disabilità dalle discriminazioni. Tuttavia, da quel momento il documento è stato strumentalizzato per altri fini: limitare le libertà dei cittadini con modalità che non hanno precedenti. In gioco ci sono la libertà contrattuale, la libertà di coscienza e di autonomia privata, soprattutto in tema dimatrimonio e famiglia.

Per fare alcuni esempi, tratti da Paesi in cui sono già in vigore direttive simili, un fiorista è stato citato in giudizio perché non voleva fare composizioni floreali per un matrimonio tra persone dello stesso sesso; oppure, un campo estivo cristiano è stato citato in giudizio perché non voleva affittare la propria sede a un’associazione gay.

La direttiva parte dal principio per il quale non bisogna discriminare le persone in quanto tali (principio ovviamente nobilissimo), per poi finire per costringere le persone a stipulare contratti (e quindi a comportarsi) in modo contrario alle loro convinzioni morali o religiose.

Nel caso concreto del fiorista, un conto è esporre fuori dal proprio negozio un cartello con scritto “Vietato l’ingresso ai gay”, il che rappresenterebbe una trovata discriminatoria e odiosa (oltre che stupida, dato che non sarebbe possibile “certificare” l’orientamento sessuale dei singoli clienti), un altro è rifiutarsi di lavorare alla preparazione di un “matrimonio” gay: a nostro avviso, se un fiorista non ritiene (per ragioni personali, morali or religiose che siano) di fornire un servizio, deve avere la libertà di non farlo. Ciò non costituisce affatto una discriminazione: al contrario, costringere a stipulare un contratto e a comportarsi di conseguenza (magari contro le proprie convinzioni etiche o religiose).rappresenta un atto violento e illiberale.

Un altro esempio concreto: un ristorante di Madrid qualche mese fa si è rifiutato di organizzare un banchetto per un matrimonio gay. Il ristorante ha numerosi dipendenti e clienti omosessuali, e nessuno di essi ha mai segnalato di aver subito discriminazioni. Tutt’altra cosa, ancora una volta, è la fornitura di un servizio che può andare contro le convinzioni del proprietario dell’attività: nel caso specifico, se il ristoratore è convinto che il matrimonio sia solo quello tra uomo e donna, a nostro parere nessuno deve obbligarlo ad organizzare un banchetto di nozze di altro tipo.

Ancora una volta, si tenta di far avanzare il fronte dei cosiddetti “diritti LGBT” e del “matrimonio” gay (e di impedire a chi dissente di agire liberamente di conseguenza, nel rispetto di tutti) con l’odioso “cavallo di Troia” della lotta alle discriminazioni contro i disabili. Come a dire “Se non sei d’accordo con il matrimonio gay, sei come quelli che discriminano i disabili”. E invece no!

Le due cose non hanno nulla in comune: bisogna contrastare il più possibile le discriminazioni contro i disabili (e contro chiunque altro) senza modificare il concetto di “discriminazione” a fini ideologici.

Gudrun Kugler, consulente di CitizenGO e direttrice dell’Osservatorio contro l’Intolleranza e le Discriminazioni contro i Cristiani in Europa, ha lanciato la seguente petizione (http://www.citizengo.org/it/14345-no-al-progetto-equal-treatment-directive), per chiedere all’Unione Europea di accantonare il progetto “Equal-Treatment Directive”.

La proposta di direttiva sulla parità di trattamento può essere adottato o modificato solo da una decisione unanime di tutti gli Stati membri, enon è un caso che, in una Conferenza tra lobby gay dello scorso ottobre al Parlamento Europeo, si sia insistito più volte sulla necessità di far accettare questa direttiva anche ai molti Paesi che non la vogliono adottare.

Ti invitiamo, caro fratello o sorella, a partecipare alla petizione di Gudrun con la tua firma, come ho fatto io:

http://www.citizengo.org/it/14345-no-al-progetto-equal-treatment-directive

Dopo aver firmato, ti invito come sempre a diffondere l’iniziativa tra i tuoi amici e conoscenti. Puoi usare Gmail, Facebook e Twitter (tramite la pagina che visualizzerai dopo la firma) o il servizio di posta elettronica che preferisci (inoltrando questo mio messaggio, oppure quello che riceverai automaticamente dopo aver firmato).

Varie associazioni pubblicheranno una lettera aperta il 3 dicembre, Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità, per affermare con forza che le vere discriminazioni si combattono senza ideologia e senza limitare la libertà di nessuno. Tutte le firme raccolte saranno allegate alla lettera, e sono convinto che non vorrai far mancare la tua.

Grazie per la tua partecipazione.

A presto,

Matteo Cattaneo e tutto il team di CitizenGO

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €15.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome