Home News Finis Mundi Con il Papa contro globalizzazione dell’indifferenza

Con il Papa contro globalizzazione dell’indifferenza

Con il Papa contro globalizzazione dell’indifferenzaIn questo tempo di Quaresima la Chiesa cattolica filippina, raccogliendo l’invito di papa Francesco, invita i fedeli a lottare contro la “globalizzazione dell’indifferenza” sostenendo in modo concreto le iniziative umanitarie della Caritas nazionale (Cbcp/Nassa). Mons. Rolando J. Tria Tirona, direttore nazionale della Caritas filippina e arcivescovo di Caceres, sottolinea che “ascoltando i poveri e unendoci nella lotta contro la distruzione dell’ambiente” è possibile contribuire a un migliore sviluppo sociale. Per il prelato il periodo di preparazione alla Pasqua deve essere usato dalla Chiesa, popolo di Dio, per “riflettere sul dramma dei poveri e degli oppressi”.

Fede e carità per superare l’indifferenza
Mons. Tirona – riferisce l’agenzia AsiaNews – afferma che la Chiesa gode di molti privilegi, ma al tempo stesso ha il compito di rispondere alle direttive del Pontefice. “Fede e carità” avverte il prelato “devono andare fianco a fianco, se vogliamo superare questa indifferenza”. Egli riporta l’esempio della famiglia, che è unita da un “vincolo di solidarietà” e dall’essere “una comunità di amore”.

La Chiesa non deve sorprendersi se viene respinta
Nel suo messaggio per la Quaresima, il Papa ha più volte ricordato che Dio non è indifferente al mondo, tanto da sacrificare il proprio figlio per la salvezza dell’umanità. Gesù, ricorda il prelato filippino, è “il varco fra Dio e l’uomo, tra il cielo e la terra”. Egli richiama le parole di Francesco, quando afferma che il mondo tende a rinchiudersi in se stesso e non si apre a Cristo. “La mano, che è la Chiesa, non deve sorprendersi se viene respinta, calpestata, ferita”. Durante il suo recente viaggio apostolico nelle Filippine (la sola nazione a maggioranza cattolica del continente asiatico), il Papa ha più volte ricordato il bisogno di aiutare i poveri, i bambini e quanti sono stati colpiti dai disastri naturali che si sono abbattuti di recente sul Paese.

Progetti per pescatori, agricoltori e vittime tifone Yolanda
Fra le iniziative promosse in prima persona dalla Caritas filippina vi sono progetti di riforma agraria, di protezione dell’ambiente e sostegno a pescatori e agricoltori sfollati a causa delle calamità naturali, come il tifone Yolanda. A queste si aggiungono le attività alle vittime degli espropri forzati, come avvenuto nell’isola Sicogon a Iloilo. Nel prossimo mese di maggio Cbcp/Nassa terrà l’assemblea generale a Roma, con l’obiettivo – tracciato da papa Francesco – di creare una “Chiesa per i poveri”.

A cura di Redazione Papaboys fonte: Radio Vaticana

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,881FansLike
19,887FollowersFollow
9,812FollowersFollow
2,330SubscribersSubscribe

News recenti

Vangelo di oggi, 28 Novembre 2020

Vangelo. Lettura e Commento alla Parola di Sabato 28 Novembre 2020

Vangelo del giorno: Sabato 28 Novembre 2020 Lettura e commento al Vangelo di oggi - Lc 21,34-36: "Vegliate, perché abbiate la forza di sfuggire a...