Buffon: “Papa Francesco scalda il cuore”. Il Ct Prandelli “Una forte emozione”

Buffon ha regalato un pallone a Papa Francesco
Buffon ha regalato un pallone a Papa Francesco

Cesare Prandelli gli ha regalato la maglia della Nazionale con la scritta Papa Francesco, Gigi Buffon un pallone firmato da tutti gli Azzurri. A loro Papa Francesco ha regalato una giornata indimenticabile e parole difficili da dimenticare: “Sono rimasto molto colpito dal suo discorso – ha ammesso Prandelli nel corso della conferenza stampa organizzata in Vaticano subito dopo l’udienza – sembrava un discorso non da allenatore, ma da una persona che vuole educare i ragazzi. Il Papa ha parlato di tre valori: abilità, bellezza e cameratismo. Sono state tre parole significative, che usiamo noi allenatori, lui è andato oltre dicendo che l’individualismo non deve esistere. Queste sono parole da utilizzare in tutti i campi”. Il Ct aveva annunciato di voler invitare il Pontefice ad assistere all’amichevole in programma domani sera allo Stadio Olimpico: “L’emozione è stata forte, non sono riuscito ad invitarlo allo stadio perché mi ha anticipato, dicendo di aver avuto tante richieste e che in Vaticano lo rimproverano per il suo essere ‘indisciplinato’. Ho sentito un profumo particolare, che continuo ad avvertire ancora adesso”.

Il ct Prandelli e il presidente della Figc Abete con Papa Francesco
Il ct Prandelli e il presidente della Figc Abete con Papa Francesco

Emozionato anche Gigi Buffon: “Sicuramente per me e per tutti noi è un grandissimo orgoglio poter partecipare all’evento di domani e di oggi. L’unica cosa che si può dire è che è una giornata speciale, che resterà impressa nelle menti e nei cuori di tutti noi per sempre. Abbiamo la fortuna di avere un Papa speciale, finalmente si possono tradurre in fatti concreti le molte parole e pensieri che spesso ci proponiamo di fare e non mettiamo in pratica. Con un Papa così, che ci indica la via da seguire, che ci scalda anima e cuore, è più facile fare quelle cose che ci rendono migliori”.

Il capitano azzurro ha poi scherzato: “Sono contento anche perché per la prima volta c’è una persona che riscuote più successo di Messi. E’ la normalità e mi ha fatto piacere. Mantenere il dilettantismo? E’ giusto non perdere la passione per lo sport, ma quando si parla di professionismo e alti livelli può diventare arduo far restare intatto il concetto”.

Dopo la visita Messi e Balotelli (quest’ultimo ha parlato per alcuni minuti in privato con il Pontefice) sono tornati a casa: non giocheranno l’amichevole in programma domani sera a Roma.

1 COMMENTO

  1. chi ha fatto visita a Papa Francesco I c’è stato anche il grandissimo capitano della magica Inter Javier Zanetti, come mai nessun articolo su di lui? forza magica Inter, ma sopratutto W Papa Francesco I

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome