Alcide Vital-Lataste il beato che ha fondato un ordine religioso per ex detenute

Alcide-Vital Lastaste morì a 36 anni cantando il Salve Regina e dopo aver dichiarato di aver “visto i segreti di Dio”…

.

Alcide-Vital Lastaste nacque nella Gironda (Francia) il 5 settembre 1832. Da adolescente sentì la chiamata al sacerdozio, ma visto che si trovava in quel periodo delicato della vita a volte possono esserci delle distrazioni. Alle scuole superiori cominciò quindi a corteggiare una giovane donna, Cecilia de Saint-Germain.

Cecilia e Alcide si dichiararono presto il loro amore e progettarono di sposarsi il prima possibile, ma il padre di lui, Vital, pensava che fossero troppo giovani per fare sul serio ed espresse il suo grande dispiacere per la relazione, e quindi la coppia decise di non vedersi più per un anno. Incredibilmente, durante quell’anno Cecilia morì improvvisamente. Alcide ebbe il cuore spezzato.


Vocazione e ordine di Alcide

Si rivolse quindi alla fede per ricevere conforto, e si unì alla Società di San Vincenzo de’ Paoli. Le visite a poveri e diseredati gli aprirono gli occhi di fronte alla piaga dei derelitti. Allo stesso tempo, la chiamata al sacerdozio tornò a farsi sentire. Nel 1857 entrò nell’Ordine Domenicano. Fu ordinato sacerdote l’8 febbraio 1863 e prese il nome di Jean-Joseph. Il suo inaspettato percorso spirituale, riferisce Aleteia, stava per spiccare il volo e raggiungere vette che nessuno avrebbe mai immaginato.

Il 15 settembre 1864, dopo un anno e mezzo di presbiterato, padre Jean-Joseph Lataste venne inviato dal priore del monastero di Bordeaux a compiere un ritiro di 4 giorni per le detenute della prigione femminile della città di Cadillac. Quell’esperienza avrebbe cambiato la sua vita per sempre.

L’esperienza con le ex detenute

All’improvviso si trovò in mezzo a 400 detenute, per la maggior parte abusate e abbandonate senza un posto in cui andare. Nella maggioranza dei casi si trattava di donne povere, non istruite e senza famiglia. Vivere in strada costringe a trovare dei modi per sopravvivere, il che significa rubare, mendicare e fare qualsiasi altra cosa permetta di respirare un altro giorno. Quelle donne erano state emarginate e trattate come criminali. Era il 1864, e si adattavano perfettamente al detto “lontano dagli occhi, lontano dal cuore”.

L’atmosfera di disperazione della prigione era schiacciante, e il sacerdote si chiedeva cosa potesse fare per quelle donne definite spesso “perdute”. Si sarebbero sedute e lo avrebbero ascoltato? Era terrorizzato, ma faceva affidamento sulla sua fede.

Padre Jean-Joseph si mise in piedi davanti a loro, allargò le braccia e iniziò dicendo “Mie care sorelle…”, parole scioccanti perché nessuno parlava mai davvero a quelle persone. Cani e gatti erano trattati meglio. Il suo saluto gentile e fraterno catturò l’attenzione delle presenti, e nei giorni successivi le guidò in un posto speciale, in cui esisteva la speranza. Avevano dimenticato cosa significasse, se mai l’avevano saputo.

Chiamarle “sorelle”

Padre Jean-Joseph si mise in piedi davanti a loro, allargò le braccia e iniziò dicendo “Mie care sorelle…”, parole scioccanti perché nessuno parlava mai davvero a quelle persone. Cani e gatti erano trattati meglio. Il suo saluto gentile e fraterno catturò l’attenzione delle presenti, e nei giorni successivi le guidò in un posto speciale, in cui esisteva la speranza. Avevano dimenticato cosa significasse, se mai l’avevano saputo.

Le detenute gli chiesero di tornare, e un anno dopo lo fece. Questa volta pronunciava solo un sermone al giorno, perché la richiesta di Confessioni era altissima. L’ultima sera del ritiro, la maggior parte della donne assistette all’Adorazione. Alcune rimasero tutta la notte, fino all’alba. Usando le parole di Santa Caterina da Siena, padre Lataste scrisse nelle sue note conclusive sul ritiro: “Ho visto i segreti di Dio; ho visto meraviglie”.

Da quel momento fu determinato a trovare un modo per aiutare quelle donne. Nel 1866 scrisse un opuscolo intitolato Riabilitate. Ne inviò delle copie a quanti più giornalisti e funzionari governativi poteva. Sapeva che il motivo per cui tante di loro non venivano rilasciate era il fatto che nessuno confidava in loro o offriva loro la minima possibilità. Era deciso a rimodellare l’opinione pubblica.

Nascita delle Suore Domenicane di Betania

Il sacerdote annunciò la sua intenzione di avviare un ordine in cui le donne che lasciavano la prigione potessero iniziare una vita religiosa con modello contemplativo. Quest’ordine venne approvato, ed è noto come Suore Domenicane di Betania. L’Ordine è ancora fiorente, e serve molte donne in vari Paesi del mondo.

La tubercolosi si portò via la vita di Alcide-Vital Lastaste (padre Jean-Joseph) il 10 marzo 1868. Aveva appena 36 anni. Mentre moriva, cantò dolcemente il Salve Regina.

Alcide-Vital Lastaste è stato dichiarato beato il 3 giugno 2012. Chiediamogli di pregare per noi.

La storia di quest’Ordine religioso è ben raccontata in un romanzo di Rumer Godden intitolato Five for Sorrow, Ten for Joy, che segue la vita di una delle donne che si unirono alle Suore di Betania.

Di Larry Peterson per Aleteia.org

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome