Afghanistan: scontri tra talebani e miliziani filo-Is, 50 morti

È di almeno 50 morti il bilancio dei violenti combattimenti scoppiati nel sud dell’Afghanistan fra opposte fazioni di talebani, una delle quali sarebbe passata sotto le bandiere dello Stato Islamico. E sempre a miliziani integralisti affiliati all’Is viene attribuita la decapitazione di sette civili rapiti circa un mese fa. Il servizio di Marco Guerra:

Talebani

Lo Stato Islamico raccoglie consensi e adesioni anche fra i talebani afghani. Gruppi di militanti integralisti degli ex studenti coranici si sono affiliati all’Is ed hanno cominciato ad operare nelle province afghane sud-orientali, scontrandosi con le forze di sicurezza e con i miliziani dell’Emirato islamico dell’Afghanistan. Ieri nella provincia meridionale di Zabul si sono combattuti i talebani fedeli al Mullah Akhtar Mansoor, successore del defunto Mullah Omar, e quelli della fazione “scissionista” filo-Is che segue il suo nuovo leader, Mullah Mohammad Rassol. Questi ultimi – ha spiegato il governatore della provincia – sono affiancati da combattenti arabi del califfato e da mujaheddin uzbechi.  I civili hanno dovuto lasciare la zona a causa dei violenti combattimenti fra i due gruppi. E la provincia afghana di Zabul è stata anche il teatro della decapitazione, avvenuta sabato scorso, di sette passeggeri di un autobus,  fra cui tre donne, rapiti un mese fa proprio dai talebani filo-Is. Le autorità temono che lo scontro tra gruppi rivali di jihadisti possa portare ad una nuova ondata di violenze.




Redazione Papaboys (Fonte it.radiovaticana.va)

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome