Afghanistan: scontri tra talebani e miliziani filo-Is, 50 morti

È di almeno 50 morti il bilancio dei violenti combattimenti scoppiati nel sud dell’Afghanistan fra opposte fazioni di talebani, una delle quali sarebbe passata sotto le bandiere dello Stato Islamico. E sempre a miliziani integralisti affiliati all’Is viene attribuita la decapitazione di sette civili rapiti circa un mese fa. Il servizio di Marco Guerra:

Talebani

Lo Stato Islamico raccoglie consensi e adesioni anche fra i talebani afghani. Gruppi di militanti integralisti degli ex studenti coranici si sono affiliati all’Is ed hanno cominciato ad operare nelle province afghane sud-orientali, scontrandosi con le forze di sicurezza e con i miliziani dell’Emirato islamico dell’Afghanistan. Ieri nella provincia meridionale di Zabul si sono combattuti i talebani fedeli al Mullah Akhtar Mansoor, successore del defunto Mullah Omar, e quelli della fazione “scissionista” filo-Is che segue il suo nuovo leader, Mullah Mohammad Rassol. Questi ultimi – ha spiegato il governatore della provincia – sono affiancati da combattenti arabi del califfato e da mujaheddin uzbechi.  I civili hanno dovuto lasciare la zona a causa dei violenti combattimenti fra i due gruppi. E la provincia afghana di Zabul è stata anche il teatro della decapitazione, avvenuta sabato scorso, di sette passeggeri di un autobus,  fra cui tre donne, rapiti un mese fa proprio dai talebani filo-Is. Le autorità temono che lo scontro tra gruppi rivali di jihadisti possa portare ad una nuova ondata di violenze.




Redazione Papaboys (Fonte it.radiovaticana.va)

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome