Home News Res Publica et Societas Addio a Don Franco Alfieri: il Covid ci porta via il prete...

Addio a Don Franco Alfieri: il Covid ci porta via il prete degli ultimi che lottò contro la camorra

Si è spento Don Franco Alfieri: lottò contro il male

Don Franco Alfieri aveva dedicato la sua vita agli ultimi, ai più fragili e dimenticati…

(Fonte avvenire.it – Antonio Maria Mira) Il Coronavirus ci porta via anche don Franco Alfieri, vicario generale della diocesi di Sessa Aurunca e parroco-rettore del Santuario di Santa Maria Incaldana a Mondragone; è morto il 4 novembre nell’ospedale di Latina dove era ricoverato da più di un mese.

Aveva dedicato la sua vita agli ultimi, ai più fragili e dimenticati, ai giovani.

Chi era don Franco?

Era nato a Nocelleto di Carinola (Caserta) il 6 ottobre 1946, era stato ordinato sacerdote il 14 agosto 1971. Proprio quel giorno, nel “ricordino”, aveva voluto scrivere quello che poi è stata la sua vita. “Concedimi, Signore, di passare nel mondo a porte spalancate, con la mia casa interamente vuota, disponibile, accogliente“.

Così era stato soprattutto come parroco di San Rufino a Mondragone. Prete dei giovani, prete anche scomodo, che non taceva contro la camorra e il dramma dei rifiuti, ben prima che si conoscesse la Terra dei fuochi. Protagonista di tante iniziative al fianco dell’allora vescovo, Raffaele Nogaro. Denunciava, e ha denunciato fino all’ultimo, trafficanti e sfruttatori. Gli bruciarono l’auto e, ora, quando si è saputo della sua malattia, qualcuno sui social ha voluto volgarmente ironizzare.

Appassionato di poesia, don Franco aveva dedicato all’epidemia l’ultimo suo libro “Virus, un mistero tenebroso”, e aveva passato l’estate regalandolo sulle spiagge di Mondragone.

Una, intitolata “Partendo”, così si chiude “Sarò giovane compagno di una stella che già spenta rinnova il suo dono per ciò che ogni giorno ricomincia. Vi invito alla marina ove si scioglie la vela della vita di chi, per gratuità, lasciò mutarsi in offertorio“.

Addio a don Franco Alfieri
Addio a don Franco Alfieri (casertanews.it)

Lo avevamo incontrato due anni fa nelle nostra inchiesta sul caporalato, nella tappa dedicata alla comunità bulgara, sfruttata sui campi e anche sul lungomare, con la terribile vicenda dei minori comprati sessualmente.

Don Franco aveva usato, come sempre, parole forti e chiare, contro i cittadini che “per lucro” o peggio, approfittavano di queste persone. Avrebbe voluto trasferirsi, “almeno per sei mesi”, a Gerusalemme. Non c’è riuscito e ora, leggendo i tanti commenti sui social, lascia un grande vuoto. “La sua preziosa testimonianza presbiterale e pastorale ha segnato generosamente il cammino di questa nostra Chiesa locale“, si legge in una nota della

I funerali si celebreranno sabato 7 novembre alle ore 18 presso la Basilica dell’Incaldana a Mondragone. Presiederà il vescovo, monsignor Orazio Francesco Piazza, in modalità contingentata e in diretta streaming.

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,942FansLike
19,967FollowersFollow
9,827FollowersFollow
2,330SubscribersSubscribe

News recenti

La rubrica dedicata a Padre Pio, 4 Dicembre 2020

Le parole più belle di Padre Pio e una preghiera per...

  La rubrica dedicata a Padre Pio: 4 Dicembre 2020 Pensieri e preghiere di Padre Pio per affrontare la giornata di oggi con il santo frate LEGGI:...