50 paesi coinvolti nelle Giornate Europee del Patrimonio

Giornate-europee-del-patrimonio-290x241STRASBURGO – Cinquanta Paesi, migliaia di siti storici e artistici, innumerevoli iniziative culturali: dal 30 agosto prendono avvio le “Giornate europee del patrimonio”, iniziativa congiunta della Commissione Ue e del Consiglio d’Europa. L’inaugurazione ufficiale del programma, che si estenderà per tutto il mese di settembre, avverrà a Jerevan, in Armenia, nazione che assicura la presidenza semestrale del Comitato dei ministri del Consiglio d’Europa. Sempre domani sarà inaugurato uno spazio web interattivo (http://europeanheritagedays.com) “che fornirà informazioni – spiegano gli organizzatori – sui luoghi aperti al pubblico e sulle manifestazioni che si svolgeranno in ogni Paese”. Innumerevoli le proposte in ogni angolo del continente: tra le più originali quella francese che celebra, con l’occasione, il centenario della legge nazionale (varata il 31 dicembre 1913) per la protezione dei monumenti di valore storico in tutto il Paese (http://www.journeesdupatrimoine.culture.fr). Gabriella Battaini-Dragoni, segretario generale aggiunto del Consiglio d’Europa, afferma: “Il successo delle Giornate europee del patrimonio deriva dal fatto che sono promosse a livello locale dalle collettività comunali e regionali. Annualmente, le collettività di tutta Europa entrano a far parte di una famiglia culturale che celebra il nostro ricchissimo retaggio culturale”. (Sir)

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome