Sento compassione per la folla

vangelo_30_11_2012RIFLESSIONE SUL VANGELO DI QUESTO MERCOLEDI’ –  La compassione è in Dio una forza irresistibile che lo spinge ad amare la sua creatura, quella da Lui fatta a sua immagine e somiglianza, di un amore infinito, senza tregua, sosta, ininterrottamente, senza mai stancarsi. La compassione di Dio la possiamo paragonare al fuoco che aggredisce la paglia. Mai esso si ferma finché tutto non sia stato ridotto in cenere. Quello di Dio per l’uomo è un amore irresistibile.

Quando Israele era fanciullo, io l’ho amato e dall’Egitto ho chiamato mio figlio. Ma più li chiamavo, più si allontanavano da me; immolavano vittime ai Baal, agli idoli bruciavano incensi. A Èfraim io insegnavo a camminare tenendolo per mano, ma essi non compresero che avevo cura di loro. Io li traevo con legami di bontà, con vincoli d’amore, ero per loro come chi solleva un bimbo alla sua guancia, mi chinavo su di lui per dargli da mangiare. Non ritornerà al paese d’Egitto, ma Assur sarà il suo re, perché non hanno voluto convertirsi. La spada farà strage nelle loro città, spaccherà la spranga di difesa, l’annienterà al di là dei loro progetti. Il mio popolo è duro a convertirsi: chiamato a guardare in alto, nessuno sa sollevare lo sguardo. Come potrei abbandonarti, Èfraim, come consegnarti ad altri, Israele? Come potrei trattarti al pari di Adma, ridurti allo stato di Seboìm? Il mio cuore si commuove dentro di me, il mio intimo freme di compassione. Non darò sfogo all’ardore della mia ira, non tornerò a distruggere Èfraim, perché sono Dio e non uomo; sono il Santo in mezzo a te e non verrò da te nella mia ira (Os 11,1-9).

La Scrittura ci rivela che l’uomo è così ostinato dinanzi a quest’amore, da giungere fine a stancare il suo Dio e Signore. Il peccato fa sì che l’uomo si stanchi del suo Dio, ma giunge anche a stancare il Signore, ma solo per qualche attimo. Poi l’amore vince.

Invece tu non mi hai invocato, o Giacobbe; anzi ti sei stancato di me, o Israele. 3Non mi hai portato neppure un agnello per l’olocausto, non mi hai onorato con i tuoi sacrifici. Io non ti ho molestato con richieste di offerte, né ti ho stancato esigendo incenso. Non hai acquistato con denaro la cannella per me né mi hai saziato con il grasso dei tuoi sacrifici. Ma tu mi hai dato molestia con i peccati, mi hai stancato con le tue iniquità. Io, io cancello i tuoi misfatti per amore di me stesso, e non ricordo più i tuoi peccati (Is 43,23-25).

Sion ha detto: «Il Signore mi ha abbandonato, il Signore mi ha dimenticato». Si dimentica forse una donna del suo bambino, così da non commuoversi per il figlio delle sue viscere? Anche se costoro si dimenticassero, io invece non ti dimenticherò mai. Ecco, sulle palme delle mie mani ti ho disegnato, le tue mura sono sempre davanti a me. I tuoi figli accorrono, i tuoi distruttori e i tuoi devastatori si allontanano da te (Is 49,14-17).

Gesù viene, nasce nella carne, per realizzare visibilmente tutta questa grande misericordia del Padre. È Gesù la compassione storica, visibile, tangibile, afferrabile del Padre. È la compassione divina che diviene per intero compassione umana.

Gesù si allontanò di là, giunse presso il mare di Galilea e, salito sul monte, lì si fermò. Attorno a lui si radunò molta folla, recando con sé zoppi, storpi, ciechi, sordi e molti altri malati; li deposero ai suoi piedi, ed egli li guarì, tanto che la folla era piena di stupore nel vedere i muti che parlavano, gli storpi guariti, gli zoppi che camminavano e i ciechi che vedevano. E lodava il Dio d’Israele. Allora Gesù chiamò a sé i suoi discepoli e disse: «Sento compassione per la folla. Ormai da tre giorni stanno con me e non hanno da mangiare. Non voglio rimandarli digiuni, perché non vengano meno lungo il cammino». E i discepoli gli dissero: «Come possiamo trovare in un deserto tanti pani da sfamare una folla così grande?». Gesù domandò loro: «Quanti pani avete?». Dissero: «Sette, e pochi pesciolini». Dopo aver ordinato alla folla di sedersi per terra, prese i sette pani e i pesci, rese grazie, li spezzò e li dava ai discepoli, e i discepoli alla folla. Tutti mangiarono a sazietà. Portarono via i pezzi avanzati: sette sporte piene.

Come Cristo è la compassione divina ed eterna del Padre nella sua carne, così ogni discepolo di Gesù, poiché suo vero corpo, deve essere la compassione visibile, tangibile, afferrabile di Gesù Signore. Il Padre e Cristo una sola compassione. Il Gesù e il discepolo una sola compassione, un solo amore. È in questa unità di compassione Padre, Gesù, discepolo che si compie la vera salvezza dell’uomo

Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, fateci compassione di Gesù.

(Movimento Apostolico – rito romano)

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome