La preghiera del Papa per l’Egitto e per la pace durante l’Angelus

1149050_580223822041639_18154323_nCASTEL GANDOLFO – Al termine della celebrazione eucaristica a Castel Gandolfo, il Papa ha presieduto la preghiera dell’Angelus, lanciando un appello di pace per l’Egitto. Poi ricorda il ruolo della donna nella Chiesa. Papa Francesco segue con preoccupazione quanto sta accadendo in Egitto, da dove – afferma – “giungono purtroppo notizie dolorose”: “Desidero assicurare la mia preghiera per tutte le vittime e i loro familiari, per i feriti e per quanti soffrono. Preghiamo insieme per la pace, il dialogo, la riconciliazione in quella cara Terra e nel mondo intero. Maria, Regina della Pace, prega per noi. Tutti diciamo: Maria, Regina della Pace, prega per noi”.

Quindi il Papa ha ricordato il 25.mo anniversario della Lettera Apostolica Mulieris dignitatem, del beato Papa Giovanni Paolo II, sulla dignità e la vocazione della donna. Si tratta – ha detto – di un documento “ricco di spunti che meritano di essere ripresi e sviluppati”. Alla base di tutto “c’è la figura di Maria”: “Facciamo nostra la preghiera posta alla fine di questa Lettera Apostolica (cfr n. 31): affinché, meditando il mistero biblico della donna, condensato in Maria, tutte le donne vi trovino se stesse e la pienezza della loro vocazione e in tutta la Chiesa si approfondisca e si capisca di più il tanto grande e importante ruolo della donna!”. Un ruolo che inizia con il “sì” di Maria pronunciato a Nazaret: “E in realtà è proprio così: ogni ‘sì’ a Dio è un passo verso il Cielo, verso la vita eterna. Perché questo vuole il Signore: che tutti i suoi figli abbiano la vita in abbondanza! Dio ci vuole tutti con sé, nella sua casa!”. Infine, il Papa ha ringraziato tutti i presenti, in particolare i pellegrini giunti dalla Guinea con il loro Vescovo.

Sergio Centofanti per la Radio Vaticana

IL VIDEO DELL’ANGELUS

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome