Home News Res Publica et Societas 2013? Non è stato un grande anno per la politica italiana ...

2013? Non è stato un grande anno per la politica italiana #opencamera

italia.pol.no - CopiaNo, decisamente il 2013 non è stato un grande anno per la politica italiana. È iniziato con un governo dimissionario e con una campagna elettorale di due mesi, che ha portato al peggior risultato possibile: nessun vincitore, Paese spaccato in tre fazioni, tentativi andati a vuoto di creare un governo, incapacità di trovare un accordo in Parlamento sul nuovo presidente della Repubblica e bis di Napolitano, che a sua volta ha condizionato la propria permanenza alla formazione di un governo di larghe intese.

Sembrava si potesse finalmente iniziare a pensare ai problemi dell’Italia, e invece no: la condanna di Berlusconi e la successiva decadenza da parlamentare hanno spazzato via anche le larghe intese, restringendole a una maggioranza che oggi si regge in piedi con difficoltà e che non ha ancora lasciato il segno. I partiti che sostenevano il governo Letta si sono spaccati (Pdl, Scelta civica) oppure hanno subito un terremoto interno (Pd, con l’elezione di Renzi); le uniche a sopravvivere sono state le opposizioni (Cinquestelle, SEL, Lega, Fratelli d’Italia), che nell’anno appena trascorso hanno avuto buon gioco a denunciare immobilismo ed errori. Neppure da parte loro, però, c’è stato un contributo serio e costruttivo: l’impressione è che per comodità e convenienza elettorale si sia preferito giocare allo sfascismo, al “muoia Sansone”, alla delegittimazione dell’avversario e alla sua demonizzazione.

È l’Italia di sempre, insomma, anche se magari sono cambiati alcuni attori e se una nuova generazione sembra ormai sul punto di rubare la scena a quella precedente: è come se alla politica, capace solo di replicare vecchi schemi, mancasse davvero un’anima. In tutto questo, la presenza cristiana non pare aver offerto un contributo rilevante al miglioramento del clima: in Parlamento non mancano donne e uomini cristianamente impegnati, ma al di là della testimonianza personale non riescono ad incidere molto. E così i poveri, i deboli, le famiglie sono ancora una volta ai margini del panorama legislativo: le poche volte in cui il dibattito si accende, e nel 2013 molto meno del solito, è soltanto su questioni di bioetica o di morale sessuale.

Da osservatore esterno, dopo quasi 5 anni trascorsi a Montecitorio, auguro ai protagonisti della politica italiana un 2014 scomodo: scomodo come quegli auguri di Natale che scriveva don Tonino Bello, pregando “gli angeli che annunciano la pace” di portare guerra alla “sonnolenta tranquillità” di molti. Ai cittadini e agli elettori, invece, auguro di non perdere mai la speranza e la fiducia nell’impegno al servizio della società: è il disimpegno diffuso, semmai, il miglior alleato di chi non vuole cambiare nulla.

 Andrea Sarubbi

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

306,012FansLike
20,918FollowersFollow
9,829FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Parole per la Quaresima. Solidarietà

40 PAROLE PER LA QUARESIMA. 19° giorno, Solidarietà (aiuta il prossimo)

Affronta la Quaresima sotto la luce della fede cristiana Porta sempre con te del cibo extra da dare a chi ne ha bisogno... SOLIDARIETA’ - Inizia...