Volontari con i francescani di Terra Santa

24273GERUSALEMME – Una ventina di persone si dava da fare a Maria Bambina, casa d’accoglienza nella Città Vecchia di Gerusalemme. Semplice impegno e segnalazio che giunge dalla città Santa. Essere volontari presso i francescani di Terra Santa è ciò che li accomuna. Molte le differenze: nazionalità, età, professione, convinzioni e percorso spirituale, durata del periodo dedicato a questa esperienza di servizio (qualche settimana, tre mesi, fino a vari anni).

In questa serata i volontari aspettavano di accogliere «a casa» alcuni frati francescani, tra i quali Fra Pierbattista Pizzaballa, Custode di Terra Santa. La cena, preparata con grande cura, ha offerto agli ultimi arrivati l’opportunità d’incontrare, per la prima volta, sia i frati sia gli altri volontari, un’occasione per instaurare legami di amicizia.

I frati hanno ringraziato i volontari che si susseguono in Terra Santa per contribuire concretamente alla missione di san Francesco. Per esempio, Riccardo, ventotto anni, è arrivato a Gerusalemme da più di tre mesi. Ha incontrato i francescani ad Assisi in Italia e, toccato dalla loro spiritualità, ha deciso di proseguire l’avventura al loro fianco. Oggi, è volontario presso la Ong della Custodia (ATS Pro Terra Sancta), occupandosi del fundraising per i progetti dei frati e della comunicazione di ATS.

Seduta accanto a lui, Ada, giornalista originaria di Roma, venuta per aiutare i francescani nella comunicazione audiovisiva e nel servizio informatico. Ogni giorno, produce reportage sui luoghi santi o partecipa alle liturgie. «Questo volontariato mi permette di scoprire in profondità non solo la Terra Santa, ma anche chi la abita e posso raccontarlo agli altri», dichiara questa giovane sui trent’anni che sorride rievocando, con emozione, la partecipazione alla Messa di mezzanotte a Betlemme. Qualche metro più in là, incontriamo Elisa, arrivata in novembre 2012 che i volontari, affettuosamente chiamano «luce della casa» colei che fa da sorella maggiore della famiglia. Elisa, anche lei sui trent’anni, è architetto e dedica il suo tempo alla ristrutturazione delle case cristiane in Città Vecchia a Gerusalemme.

Poi, c’è Marcello, volontario presso la biblioteca della Custodia dove cura l’inventario delle riviste e dei manoscritti antichi. «All’università, il mio professore mi aveva parlato di un progetto a Gerusalemme; io avevo terminato i miei studi e cercavo un lavoro. È stato il momento di tentare l’avventura e non ho rimpianti. Imparo molto, ma ciò che più mi colpisce è l’umanità di questi luoghi. In Europa, i media ci parlano solo del conflitto, del muro e delle divisioni. La Custodia mi offre, quotidianamente, esempi di condivisione, iniziative di pace e dialogo» commenta questo giovane italiano.

Il sapere e le competenze di questi volontari, che hanno la gioia di condividere la loro vita quotidiana a Maria Bambina, sono molteplici. Auguriamo loro di ripartire trasformati da questa esperienza in Terra Santa, come tutti quelli che li hanno preceduti.

Custodia.org

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome