Vivere o morire. Per la piccola Tafida è questione di ore. Un aggiornamento. Preghiamo per te piccolina!

Vivere o morire. Per la piccola Tafida è questione di ore. Un aggiornamento. Preghiamo per te piccolina!

L’udienza all’Alta Corte del Regno Unito per salvare la vita della piccola Tafida Raqeeb è arrivata a un punto decisivo. A scriverlo è Filippo Savarese nella newsletter di Citizengo.

Tafida

Tra poche ore i giudici inglesi decideranno se i genitori di Tafida potranno lasciare il Regno Unito e portare la figlia all’Ospedale Gaslini di Genova dove un team medico si prenderà cura di lei — o se Tafida deve essere fatta morire.

PUOI LEGGERE ANCHE: Un nuovo ‘attacco’ contro i genitori della piccola Tafida. Vogliono proprio farla morire?

Cittadini di tutto il mondo stanno pregando e si stanno mobilitando per aiutare Tafida, i suoi genitori e CitizenGO con un sostegno finanziario alle spese mediche e legali che stanno affrontando.

Spero che parteciperai anche tu a questa iniziativa mondiale per sostenere la causa Tafida!

Già ora i genitori di Tafida devono far fronte a enormi spese legali e mediche, e hanno bisogno di aiuto. Non possiamo entrare nel cuore e nella mente dei giudici per fargli emettere la sentenza che vorremmo, ma possiamo far sentire la nostra vicinanza alla famiglia con un aiuto economico.

Se vinceranno i sostenitori dell’Eutanasia, la famiglia dovrà presentare subito un ricorso urgente per impedire che i cosiddetti “medici” eseguano la sentenza di morte che sarà emessa.

PUOI LEGGERE ANCHE: ‘Faremo di tutto per far vivere nostra figlia!’. Raqueeb, la mamma di Tafida, visita il Gaslini.

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome