Home News Italiae et Ecclesia Viaggio nella Basilica di San Francesco d'Assisi (Parte 1)

Viaggio nella Basilica di San Francesco d’Assisi (Parte 1)

Pubblicità

La Basilica di San Francesco

Entriamo nella Basilica di San Francesco ad Assisi. Oggi parliamo della Chiesa Superiore. Una delle chiese più belle del mondo grazie al suo stile gotico e i numerosi affreschi di Giotto. 

Pubblicità

L’esterno

L’esterno della Basilica ha richiami evidenti al gotico francese. Nella cuspide della facciata, nello slancio, ma il tutto ha un carattere totalmente diverso dal gotico d’oltralpe anche se il portale bipartito può richiamare quello stile.

Pubblicità

Le mensole orizzontali e soprattutto il rosone hanno un’aria decisamente italiana ed umbra.  Ci fa ripensare alla cattedrale di San Rufino e di cui ne richiama gli elementi.

Il campanile inoltre è greve con un largo impianto che si alleggerisce con le cornici orizzontali divisorie e appena si rianima con profilature salienti, verticali, verso aperture molto alte. Le superfici sono tutte in quella bella pietra del Subasio che si accende nelle ore della luce di rosa e s’imbianca fortemente sotto la luna. Le finestre, così misurate nella loro forma, sono note di canto con le vetrate di colore, ma lasciano un largo spazio alla narrazione che cammina con l’uomo dentro la navata. I contrafforti sono costituiti da pilastri cilindrici che si staccano quasi come rilievo plastico dalla superficie, piuttosto che riassumere la tensione verticale delle pareti, e si diversificano nel colore dall’insieme della costruzione.

LEGGI ANCHE: Tre potenti preghiere scritte da San Francesco

Colori e linee

Colore e linea dunque piuttosto che tensione o slancio acuto, nervoso, dinamico, sono i caratteri che la Basilica offre come un messaggio di spiritualità semplice, senza presupposti tecnici complicati o raziocini teologici, tomistici e francesi.

Infatti, anche nella parte posteriore della Basilica, gli archi rampanti non sono determinati dai giochi di scarico, ma dal terreno scosceso dello sperone su cui si erge l’edificio all’estremo ovest della città. E il gioco di essi, da contemplarsi più in basso, non è che il gioco necessario per costruzioni che si sono aggiunte e affiancate alla Chiesa, con un impianto più allargato di quello previsto progetto, che si svilupperà poi in pieno Rinascimento. La Francia era presente ad Assisi attraverso il commercio delle stoffe e la cultura conventuale di altri ordini religiosi cistercensi.

San Francesco

Dio aleggia ovunque

Lo stile architettonico diventa moda. Una moda che in Toscana e in Umbria ha un altro sapore e si adatta al carattere locale e ne riassume lo spirito umano. La semplicità e la chiarezza ed elimina dello stesso ogni virtuosismo, ogni acutezza, ogni forzatura. In tal modo anche la struttura poligonale dell’abside si inserisce serenamente in questo discorso di colore e di misura serena ed umana. Dio aleggia ovunque, è vicino all’uomo, cammina con lui per le strade del mondo per innalzare lo spirito sì, ma senza strappi violenti.

Fonte www.sanfrancescoassisi.org

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,918FansLike
17,749FollowersFollow
9,748FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Madonna di Fatima

Il 13 Luglio 1917 la Madonna a Fatima diceva: ‘Il Mio...

Anniversario della terza apparizione a Fatima di Maria Il 13 Luglio 1917 la Madonna a Fatima diceva: 'Il Mio Cuore Immacolato trionferà' COSA ACCADDE? Dopo le...