Home News Ethica et Oeconomia Al via il G20: crescita e occupazione in primo piano

Al via il G20: crescita e occupazione in primo piano

Al via il G20: crescita e occupazione in primo pianoG20: rilanciare la ripresa e creare posti di lavoro. E’ questa l’emergenza mondiale su cui tra oggi e domani sono a lavoro i grandi della Terra, riuniti al G20 in Australia, in una Brisbane blindata e deserta. Diverse le proposte già arrivate sui temi economici da Unione europea e Fondo Monetario Internazionale. Denso il programma che vede in primo piano anche le questioni climatiche e i dossier più scottanti come l’Ucraina e l’Ebola. Il servizio di Gabriella Ceraso per la Radio Vaticana:

Fermarsi a “dichiarazioni di principio” sarebbe increscioso, servono “soluzioni alle crisi” che colpiscono il mondo. Risuona forte in apertura dei lavori del G20 in Australia l’auspicio espresso martedì da Papa Francesco, mentre i grandi della Terra mettono nero su bianco le questioni da discutere. Le priorità, che il premier australiano Abbott ha garantito entreranno nel documento finale, sono crescita e creazione di posti di lavoro, già al centro di bilaterali preliminari che hanno visto protagonista l’Italia di Renzi. Al vaglio c’è un piano da 2000 miliardi di dollari per crescere del 2% in 5 anni anche grazie agli investimenti specie in infrastrutture, con la partecipazione di capitale privato.

Una reazione forte e maggiori sinergie, le invocano il Fmi e l’Unione europea che annuncia,con l’esordiente presidente della Commissione Junker, un pacchetto di investimenti del valore di 300 miliardi di euro e una sorta di cabina di regia in accordo co la Bce. Ma a Brisbane c’è anche altro: il clima innanzitutto, con la proposta americana di un contributo di 3 miliardi ai Paesi piu’ poveri e poi il dossier Ucraina.

Il presidente Russo Putin vedrà il premier italiano ma non Barak Obama che già ha ribadito:” l’aggressione di Mosca minaccia il mondo”. Non da ultimo la questione Ebola: a Brisbane l’appello viene dal segretario delle Nazione Unite, Ban ki Moon che chiede ai grandi della Terra più sforzi per evitare la crisi alimentare a partire dall’Africa.

A cura di Redazione Papaboys fonte: Radio Vaticana

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

306,066FansLike
20,431FollowersFollow
9,829FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

La storia del piccolo Daniel Neves

La storia di Daniel: il bambino che dipinge santi per pagarsi...

Il piccolo Daniel sta letteralmente commovendo il mondo Un bambino, di nome Daniel, dipinge la Madonna per pagarsi le cure mediche (Fonte it.churchpop.com) Nelle ultime settimane...